HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il Lemur non c'è più...
di [user #18600] - pubblicato il

Come era facilmente prevedibile, in un periodo di pan-iPad-esimo (se ci passate il neologismo), i francesi di Jazz Mutant hanno deciso di tirare i remi in barca: dopo aver dimostrato al mondo quanto fosse "stiloso" giocare con il 14" multi touch sensor surface per gestire MIDI, OSC e tutto il resto, oggi è stato ufficialmente annunciata la fine dell'epoca Lemur. Il prestigioso multi controller configurabile, disponibile anche nella versione Dexter otimizzata per la gestione DAW, è storia.

Divenuto, in breve tempo, uno status symbol per i performer più di moda - molto spesso sottoutilizzato per le sue notevoli capacità, il Lemur é/era un controller in grado di dialogare tramite cavo ethernet T-100 con qualsiasi soft/hard in grado di gestire protocollo OSC.

In maniera non priva di imprevisti, non facile da gestire, per certi versi nightmarish (tanto per parlare cispadano...), poteva essere configurata in maniera tale da dialogare bidirezionalmente attraverso una libreria di "oggetti" (fader, bottoni, touch area XY, bouncing balls, rubber/handle, eccetera...) configurabili per trasmettere valori di controllo dinamicamente editabili dall'utente.

Al gradino più basso della catena evolutiva, Lemur è stato utilizzato come semplice fader box virtuale con cui mixare/rimixare il playback di strutture esterne; immediatamente ad un livello di complessità maggiore, lo si è visto interagire con Ableton LIVE, con GoBox e NewSkool di Reaktor; ancora più su nella piramide evolutiva - patrimonio di pochi musicisti veramente "schperimentali", lo si è potuto apprezzare in interazione con Max/MSP...

Oggi, è solo un ricordo. Requiscat in pace. Lunga vita all'iPad...

Tutti i Lemuri sono scappati...

