CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile
di [user #17844] - pubblicato il

Le modalità sinusoide e quadra dello Zorglonde ammiccano ai mondi dei tremolo valvolari e ottici. Offerto anche come kit DIY, cela una versatilità inattesa.
Zorg è un laboratorio francese di effetti a pedale con una palette di distorsori e modulazioni di ogni genere. La particolarità del catalogo è di essere disponibile anche sotto forma di kit di montaggio, ideali per chi si avvicina al mondo dell'elettronica o intende personalizzare dei progetti promettenti già in partenza, di cui il Zorglonde è l'ultimo in ordine di tempo.

Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile

Il Zorglonde è un tremolo con due modalità di funzionamento e una dotazione di controlli essenziale ma capace di una certa flessibilità al tempo stesso.
Incise sul caratteristico pannello in legno, lo stesso già visto sul Love Philter testato di recente qui su Accordo, le indicazioni delle manopole possono disorientare, ma basta un'occhiata più attenta per rendersi conto che sono semplicemente scritte al contrario: LOV è il volume master del pedale, ETAR è il rate e regola la velocità delle oscillazioni, HTPED sta per depth e gestisce l'incisività del tremolo.
Lo switch in alto a sinistra consente di scegliere il tipo d'onda che dà vita all'effetto, tra una sinusoide e un'onda quadra. La prima si rifà ai tremolo valvolari di stampo vintage e offre un'escursione in volume più graduale e morbida, mentre l'onda quadra è tipica dei tremolo ottici e genera un effetto più percussivo e netto.
In basso, il LED di stato si illumina a tempo con la frequenza impostata.

Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile

I riferimenti del Zorglonde vanno ricercati nella miglior tradizione dei tremolo d'annata. Non c'è programmazione MIDI e non ci sono preset, ma in compenso la velocità che può raggiungere l'LFO, responsabile dell'oscillazione, è davvero elevata. Raramente si porterà il potenziometro a fine corsa se non per ricercare risultati estremi, che a tratti possono quasi ricordare un leggero ring modulator. Inoltre, sulla sinistra si può notare una presa addizionale accanto al jack d'uscita. È destinata al collegamento di un pedale d'espressione con cui controllare il rate senza staccare le mani dallo strumento.
Apprezzabile è la scelta di montare un potenziometro per il livello del segnale: i tremolo portano spesso a un abbassamento del volume percepito nel mix, e avere un piccolo boost integrato torna utile in più occasioni. Il guadagno a disposizione è limitato, giusto il necessario per farsi sentire un po' più del normale quando la manopola va oltre i tre quarti. Comunque, sul fondo dello chassis, Zorg ha effettuato un foro per raggiungere due DIP switch all'interno con cui attivare due stadi di amplificazione extra, sufficienti a trasformare il Zorglonde in un vero booster capace di fare il verso a un leggero overdrive dall'output importante.

Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile

Le timbriche offerte dalle modalità sinusoide e quadra sono diverse al punto da poter essere considerate complementari. La prima è soffice, culla quasi le note quando il depth non è estremo. La seconda invece sembra fatta a posta per giocare con la ritmica, spezzettando riff anche distorti per raggiungere sonorità che possono ricordare più un synth con step sequencer che una chitarra.
Anche la profondità dell'effetto garantisce una certa escursione, ed è possibile fare in modo che il segnale non venga quasi intaccato dall'oscillazione oppure sia tagliuzzato in maniera importante, azzerando del tutto il suono quando il livello del tremolo è nel punto più basso dell'onda. Tra i due risultati c'è un mare di sfumature, e sta solo al musicista trovare a ognuna la precisa collocazione nelle sue composizioni.



Il Zorglonde è caratterizzato da una buona silenziosità e dimostra di sapersi adattare a numerosi contesti musicali. La versatilità del pedale d'espressione è un punto a favore notevole, come anche la presenza di un volume master per compensare le perdite. Se siete alla ricerca di un tremolo vintage e non riuscite a decidere tra le dolci onde di un Fender o l'aggressivo elicottero di un Vox, o se avete una curiosità per i kit fai-da-te, un'occhiata al pedale Zorg è decisamente consigliata.
effetti e processori zorg effects zorglonde
Link utili
Love Philter recensito su Accordo
Zorglonde sul sito Zorg Effects
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Two Notes ReVolt: amp sim analogico e valvolare con IR
AIRA Compact: strumenti Roland in tasca
JHS presenta l’ennesimo Tubescreamer, e spiega perché
BOSS Waza tra loadbox e IR: abbiamo solo scalfito la superficie?
Walrus Canvas: la DI/LI box del chitarrista moderno
Many Worlds: phaser Catalinbread dal multi-verso
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964