DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Chicco Gussoni: suono ed esperienza
Chicco Gussoni: suono ed esperienza
di [user #116] - pubblicato il

Chicco Gussoni non è solo uno dei più famosi e apprezzai session man italiani; recentemente ha anche realizzato un album solista “I am”, che sta deliziando critica e pubblico ed è impreziosito da nomi stellari come Mike Landau, Nek, Tony Levin. Gussoni il 16 aprile terrà una clinic alla scuola di musica CMP a Cavagnolo (Torino). L’abbiamo incontrato per parlare di didattica, studio e della professione del session man.
Raccontaci come si articola una tua clinic?
Solitamente le mie clinic hanno la durata di tre ore e sono aperte a tutti, principianti e professionisti.
Inizio col raccontarmi e da li si parte per il viaggio…

Porti delle dispense?
Porto sempre degli esempi di trascrizioni, parti orchestrali, stesure di brani in modo che tutti possano vedere cosa si può trovare sul leggio, in una situazione lavorativa professionale.

Entrando nel dettaglio, che argomenti tratti?
Sono parecchi. Analisi degli stili, improvvisazione, lettura e interpretazione, fraseggio, consigli per lo studio...

Chicco Gussoni: suono ed esperienza

Tutti quindi, temi legati alla teoria e alla pratica dello strumento?
No,  perché per esempio, parlo anche di suono, dando spunti per lavorare alla costruzione del proprio e faccio degli approfondimenti sull'effettistica. Inoltre, offro consigli di tipo professionale, suggerendo come affrontare un’audizione.

Normalmente che strumentazione ti porti alle clinic?
Di solito richiedo un combo, oppure una testata con cassa e mi porto una pedaliera.
A volte la pedaliera è minimale quindi giusto un overdrive, una distorsione e un delay.

Sarebbe in effetti problematico, portarsi a ogni clinic il set up faraonico che magari è richiesto sui palchi di qualche grossa produzione o in studio di registrazione…
Però adesso è fattibile, visto il recente utilizzo che ho fatto del Kemper per alcune produzioni televisive, come Sanremo. In delle clinic ho usato anche questa macchina con la sua pedaliera e i ragazzi possono vedermi in azione con esattamente con gli stessi suoni usati in quelle esperienze lavorative.

Chicco Gussoni: suono ed esperienza

Cosa consigli a un chitarrista perché possa sfruttare al meglio una tua clinic e quindi imparare il più possibile?
Direi di prepararsi delle domande. Più le domande sono chiare e ordinate, più posso essere di aiuto ai partecipanti. Consiglio di ascoltare e cercare di rubare il più possibile le cose che possono essere integrate al proprio modo di suonare!

Quale dote è maggiormente necessaria per fare il session man?
Allora, fare il session man richiede esperienza.
Forse, qualche decennio fa era più semplice acquisirne; una volta si registravano molti dischi ma anche singoli e provini in studio; così spesso ti trovavi con musicisti preparatissimi da cui poter imparare…
Ora questo è più difficile, accade sempre meno. A parte qualche produzione, si tende a realizzare le proprie tracce da casa, nel proprio home studio e questo crea meno interazione con gli altri.

E mentre uno accumula esperienza cosa non deve trascurare?
La conoscenza della chitarra e di tutto il mondo che la circonda; bisogna ascoltare molti dischi e provare a tirare giù le parti di chitarra, gli accordi:  potreste trovarvi in situazioni armoniche simili. 
Certo, non sarà possibile sapere fare bene tutto; ma bisogna cercate di essere aperti e incuriositi ed esplorare anche i mondi che vi interessano meno.

