VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
di [user #16055] - pubblicato il

L'avventura di Ambrosi-Amps del nostro lettore TidalRace passa per un altro progetto solid state, potente e dalla spiccata versatilità. Ecco la storia del modello da 140 watt.
Insieme al progetto dell’amplificatore da 70 watt, era già prevista la possibilità di un modello di dimensioni e potenza maggiori, sempre declinato nei due formati testata e combo e possibilità di scelta tra una configurazione a due coni da 12 pollici o un solo cono da 15 pollici. Anche i cabinet previsti per la testata avrebbero avuto la stessa configurazione.
Il design richiamava il modello più piccolo, ma utilizzava un pannello controlli di dimensioni maggiori e diviso su due piani, per lasciare ai controlli la parte superiore inclinata e a selettori e spie quella inferiore verticale.
Le differenze principali, oltre il finale di potenza più tradizionale a mosFET in luogo dell’integrato monolitico, riguardava l’utilizzo di due ingressi ad alta e bassa sensibilità e impedenza, l’adozione di un controllo di volume in più per il canale Clean invece del trimmer interno e i selettori della parte inferiore posizionati in asse con il controllo relativo e non nascosti sotto il telaio. Per il resto, i circuiti erano praticamente identici con i loro due canali Lead e Clean e la possibilità di settare fino a cinque suoni, molto diversi tra loro, tramite l’ausilio di una delle quattro pedaliere dedicate, comuni ai due modelli. Gli ulteriori selettori già visti nel modello minore rimanevano nascosti sotto il telaio. Questi erano il selettore per emulare un finale di potenza in classe-A, il doppio Presence a quattro posizioni per un picco di alte in più su tre frequenze diverse, tutti e tre posizionati sotto il dissipatore. Altri selettori erano il Bright sul Volume del canale distorto, quest’ultimo dotato anche del selettore Polarity, per invertirne la fase del segnale per alcune combinazioni extra.

Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Dimensioni e stile della possibile testata da 140 watt a stato solido vista dal lato posteriore

Il pannello posteriore era praticamente identico al modello da 70 watt, a parte l’adozione di un dissipatore di maggiori dimensioni e un controllo rotativo per permettere al loop effetti di passare da un collegamento seriale a uno parallelo, con la possibilità di mescolare la quantità di suono diretto rispetto al segnale di ritorno dei processori collegati. Anche in questa testata era previsto un coperchio a vasistas, quindi incernierato in basso con chiusura a velcro, per accedere sia alle molle del riverbero, sia ai cinque selettori nascosti e sfruttare lo spazio rimasto per ospitare i cavi, le mute di corde, plettri eccetera.

Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Vista anteriore del modello in formato combo

Mi rendo conto che parlare di amplificatori da 140 watt oggi sia un po’ fuori moda, occorre tuttavia considerare la natura di non valvolare, sia per quanto riguarda il peso, sia il possibile prezzo a cui si sarebbe trovato nel caso fosse arrivato in vendita nei negozi.
Inoltre, una potenza di questo valore avrebbe permesso una maggiore dinamica evitando saturazioni nel suono pulito. Nel 2009, anno di progettazione di questo amplificatore, disegnato solo al computer, era ancora un ottimo investimento offrire un simile prodotto, ma meno realizzabile economicamente del modello minore.

Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato

Le dimensioni previste della sola cassa del combo erano di 680x530x280mm con un peso stimato dell’amplificatore di 28 kg per la 2x12 con speaker ceramici o 24 kg per i coni al neodimio, mentre per la versione 1x15 si poteva rimanere tra i 22 e i 24 kg. Per la testata si stava sui 680x265x280 mm per un peso di 16 kg.

Le caratteristiche in sintesi erano queste:
Potenza 140 watt a 4 ohm / 100 watt a 8 ohm – 200 watt di picco – 220 VA di massimo assorbimento dalla rete elettrica
Trasformatore toroidale surdimensionato (bassa dispersione di flusso magnetico)
Alimentazione stabilizzata sul pre
Funzione ACTIVE per permettere anche la funzione ANTI-BUMP sia all’accensione, sia allo spegnimento
Protezione contro i cortocircuiti e contro i sovraccarichi
Doppia protezione sulle temperature eccessive
Cabinet in multistrato di betulla da 18 mm – Speaker (2) Jensen C12K2 o (1) Jensen JCH 15/200 – Telaio in alluminio da 2 mm con pannello anteriore inclinato
Molle riverbero Accutronics
Particolarità sul pre: H.D.S. Harmonic Diode System su sei moduli intercambiabili
Canali preamplificatore: Lead e Clean con possibilità di settare fino a cinque preset tramite pedaliera esterna
Pedal1: 1 selettore Clean / Lead
Pedal2: 2 selettori Clean / Lead / Combi
Pedal3: 2 selettori Clean / Lead / Lead2 / Lead3
Pedal4: 3 selettori Clean / Lead / Lead2 / Lead3 / Combi

