CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Roland VAD706: feeling tradizionale a braccetto con le migliori tecnologie
Roland VAD706: feeling tradizionale a braccetto con le migliori tecnologie
di [user #116] - pubblicato il

L’idea è questa: fornire una batteria elettronica modernissima su un impianto batteristico tradizionale, con fusti in legno. Si offre così la possibilità di far convivere lo stato dell’arte del drumming elettronico con un feel tradizionale: le migliori tecnologie V-Drums Roland vanno a braccetto con i dettagli realizzati a mano delle batterie acustiche.
 
 
Roland insiste sul valore estetico di questo strumento che riesce a brillare proprio in ciò che spesso si rimprovera a una batteria elettronica: la mancanza della suggestione di suonare legno, pelli e fusti.
La VAD706, infatti, sfoggia fusti di dimensioni standard, l'hi-hat in due pezzi, grandi piatti, supporti cromati con doppi rinforzi.
Anche la scelta delle finiture è ricca: le tre opzioni Gloss Natural, Gloss Cherry, Gloss Ebony offrono un look artigianale, con impiallacciature in acero verniciato e finiture trasparenti lucide. Assolutamente spettacolare poi, la finitura Pearl White.
 
Roland VAD706: feeling tradizionale a braccetto con le migliori tecnologie

Ma se l’occhio vuole la sua parte, in uno strumento musicale restano comunque l’ascolto e il tocco i sensi più esigenti da appagare. E in questo la VAD706 si è impegnata a fondo, mettendo in gioco a tecnologia Prismatic Sound Modeling con campionamenti multi-layer registrati nei migliori studi con tecniche sofisticate di Behavior Modeling sviluppate in oltre vent'anni. Questa tecnologia si prefigge di garantire sonorità che preservino tutte le sfumature espressive ad ogni colpo di bacchetta. Spiega l’azienda:“Il Prismatic Sound Modeling è un approccio spirato dal prisma, forma che riflette un singolo raggio di luce in tutti i colori dello spettro. L'attacco iniziale di ogni colpo di bacchetta è seguito da un mix complesso di ricchi armonici, proprio come avviene suonando tamburi e piatti acustici. Potete avvertire il suono che cambia rispondendo alla vostra espressività, creando quel magico legame interattivo che vi fa immergere completamente nell'emozione del momento. Dalle ghost note più delicate e dettagliate articolazioni alle esecuzioni più intense, il vostro drumming non ha confini con TD-50X.”
 
Roland VAD706: feeling tradizionale a braccetto con le migliori tecnologie

Altro elemento messo in risalto nella presentazione di questo strumento è la capacità di 
cogliere ogni sfumatura del playing in maniera dettagliata e assolutamente definita. Merito del sistema di rilevamento istantaneo che consenta al batterista di servirsi di ogni tecnica acustica naturale: arrestare il suono del piatto ride toccandolo con un dito, o spaziare in modo lineare e fluido dall'esecuzione sulla pelle, ai rimshot e ai cross stick sul rullante.
Merito dei sensori multipli di precisione presenti nei pad del rullante, piatto ride e hi-hat che funzionano in maniera efficiente con il modulo TD-50X
La VAD706 consente di scolpire il proprio suono in maniera peculiare e scrupolosa, riservando la massima cura a ogni dettaglio: da sfumature come regolare intonazione e sordine a costruite un kit da zero, selezionando la profondità dei fusti, il tipo di pelle, le caratteristiche dei piatti, e molto altro. 
Ciò nonostante Roland si preoccupa di raccomandare la gratificazione istantanea che il semplice utilizzo dei preset forniti dalla casa può garantire: “LaVAD706 offre il sound di batterie acustiche per come sono preparate, microfonate, processate e mixate in uno studio di registrazione d’eccellenza. Sono suoni sviluppati con i migliori batteristi e tecnici del suono”
Il vantaggio, enorme, è di passare con un solo colpo di pulsante da un set professionale per jazz tradizionale a uno per metal estremo e modernissimo.
 
Roland VAD706: feeling tradizionale a braccetto con le migliori tecnologie

Da ultimo, la VAD706 con il modulo TD-50X rimarca la sua natura votata all’utilizzo sia live che in studio di registrazione; il pannello posteriore offre molteplici possibilità di connessione: uscite principali stereo XLR e otto uscite dirette TRS consentono di inviare il suono a una consolle audio tramite connessioni bilanciate. In studio, per la produzione musicale basata sul computer, è garantita la possibilità di inviare sino a 32 canali di audio digitale via USB per un trasferimento di alta qualità. Ingresso e uscita MIDI sono anche supportate via USB e con i tradizionali connettori pentapolari.


 
roland roland vad706 vad706
Link utili
La VAD706 sul sito della Roland
Mostra commenti     3
Altro da leggere
F107 e RP107: i piano digitali Roland entry level più raffinati
AIRA Compact: strumenti Roland in tasca
Il mio nuovo Roland Blues Cube Stage Red Limited Edition
Roland VAD: la rinnovata gamma V-Drums è qui
Roland VAD103: innovazione che si fa bella con la tradizione
Tre nuove Roland TD-07: suono, sensibilità e stabilità
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
La straordinaria storia dei Pistole e Rose
I mini-robot Yamaha duettano con la tua musica
PianoVision: impara il piano nel metaverso
Gibson vince su Dean: la Flying V non è uno shape generico
La chitarra torna protagonista con “Kill or be killed” dei Muse
Ecco le Fender dei Minions: prezzi a partire da 48mila dollari
Paul Gilbert: “Perché modificare una chitarra perfetta? Per farla s...
Guitar hero: la mia Top10
Il viaggio infinito e la Top5 dei desideri
La scena EPICA della BC Rich in Stranger Things 4
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964