Tre consigli per crescere professionalmente sulla chitarra?
Allargare le proprie conoscenze musicali e di stile; imparare a leggere bene la musica; essere in grado di ottenere varietà timbriche differenti.
Io ho sempre avuto la passione per i suoni, per gli ampli e le chitarre. Cercavo di riprodurre il più fedelmente possibile il suono dei miei idoli che erano Mike Landau, Steve Lukather, Larry Carlton, Dann Huff, Jay Graydon, Andy Summers, Jimmy Page…

Chicco Gussoni: suono ed esperienza

Viceversa, un errore da non fare, sempre nell'ottica di voler diventare un session man...
Non bisogna pensare solo a saper fare un assolo veloce; è necessario imparate gli accordi, le posizioni, esercitarsi su come accompagnare.
Io ho suonato in circa 100 album che, facendo la media di 12 canzoni ad album, vuol dire 1200 brani incisi! Bene:  se vi dico che avrò fatto 200 parti solistiche sono tante… Il resto delle cose che ho suonato e inciso erano accordi, accompagnamenti e suoni di atmosfera.

Grazie: ora sappiamo tutto quello che serve per diventare un session man!
Non dimenticate, però, che poi ci vorrà anche una buona dose di fortuna; ma quando passerà il treno dovrete essere muniti di carta d'imbarco in ordine…altrimenti si scende alla prima o seconda fermata.

Nella tua formazione musicale c’è qualche clinic che hai seguito e che ricordi come particolarmente preziosa?
Ho seguito molte clinic che sono state formative, sia per l'approccio allo strumento che per la conoscenza dell'effettistica. Ma ne ricordo tre in particolare: una con Mike Landau, una con Steve Lukather e una che ho tenuto insieme a David Rhodes (chitarrista di Peter Gabriel ) mentre eravamo in tour con Franco Battiato.
Quest’ultima analizzava il lavoro di due chitarristi in una band dove non c'erano praticamente parti lead: quindi tutto verteva sull'interazione ritmica fra i due chitarristi.
Da esperienza credo di aver imparato ad ascoltare molto di più gli altri che mi suonano intorno.

Chicco Gussoni: suono ed esperienza

Dicci qualche disco che ti hanno messo un sacco di voglia di studiare?
Tutti i dischi dei Beatles, tutti quelli dei Toto e tutti quelli di Jeff Beck…ma ne avrei altri 1000 da consigliare!

“I am” è il tuo disco solista. Che spazio riservi durante una clinic alla proposta e spiegazione del suo contenuto?
Sono molto felice del riscontro che sta ottenendo l'album, ne sono davvero fiero. Ci ho lavorato intensamente e speravo venisse così! Tutte le persone che lo hanno ascoltato o acquistato ne hanno parlato bene.
E' un album in cui mi rispecchio e il titolo, "I am" ne racchiude l'essenza.
Durante le clinic suono alcuni brani e poi ne approfondisco alcune tecniche utilizzate, il fraseggio, il suono.

Lavorare alla propria musica o studiare per diventare un session man: è possibile fare bene entrambe le cose e contemporaneamente?
Studiare fa bene -  sempre - e arricchisce anche la propria musica!


Il Seminario è presentato dalla scuola di musica CMP, in collaborazione con The Live Sound e AEnima Recordings. Si terrà Sabato 16 Aprile 2016 alle ore 15:30 presso il negozio di strumenti musicali The Live Sound, in Via C.Colombo 82/A a Cavagnolo (TO).
La prenotazione è obbligatoria e i posti sono limitati.
Per informazioni e prenotazione:
Tel : 011.5367185
Tel: 345.2734800
email: segreteria@associazionegabo.com
chicco gussoni interviste
Link utili
Il sito di Chicco Gussoni
Nascondi commenti     10
Loggati per commentare

di helloween [user #27122]
commento del 14/04/2016 ore 19:28:03
Boh...non sono convinto del pezzo che ho ascoltato! So che è bravissimo, però questo breve pezzo mi sembra qualcosa di sentito e risentito (non chiedetemi esempi su qualcosa di nuovo perchè per ora tutti i chitarristi mi sembrano uguali)!!! Tecnicamente nulla da eccepire (come se uno come me potesse giudicare uno del suo talento)!
Rispondi
di nicolaw1 [user #5799]
commento del 15/04/2016 ore 16:34:10
Condivido, personalmente ci sento qualcosa in stile Pink Floyd.
Rispondi
di E! [user #6395]
commento del 15/04/2016 ore 17:46:04
Beh, le influenze è ovvio che ci siano, tutti le abbiamo..
In Scott Henderson si sente Jeff Beck, in Jeff Beck si sente Les Paul, in Steve Grossman si sente Coltrane... Ma rimangono tutti MUSICISTONI.
Il pezzo mi ricorda "Breathe" e nel fraseggio sento anche echi di Landau, ma credo si debba ascoltare tutto il disco (più volte) per farsi un'idea del lavoro di un artista.

