VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Muore un mito: Cornford chiude
Muore un mito: Cornford chiude
di [user #32606] - pubblicato il

Il mercato cambia e la crisi colpisce inaspettatamente anche i grandi marchi boutique del mondo dell'amplificazione. Cornford chiude i battenti, ma un nuovo nome a esso correlato è già all'orizzonte.
Il mercato cambia e la crisi colpisce inaspettatamente anche i grandi marchi boutique del mondo dell'amplificazione. Cornford chiude i battenti, ma un nuovo nome a esso correlato è già all'orizzonte.

Muore un altro mito. Non è morto un grande chitarrista. Almeno, non mi risulta e spero non sia così.
Vengo ai fatti.

Come quasi tutti i chitarristi, mai contenti del suono che esce dalle loro casse, sono alla ricerca del mio prossimo ampli (solo testata), che deve essere di buona qualità, di media potenza ma con un selettore o un qualche altro marchingegno che ne consenta anche un utilizzo casalingo. Mi direte che ce ne sono molti sul mercato. È vero ed è proprio questo il problema: non voglio cambiarlo tra due mesi, voglio essere convinto dell'acquisto e trovare il mio suono. Al momento propendo per un Suhr Badger 35, ma non sono qui per tediarvi con le mie manie, né con i miei gusti personali.
Scrivo questo articolo per dare una notizia triste, pur consapevole che a molti non fregherà un accidente...

Prima di iniziare un giro di prova nei negozi per provare con le mie orecchie l'amplificatore dei miei sogni, mi sono affacciato su internet alla ricerca di quel che offre il mercato e sono andato a visitare i siti dei produttori più noti e di qualche boutique, per cercare nei cataloghi l'oggetto del desiderio.
Tra i marchi a cui intendevo dare la precedenza, c'era Cornford.
Scrivo al passato non perché il suono della casa britannica non mi piaccia più, ma perché Cornford è morta.

Muore un mito: Cornford chiude

Qualche tempo fa ha chiuso un'azienda che, seppur di dimensioni e diffusione non paragonabile a quelle di Marshall, Mesa e via dicendo, ha fatto un po' la storia degli ultimi vent'anni di musica rock e non solo.

Quando ci lascia un grande chitarrista, Accordo ce ne dà notizia ed è giusto che sia così perché, diciamocelo, ci sentiamo un po’ una famiglia... allargata, molto allargata! Da Allan Holdsworth a Raoul Casadei, c’è posto per tutti.
Chi di noi, magari alla festa paesana dove suona un gruppo locale, non si ferma e cerca di fare due chiacchiere col "collega" o a sbirciare sulla sua pedaliera?
Allora mi sono chiesto: perché non dare notizia anche della chiusura di un'azienda importante? Non grandissima per dimensioni ma sicuramente storica.

I Cornford sono stati sui palchi di Yngwie Malmsteen, Joe Satriani, Frank Gambale, Gary Moore, Greg Howe e molti altri mostri delle sei corde (anche se poi hanno legato i loro nomi ad altri marchi). Più di recente, su quelli di Dave Kilminster e Guthrie Govan.

Chi di noi li ha provati sa la qualità del suono che esce dai Cornford, dal jazz al metal, con clean cristallini e distorti graffianti.
Sulla home page dell'azienda si legge che la produzione di tutti gli amplificatori Cornford è cessata. Si spera che possa riprendere ma al momento non vi è alcun progetto. Non è più possibile ordinare nuovi ampli, né da privati, né da rivenditori.
Si chiude mestamente con un ringraziamento ai clienti e con l'invito a visitare di tanto in tanto il forum, nella speranza di avere notizie aggiornate su una possibile riapertura.
La crisi tocca anche le aziende della musica e alcuni grandi nomi scompaiono. Peccato.

Muore un mito: Cornford chiude

L'unica piccola consolazione è che Martin Kidd, tra i progettisti del team Cornford, ha avviato un'altra nuova azienda boutique: Victory Amps, che ha già adottato il citato Govan tra i suoi endorser e i cui prodotti presto arriveranno anche da noi.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

Muore un mito: Cornford chiude
amplificatori cornford curiosità
Link utili
Cornford
Mostra commenti     14
Altro da leggere
L’impianto hi-fi Orange è una piramide
Apple ritira lo spot che fa imbestialire i musicisti
Per Guitar Center il futuro è nella fascia alta
AC/DC: Too Old to Rock 'n' Roll?
Eddie Vedder: "…è il disco migliore che abbiamo mai fatto!"
Duane Eddy è morto: padrino del twang, è stato il pioniere del surf rock
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964