VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Quel fenomeno di Michael Schack Live a SHG
Quel fenomeno di Michael Schack Live a SHG
di [user #116] - pubblicato il

Sabato 23 novembre, alle 15 sul main stage di SHG ci sarà quel pazzo scatenato di Michael Schack, batterista prodigioso il cui set, interamente costruito su una batteria elettronica è puro spettacolo. Lo conosciamo meglio in questa intervista esclusiva realizzata per Accordo.
Come sei approdato al drumming elettronico? 
Da quando ero un batterista molto giovane mi è sempre piaciuto suonare insieme ai loop di batteria programmati dei primi dischi HipHop, Rap e Disco. 
Quindi non mi ci è voluto molto tempo per comprarmi uno di quei primi e costosi campionatori e un pad a cui potevo collegarmi. 
Poco tempo dopo, Roland mi ha contattato chiedendomi se volevo provare questa nuova batteria elettronica che stavano per rilasciare. Non appena ho messo le mani su quella, e hanno visto il mio volto illuminarsi di sorrisi e divertimento, sono diventato un dimostratore per i paesi del Benelux. 

Quel fenomeno di Michael Schack Live a SHG
 
Come si è sviluppata questa collaborazione?
Come detto, sono diventato piuttosto rapidamente un dimostratore/artista dei prodotti Roland per il Benelux. Così, i primi 9 anni ho suonato principalmente a eventi di drummingm facendo demo solo nel Benelux. Ma, da quando sono stato invitato dai giapponesi alla sede centrale Roland per suonare alla Frankfurt Musik Messe, da allora tutto è decollato e giro per il mondo.

Puoi descriverci il tuo set V-Drums?
Il mio setup delle V-Drums è lo stesso del mio setup acustico: un rack tom, 2 floortom come setup. "1 up, 2 down" come lo chiamano loro. Solo 3 piatti al massimo, ma sempre con l'SPD-SX in piedi accanto al secondo floortom. La maggior parte dei batteristi ha l'SPD-SX sul lato HiHat del loro setup, ma ho deliberatamente scelto di posizionarlo sul lato floortom e abbastanza in alto in modo che il pubblico possa vedere cosa sto facendo mentre gli mostro che sto innescando tutti i bit musicali e i campioni dal vivo.

Alcuni batteristi sono intimiditi da ciò che le percussioni elettroniche hanno portato nella musica. Cosa ne pensi?
Nel 2019, questo è un atteggiamento da dinosauri. Ma in realtà, questo approccio conservatore era uguale nel 2000. Penso che i batteristi dovrebbero considerare la batteria elettronica come una chitarra: le chitarre elettriche non sono uno strumento inferiore rispetto alla chitarra acustica tradizionale. Ogni strumento ha un ruolo specifico nella musica. E oggi, ascoltando la radio, c'è molta più musica elettronica nelle classifiche rispetto ai generi acustici più tipici. Quindi non riesco a capire perché alcuni batteristi pensano ancora che la batteria elettronica e i suoni di batteria in generale siano inferiori.

Quel fenomeno di Michael Schack Live a SHG

Nella tua routine musicale, che tipo di cose pratichi o studi in questo momento?
Di solito lavoro con il click o su un brano che dovrò suonare dal vivo. In realtà, spesso, mi esercito a suonare musica che, naturalmente,  non avrebbe parti di batteria. 
Nel mio programma di lavoro insisto  sul concetto #PushYourDrumming e mostro al pubblico quali esercizi suono per sciogliermi e come mi esercito con la musica. Quindi, quando faccio pratica, è sempre perché ho scritto o sto componendo un'idea musicale specifica che ha bisogno di un approccio totalmente adeguato al drumming. In questo modo cerco di battere la "routine di pratica" e trasformarla in "pratica musicale". Pratico principalmente groove e ritmi, e cerco di trovare dei riempimenti specifici che si legano bene alla musica. 

batterie batterie elettroniche batteristi roland
Link utili
Il sito di Michael Schack
Il sito di Roland
Mostra commenti     4
Altro da leggere
Yamaha Drums: le novità dal NAMM per il 2024
NUX DP-2000: Percussion Pad portatile dal cervello Pro
All You Can Beat: il weekend dedicato alla batteria a Rovigo
Batteria elettronica: come settarla per ottimizzarne le prestazioni
È morto Dom Famularo: colonna portante della batteria moderna
Drum set elettronici per home studio da tenere d'occhio
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964