Auguri a Gussoni per questo lavoro!




Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 18/04/2016 ore 10:58:05
Se tutti i chitarristi ti sembrano uguali e tu stesso ti tiri fuori dalla capacità di giudicare chiunque...bè, non capisco il senso di questo commento.
Se ascolti il disco di Gussoni su Spotify di renderai conto di quanto vario è il suo chitarrismo...
Rispondi
di helloween [user #27122]
commento del 18/04/2016 ore 11:11:22
Ciao Carrera! Dunque,
"non sono convinto del pezzo che ho ascoltato! So che è bravissimo, però questo breve pezzo mi sembra qualcosa di sentito e risentito"

Riferito al piccolo pezzo proposto dalla redazione, NON all'intero album. Conosco il Gussoni (infatti ho anche scritto tra parentesi, SO CHE é BRAVISSIMO)...

"Tecnicamente nulla da eccepire (come se uno come me potesse giudicare uno del suo talento)"

Chi fra noi ha l'esperienza e la tecnica TALE da poter giudicare TECNICAMENTE un mostro sacro come il Gussoni? Un pò di umiltà fa bene, altrimenti siamo come il resto degli italiani tutti politici dal lunedì al giovedì e tutti allenatori dal venerdì alla domenica!


"non capisco il senso di questo commento."

Ascoltare opinioni altrui ha sempre senso! Confrontarsi non può che portare ad una crescita. Ascoltare o leggere commenti ed opinioni differenti dai nostri è soltanto un sintomo di civiltà!
Un abbraccio caloroso e tante note suonate con sentimento!
Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 18/04/2016 ore 12:04:47
Scusa è che non era mi era chiaro il tono del tuo commento. Mi pareva liquidassi il disco con sufficienza. Grazie per la precisazione!

Buona musica anche a te! Sono curioso poi di sapere, ascoltato tutto il disco di Chicco, quali saranno le tue impressioni!
Rispondi
di helloween [user #27122]
commento del 18/04/2016 ore 12:06:16
No, quale sufficienza! Il mio commento è limitato esclusivamente al minuto che è stato proposto!
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514]
commento del 18/04/2016 ore 06:15:37
Io ho preso il disco su amazon. In effetti va ascoltato più volte. A me piace molto
Rispondi
di Carrera [user #31493]
commento del 18/04/2016 ore 10:55:43
Chitarrista meraviglioso con un'esperienza SCONFINATA!
Per certe cose tra i turnisti italiani è quello che preferisco.
Il disco è davvero notevole episodio rock che non mi sarei aspettato così intensi. Spero di leggerlo più spesso su Accordo.
Rispondi
di roccog [user #30468]
commento del 18/04/2016 ore 12:01:35
Intervista davvero interessante. Conoscevo Gussoni come turnista non come solista. Mi ha fatto scoprire un grande musicista, I suoni poi sono da paura!
Rispondi
Altro da leggere
Steve Vai, Guitar Extravaganza!
A lezione con Luca Colombo - Vita Da Chitarristi
Warm up con Luca Colombo
Fraseggio & improvvisazione - Quattro idee in Dorico
Shred: a lezione con Michael Angelo Batio
Robben Ford: l'allegria nella pentatonica di B.B. King
Luca Colombo: pentatonica, corde a vuoto e un pizzico di dorico
Cacciato dalla lezione di chitarra
A lezione con un vero rocker
Michael Lee Firkins: suono, tecnica e talento.
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
GIBSON Les Paul Classic Premium Plus - CherrySunburst TOP AAA
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964