HOME | CHITARRA | DIDATTICA | LIFESTYLE | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Heavy Motion Machine - Prima parte
di [user #25769] - pubblicato il

Sempre ligi al nostro credo di poter far suonare qualsiasi cosa, questa volta metteremo in piedi un festino di Boole sfruttando in maniera musicalmente costruttiva degli operatori logici. Tramite l'ausilio di quattro onde quadre ed una manciata di operatori booleani (AND, OR, XOR e relative negazioni) faremo letteralmente impazzire un Comb Filter per dare più movimento al segnale audio da trattare.

Ogni coppia di oscillatori verrà comparata da un operatore logico di nostra scelta ed i due segnali risultanti verranno nuovamente comparati da un ulteriore operatore. Il risultato di questo trambusto diverrà infine il segnale che farà scattare un generatore d'inviluppo associato al nostro filtro. Mettiamoci all'opera!

Correndo il rischio di sembrare monotono, svilupperemo questo effetto in Reaktor partendo quindi da un nuovo progetto e creando una nuova Macro vuota che chiameremo Operators. Se siete a digiuno di Reaktor, vi suggerisco la lettura preventiva degli articoli "Primi passi con Reaktor" presenti in questa sezione del sito.

Entriamo nella Macro creata e piazziamo un oscillatore Pulse dal menu "Built-in Module -> Oscillator". Tramite il pulsante destro del mouse sull'ingresso P dell'oscillatore, aggiungiamo un controllo che chiameremo A ed a cui daremo i valori qui riportati.

Aggiungiamo una costante di valore 1 all'ingresso A dell'oscillatore, sempre tramite pulsante destro del mouse.

Selezioniamo sia l'oscillatore che il controllo A che abbiamo creato e duplichiamoli in modo da avere un totale di quattro oscillatori e rinominando i rispettivi controlli in B, C e D.

Creiamo una nuova Macro vuota che chiameremo AB ed al suo interno piazzeremo due ingressi ed un'uscita dal menu Terminal. Andiamo ad aggiungere alcuni operatori logici: dal menu "Built-In Module -> Event Processing" selezioniamo "Logic AND", "Logic OR" e "Logic EXOR".

Dovendo fare in modo che i due segnali in ingresso (gli oscillatori) siano comparati, collegheremo i due input del modulo agli ingressi degli operatori logici facendo attenzione a collegare il primo input al primo ingresso ed il secondo al successivo ingresso dei vari moduli.

Ora aggiungiamo un modulo Switch dal menu Panel e colleghiamo la prima uscita degli operatori logici. Ricordiamoci di rinominare gli ingressi dello Switch col nome del modulo corrispondente.

Onde evitare di dover inserire troppi elementi, faremo in modo di effettuare la negazione del segnale sfruttando un selettore e l'operatore logico NOT. Aggiungiamo il modulo "Selector/Scanner" dal menu "Signal Path" e colleghiamo l'uscita dello Switch all'ingresso 0.

Aggiungiamo il modulo "Logic NOT" dal menu "Event Processing" collegando il suo ingresso all'uscita del modulo Switch. Ora non ci resta che collegare l'uscita del modulo NOT al Selector tenendo premuto Ctrl (o Cmd se siete su Mac) in modo che appaia un nuovo ingresso.

Aggiungiamo il controllo Button dal menu Panel, rinominandolo "Inv" e colleghiamolo all'ingresso Pos del Selector. Siccome ci sarà utile avere un controllo visivo dello stato del segnale possiamo aggiungere un bel modulo Lamp dal menu Panel, a cui cambieremo il parametro "Min. Value" in -1. Colleghiamo l'uscita del Selector al modulo Lamp ed all'uscita della Macro.

Prima di continuare sarebbe il caso di mettere un po' d'ordine al nostro pannello. Cambiamo l'aspetto delle manopole A/B/C/D da Knob a Vertical Fader, con dimensione Small.

Diamo dimensione Small anche al pulsante Inv e passiarmo a riordinare la visuale della Macro AB. Per quanto riguarda lo Switch ed il Lamp, disattiviamo la visualizzazione dell'etichetta cliccando su "Show Label". Cambiamo l'aspetto dello Switch da Buttons a Menu e diamo al parametro Width un valore di 40 pixel.

Abbiamo anticipato una parte del lavoro sul pannello in modo da facilitarci la vita ora che andremo ad aggiungere ulteriori elementi. Torniamo all'interno della Macro Operators e triplichiamo la Macro AB rinominando le due copie in CD e Mix.

Per poter collegare gli oscillatori abbiamo bisogno di trasformare il segnale audio in un segnale di controllo tramite l'ausilio di quattro moduli "A to E" reperibili dal menu Auxiliary.

Seguendo l'etichetta che abbiamo dato alle Macro, colleghiamo gli oscillatori e l'uscita delle due Macro al Mix.

Aggiungiamo un modulo "Amp/Mixer" dal menu "Signal Path" ed un output dal menu Terminal. Creiamo un controllo sulla porta Lvl dell'amplificatore e colleghiamogli infine l'uscita della Macro Mix. Il segnale amplificato andrà all'output della nostra Macro.

Torniamo al pannello ed ordiniamo definitivamente i controlli in modo che siano funzionali.

Siccome questo progetto è in prevalentemente un effetto (anche se potrà essere sfruttato come generatore sonoro da processare in seguito), configureremo i nostri moduli come monofonici. Per fare questo selezioneremo Mono cliccando col pulsante destro sulla Macro o sul modulo che vogliamo trasformare. Nel nostro caso sarà Operators.

Giusto per dare un ascolto a ciò che sta venendo fuori, colleghiamo l'uscita della Macro Operators ad un output del nostro Ensemble. Giocate un po' con i controlli del pannello ed ascoltate questi rumoracci. Non molto musicale, vero? Non temete, che nella prossima puntata trasformeremo questo guazzabuglio di impulsi in qualcosa di davvero utile. Eccovi un anticipazione.







A presto.


native instruments reaktor software
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Cypress TT15: mini-amp made in UK in un...
Spark: il plugin Mercuriall Audio va in UK...
I migliori Fender anni '50 e '60 sul tuo PC...
Da Overloud due pacchetti per l'home...
Pubblicità
Commenti
guazzabuglio di rumoracci?
di Enrico_Cosimi [user #18600] - commento del 18/02/2011 ore 11:1
quale guazzabuglio di rumoracci? questa è GIA' musica... :-))))
Rispondi
Re: guazzabuglio di rumoracci?
di Luca_Capozzi [user #25769] - commento del 18/02/2011 ore 22:4
eh si :D
Rispondi
Mi era sfuggito questo articolo! Molto ...
di Mattycaos [user #25517] - commento del 27/03/2011 ore 12:4
Mi era sfuggito questo articolo! Molto interessante, ora leggerò anche la seconda parte...
Rispondi
Ringrazio
di Codesound [user #30197] - commento del 22/07/2011 ore 09:0
Anche a me era sfuggito questo articolo... ieri... adesso mi studio la seconda parte pure io... grazie mille Luca Ruben
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Venti attrezzi online per chitarristi
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Ultime dal Namm
MV50: mini testate Vox con valvole in miniatura
Somnium: la chitarra riconfigurabile
Cort e Manson dal vintage al drop tuning
J MOD: l'ampli PRS di John Mayer
Revolution Guitar: da Pons le elettriche con body intercambiabili
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964