CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Yamaha CG-TA: vere vibrazioni
Yamaha CG-TA: vere vibrazioni
di [user #116] - pubblicato il

La Yamaha CG-TA porta il concetto Transacoustic nel mondo delle nylon-string con riverberi e chorus udibili senza collegare cavi. L'abbiamo testata per voi.
"TA" sta per Transacoustic, il sistema che permette a tutte le chitarre dell'omonima serie di avere un riverbero e un chorus on-board che, per funzionare, non necessitano di amplificatori o effetti esterni. L’abbiamo provata con Andrea Brussolo nel Blap Studio.

Una chitarra con riverbero e chorus incorporati non sarebbe una grandissima novità di per sé ma, se gli effetti possono essere utilizzati anche quando si suona comodamente sul divano, senza jack, amplificatori o effetti esterni, la cosa si fa interessante.

Il sistema Transacoustic è molto semplice, sulla carta. Si compone di un attuatore che vibra seguendo la vibrazione delle corde e trasmette alla cassa, ritardandolo, il suono creando così riverbero, chorus o entrambi.

Yamaha CG-TA: vere vibrazioni

Le corde in nylon tradiscono lo spirito della CG-TA e le geometrie lo confermano. Il capotasto è da 52mm mentre la scala da 650, con 18 tasti: una classica, nel vero senso della parola. Per quanto riguarda i legni scelti troviamo una bella tavola di Abete Engelmann massello sorretta da fondo e fasce in Ovankol.

Il manico in Nato fa il paio con una tastiera in palissandro bello scuro, con tasti ben posizionati e arrotondati che non si fanno per niente sentire sotto le dita. Stesso palissandro anche per il ponte, sotto cui si nasconde il cuore del sistema TA ovvero il piezo SRT che, unito al System70 Transacoustic Preamp, crea il riverbero che si aggiunge naturalmente al suono dry della chitarra.

Sulla fascia superiore trovano posto i tre controlli con cui pilotare l’elettronica con lo strumento. Sono tre manopole molto discrete, quasi invisibili. Nello specifico abbiamo Chorus, Riverbero (Room / Hall) e On/Off TA / Volume di uscita. L’ultima permette sia di attivare il sistema sia di controllare il volume in uscita. La TA, infatti, si può tranquillamente collegare a un impianto ed essere portata dal vivo collegandola con un tradizionale cavo jack-jack.
L’uso non tradizionale, invece, è quello che se ne può fare anche comodamente seduti sul divano: la CG-TA permette di utilizzare riverbero e chorus direttamente sullo strumentto, letteralmente sullo strumento.

Con una leggera pressione del potenziometro del volume ecco che dalla buca, unita alla voce della CG, sentiamo provenire un riverbero molto naturale accompagnato da una leggera vibrazione della cassa. Si ha la possibilità di scegliere tra Room e Hall - due stanze diverse, una più piccola una più grande - miscelabili al dry con il controllo rotativo. Stessa cosa per il chorus, che ci fa per un attimo dimenticare il nylon delle corde e subito qualche arpeggione anni '90 si fa largo.



Dal punto di vista della suonabilità, la TA è sorprendente. Certo, bisogna essere abituati al manico largo e piatto delle chitarre classiche. Una volta entrati in confidenza con il capotasto da 52mm e il maggior spazio tra le corde ci si trova a casa, complice anche l’action bassa quanto basta per evitare che il E grave sbatta sui tasti. Rispetto a un’acustica può sembrare più ingombrante sotto la mano sinistra, ma grazie al profilo a C non si fatica a familiarizzare con il radius piatto della tastiera.

Senza attivare il sistema Transacustic, la CG è già un ottimo strumento. Fa il suo dovere grazie a un sound caldo e bilanciato. Le basse non esageratamente vigorose fanno il paio con dei cantini arrotondati, morbidi su cui si può intervenire anche con forza per ottenere un ottimo volume, che può essere incrementato grazie al riverbero il quale, mettendo in vibrazione la cassa, dà una spinta in più alla CG.

Yamaha CG-TA: vere vibrazioni

Con un prezzo di vendita di 731€ indicato dal sito ufficiale, la CG-TA sarebbe già conveniente anche senza elettronica. La presenza di riverbero e chorus on-board, invece, le danno una marcia in più rendendola uno strumento davvero interessante e, soprattutto, curioso.
cg ta chitarre acustiche yamaha
Link utili
CG-TA sul sito Yamaha
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Sostenibilità, Koa e progettazione acustica: parla Andy Powers per Taylor Guitars
M-240E Troubadour: tradizione folk in prova con Guild
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Andy Mooney: “i bassisti sono più aperti dei chitarristi”
Al via una class-action contro Fender
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Yamaha THR100H Dual
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964