VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Paul Stanley torna da Ibanez con due signature
Paul Stanley torna da Ibanez con due signature
di [user #116] - pubblicato il

Dopo anni di lontananza, lo Starchild dei Kiss torna a imbracciare la Iceman e ne firma due versioni personalizzate per il 2015. Ibanez presenterà la PS120 e la PS40 al prossimo Namm destinandole a coprire due fasce di prezzo complementari.
Dopo anni di lontananza, lo Starchild dei Kiss torna a imbracciare la Iceman e ne firma due versioni personalizzate per il 2015. Ibanez presenterà la PS120 e la PS40 al prossimo Namm destinandole a coprire due fasce di prezzo complementari.

Lo Starchild è stato tra i principali fautori del successo della Iceman quando, nel 1977, ne fece la sua chitarra "ufficiale" con i Kiss. La sua prima signature, il modello PS10 ormai fuori produzione da lungo tempo, vanta tuttora una schiera di appassionati e collezionisti. La collaborazione storica con Ibanez, però, si è interrotta nel 1996 e ha visto le signature di Stanley migrare verso altri lidi.
Bisogna aspettare il dicembre 2014 per ricevere la notizia del riavvicinamento al marchio giapponese e dell'imminente arrivo di ben due modelli dedicati a Paul.

La PS120 e la PS40 riprendono le linee ormai classiche della Iceman e le customizzano secondo gusti e necessità del Kiss. Non mancano le piastre in metallo sotto il ponte e sul trussrod, caratteristiche della signature, e anche il manico è modellato con un profilo specifico denominato semplicemente PS Neck.

La PS120 rappresenta il top della gamma e, con un prezzo che promette di allinearsi a quello delle altre signature Ibanez di fascia medio-alta, è offerta nella sola finitura nera arricchita da binding abalone intorno a body e manico. I segnatasti sono a blocco, in acrilico e spaccati nel mezzo con un inserto in abalone. L'ultimo, in corrispondenza del 21esimo tasto, riporta la scritta in stampatello "Paul Stanley". La firma del chitarrista è invece lasciata sul coperchio del trussrod.
Sotto la vernice lucida e il battipenna cromato, in tinta con il ponte Full Tune III completo di tailpiece Quik Change, si trova un body in mogano con top in acero. Il manico, incollato, è ricavato da tre pezzi di mogano ed è sormontato da una tastiera in ebano.
Seymour Duncan si occupa dell'elettronica e offre un set di due humbucker composto da un '59 al manico e un Custom 5TM al ponte.

Paul Stanley torna da Ibanez con due signature

La PS40 è introdotta come l'alternativa più abbordabile e rinuncia ad alcuni dettagli per offrire uno strumento di estrazione simile alla base, ma a un prezzo di fascia medio-bassa.
Per realizzarla, Ibanez mette da parte intarsi e binding, preferendo dei più elementari degnatasti dot. Il body diventa in pioppo e il manico è in acero con tastiera in palissandro. Il ponte è ancora un Full Tune III, mentre una coppia di humbucker Infinity R prende il posto dei Seymour Duncan. Per il modello è riposizionata anche la firma dell'artista, che si sposta sul battipenna cromato.
Anche per la PS40, l'unica finitura disponibile è nera.
120 40 chitarre elettriche ibanez paul stanley ps
Mostra commenti     10
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
La SG diventa Supreme e Gibson la spiega in video
Julietta: la Duesenberg più accessibile
XJ-1 HT: cattivissime offset da LTD
Contour, tastiera compound e push-pull per la LP Studio Modern 2024
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964