Pannello anteriore:
- Input: Ingressi sbilanciati ad alta impedenza (1 Mohm / 136Kohm)
- Massimo livello d’ingresso 30Vpp (High) o 60Vpp (Low)
- Gain per entrambi i canali: da 0 a +41 dB
- Drive per canale Lead: da 0 a +84 dB
- Voice per canale Lead: max 11 dB da Mid Cut (650Hz) e Extreme Boost a Mid Boost (1.500Hz) e Extreme Cut
- Notch per canale Lead: da una campana stretta ma profonda e frequenza di 2kHz, fino a una campana più larga ma meno profonda e una frequenza di 650Hz con interruttore d’esclusione
- Volume per canale Lead: livello d’uscita con possibilità d’attivare un Bright, un Deep e il Polarity
- Selettore Channel: scelta manuale del canale Lead o Clean segnalata da due LED
- Volume per canale Clean: livello d’ingresso con possibilità d’attivare un Bright
- Voice per canale Clean: max 11 dB da Mid Cut (650 hz) e Extreme Boost a Mid Boost (1.500 hz) e Extreme Cut
- Trio Toni per canale Clean: Bass: 120Hz – Middle: 650Hz – Treble: 3.600Hz con controlli indipendenti tra loro
- Master per entrambi i canali: livello d’uscita con possibilità d’attivare un Deep
- Reverb per entrambi i canali: livello del riverbero per entrambi i canali
- Cut per entrambi i canali: filtro passa-basso regolabile da 10kHz a 4kHz
- Selettore Active: interruttore che attiva il solo finale di potenza per evitare bump all’accensione e allo spegnimento, suonare in silenzio o fare una pausa, segnalata da un grande LED arancione
- LED Power: grande LED blu per verificare l’accensione dell’amplificatore attivabile dal retro.

Funzioni nascoste:
- Class-A: adotta uno speciale circuito aggiuntivo per donare al finale di potenza una risposta in classe-A dinamica
- Presence: aggiunge un picco di +6 dB a tre frequenze diverse: 3.700, 5.200 e 7.300 hz disattivabile, per adattarlo alle caratteristiche di una cassa esterna o dell’ambiente
- Bright per Volume: aggiunge alte frequenze alle regolazioni basse e medie di questi controlli per non perdere brillantezza al suono
- Deep per Volume e Master: aggiunge basse frequenze alle regolazioni basse di questi controlli per non perdere profondità al suono
- Polarity per Volume: inverte la fase del segnale del canale Lead andando ad interagire con i preset Combi, Lead2 e Lead3.

Pannello posteriore:
- Selettore Panel: interruttore per utilizzare il cambio canale da pannello o da pedaliera
- Connettore Pedal: connettore a 15 poli per collegare una delle quattro pedaliere dedicate
- Lead RCA: uscita per i preset Lead, Lead2 e Combi prive del Master, del Reverb, del Cut e del Loop effetti
- Clean RCA: uscita per i preset Clean, Lead3 e Combi prive del Master, del Reverb, del Cut e del Loop effetti
- Send RCA: uscita per inviare il segnale alle molle del riverbero
- Return RCA: ingresso per accettare il segnale ritardato delle molle del riverbero
- Send & Return Jack: loop seriale per connettere eventuali effetti esterni
- Mixed: bilanciamento tra segnale diretto ed effettato inviato al finale di potenza
- Rec-Out Jack: uscita ad alto livello, copia dell’ingresso Return precedente
- Line-Out Jack: uscita ad alto livello, copia attenuata dell’uscite Speaker
- Out Speaker: uscite di potenza per lo speaker interno da 4 ohm, una cassa esterna da 4-8 ohm o due casse esterne da 8-16 ohm
- Fuse T2A: fusibile di tipo ritardato da 2A/250Vac, all’interno sono presenti altri due fusibili di tipo rapido da 3A/250Vac sulla scheda PCB
- Interruttore Power: per l’accensione generale dell’apparecchio
- Cavo di rete: da connettere a una rete elettrica da 220-240 Vac 50-60Hz.

- Guadagno totale del canale Lead da +10 dB a +94 dB
- Guadagno totale del canale Clean +42 dB
- Guadagno totale del finale di potenza +30 dB
- Guadagno totale su preset Lead da +10 dB a +135 dB
- Guadagno totale su preset Clean da +42 dB a +83 dB
- Guadagno totale su preset Lead2 e Lead3 da +52 dB a +177 dB
- Guadagno totale su preset Lead2 e Lead3 compreso finale di potenza da +82 dB a +207 dB
amplificatori per chitarra elettronica gli articoli dei lettori
Link utili
Il progetto da 70 watt
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
MK Ultra: il valvolare minimale Orange in video
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964