controller lemur
Link utili
Per ricordare con nostalgia
Altro da leggere
Pubblicità
Valeton in Italia con Gold Music...
Grandi novità Masotti-Mezzabarba a SHG...
Dual Expression: pedale d'espressione...
Controllare più effetti con un solo pedale...
Pubblicità
Commenti
Il motivo principale? mi sembrava una figata...
di francescoRELIVE [user #13581] - commento del 15/03/2011 ore 15:4
Il motivo principale? mi sembrava una figata...
Rispondi
Magari presto lo vedremo riesumato sottoforma ...
di Bistik [user #26804] - commento del 15/03/2011 ore 17:4
Magari presto lo vedremo riesumato sottoforma di App per I Pad, chi vivrà vedrà..
Rispondi
Re: Magari presto lo vedremo riesumato sottoforma ...
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 15/03/2011 ore 20:1
beh, la pallina che rimbalzava era assai sfiziosa...
Rispondi
comprensibile
di mattconfusion [user #13306] - commento del 16/03/2011 ore 09:5
secondo me è comprensibile. Nell'epoca in cui tra ipad e galaxy (e gli altri futuri tablet) il costo di questi oggetti "multi-purpouse" progressivamente cala, e al tempo stesso si aprono possibilità di programmazione autonoma di patch e di applicazioni già esistenti a costi bassissimi (comunicando sul protocollo osc ecc ecc), un "mostro sacro" come il lemur, dal costo non proprio esiguo, penso che abbia un po' perso il fatto di essere "l'unica via" per un controllo touch screen programmabile nelle performance elettroniche. E' sempre stato un cult.... ma obbiettivamente se posso raggiungere risultati comparabili con un oggetto che costa meno della metà, con app le cui patch che a quanto ho sentito si programmano in maniera ABBASTANZA intuitiva.... e che fa anche altro (non pensiamo ai professionisti ma alla gente normale appassionata) la scelta mi pare abbastanza logica . Poi si possono fare tutti i discorsi sui costi di produzione di questo lemur...di quanti effettivamente ne erano stati venduti e con che ricavo..
Rispondi
Re: comprensibile
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 16/03/2011 ore 15:0
mah... in camera caritatis e lontano da orecchie indiscrete, io ricordo ancora con terrore le convulsioni necessarie per completare correttamente la configurazione ethernet necessaria a far dialogare Lemur con il resto del mondo: brrrrrrrrr
Rispondi
Re: comprensibile
di mattconfusion [user #13306] - commento del 16/03/2011 ore 15:0
infatti per quello secondo me è abbastanz alogico che uno fra la scelta di utilizzare il suo ipad con una app più semplice e intuitiva e utilizzare il lemur magari usa l'ipad...presumendo che una tecnologia successiva sia più user friendly nella configurazione.
Rispondi
Re: comprensibile
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 16/03/2011 ore 15:1
oh, poi col lemur non riuscivo mai a prendere la linea per chiamare casa... :-)))
Rispondi
Re: comprensibile
di mattconfusion [user #13306] - commento del 16/03/2011 ore 15:1
ahah...vuoi mettere rispondere al telefono mentre maltratti ableton live
Rispondi
Re: comprensibile
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 16/03/2011 ore 15:1
prontooo, a maaaaaaaaà e sto a ffffffffà er concertoooo! te chiamo dopoooo....
Rispondi
perché comprensibile?
di mauij [user #29440] - commento del 17/05/2011 ore 00:3
Ciao a tutti, ok, siamo nell'era dell"I pad- esimo ma nell'i pad a parte gli 8 pollici si puo' installare jazz editor? e se mi consentite come farebbe a interagire con Fader, Multiball ring ,Area Knob, Pads Switches etc. Non mi sembra che la app Kapture Pad consenta tutte queste features... Inoltre, se potete, toglietemi un 'altra curiosità . Il Lemur necessita per forza di un software tipo Ableton Live o Logic per funzionare e che senso ha usare per ableton Live, il multi touch controller Lemur e per es. un midi controllor come l' Apc 40 della akay o che so un behringer bcr2000..? Grazie infinite per eventuali delucidazioni
Rispondi
Re: perché comprensibile?
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 17/05/2011 ore 22:3
mah, mi sembra che per ipad stiano uscendo "cose" a spron battuto, comprese librerie di oggetti cui agganciare la trasmissione di controlli midi, tipo palle che rimbalzano e cose del genere - tanto per rimanere in "ambiente lemur" poi, sinceramente, se dovevo spendere 2000 euro semplicemente per le palle che rimbalzano sullo schermo da 14", sono contento di aver perso quell'occasione :-)) tornando al lemur: è (anzi, era) solo un controller, nessuna capacità di sintesi autonoma; trasmette(va) dati via porta ethernet T100, che deve essere configurata con fatica. sulla necessità di usare lemur invece di apc 40 - che però è arrivato molto dopo - si può discutere a lungo... personalmente, sono convinto che, a parte quei 2 o 3 personaggi in grado di configurare l'apparecchio made in france, tutti gli altri si siano lasciati prendere la mano, come dire, dallo status symbol... sono troppo maligno? ;-)
Rispondi
Re: perché comprensibile?
di mauij [user #29440] - commento del 18/05/2011 ore 23:2
beh, non saprei.. Oggidì un lemur, non so se si puo' allegare un link, si compare 'semi nuovo' anche per nemmeno 700 euro. Ma davvero certe app OSC consentono i pad interagire con ableton?..Mah.. e comunque non intendevo sulla possibilità di usare Lemur invece di un apc 40 ma entrambi insieme :) Ciao
Rispondi
Re: perché comprensibile?
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 18/05/2011 ore 23:5
che ti devo dire... io non lo comprerei neanche per settanta euro ;-) sul fatto di usarli insieme (apc e lemur) dipende dalla possibilità di gestire SIMULTANEAMENTE OSC e MIDI over USB, con Reaktor lo puoi fare, non so se ableton lo permette (è un programma che di cui non ho mai avuto bisogno...) a presto enr
Rispondi
di Manuel [user #531] - commento del 11/03/2017 ore 20:48:47
ok, ma per manipolare Sculpture o omnisphere LIVE, da logic... che mi consigli? grazzie
Rispondi
di Manuel [user #531] - commento del 11/03/2017 ore 20:47:16
odio l'iPad... ne ho trovato uno vecchio... mi fa gola
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
Venti attrezzi online per chitarristi
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964