SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Roberto Pistolesi sul cammino di Leo Fender
Roberto Pistolesi sul cammino di Leo Fender
di [user #3] - pubblicato il

Roberto Pistolesi si manifestò nel settembre 1992 alla prima edizione di SHG con un carico di amplificatori Vox AC15 e AC30. Diventammo amici dopo dieci minuti e lo rimanemmo per quattordici anni (anche se non mi perdonò mai gli ultimi tre numeri di Nashville), fino al giorno in cui decise di allontanarsi, il 24 maggio di quindici anni fa.

Roberto era un uomo geniale e poliedrico. Toscano fino al midollo, aveva rinunciato a un lavoro di prestigio e a una vita comoda a Milano per amore della libertà. Non era un animale da ufficio, era un ricercatore, con innumerevoli punti di contatto col suo nume tutelare, Leo Fender.

Figlio di falegname, perito tecnico e grande appassionato di chitarre, Roberto considerava dei capolavori i primi progetti di Leo Fender e li aveva studiati nei minimi dettagli, per riuscire a riprodurne la magia che - soprattutto negli anni Novanta - sfuggiva ai più.

Roberto Pistolesi sul cammino di Leo Fender

Analizzava le vecchie foto di Fullerton con la lente, ascoltava al rallentatore i dischi per cogliere le sfumature, registrava con strumenti professionali per fare confronti sonori, costruiva prototipi per valutare l'influenza sul suono di minime modifiche strutturali. Arrivò a organizzare un test montando manici di diverse epoche sulla stessa Stratocaster per verificare l'influsso del manico sulla sonorità. 

Da appassionato di meccanica rifiutava l'idea di essere il classico liutaio artigianale, che costruisce le chitarre una a una, di Fender apprezzava anche l'impostazione industriale. Per questo progettò e realizzò una macchina per costruire i manici e una per mettere i tasti, non martellati dall'alto, ma trascinati, proprio come facevano a Fullerton negli anni Cinquanta. 

Girava i mercatini di surplus militare (a Livorno era di casa) dove faceva incetta di residuati bellici - valvole, componenti elettroniche, interruttori - e quando trovava qualche scatola di roba "New Old Stock - military grade" era felice come un bambino. Non a caso il suo amplificatore The Mojo venne progettato proprio su una introvabile valvola nata per le ricetrasmittenti degli aerei da guerra, di cui aveva fatto scorta.

Roberto Pistolesi sul cammino di Leo Fender

Le poche chitarre - in gran parte repliche della Stratocaster - e gli amplificatori che è riuscito a completare nella sua vita troppo breve sono nelle mani di amici e appassionati che le custodiscono come gioielli preziosi, trovarne in vendita è pressoché impossibile. Ma chi ha avuto la fortuna di avere una sua Spacecaster ha chiarissima l'idea di quanto Roberto abbia saputo imboccare la strada di Leo Fender, percorrerla con rispetto e per certi versi spingersi un po' più avanti. 

Roberto ha lasciato molto al nostro mondo e se ancora oggi, trent'anni dopo, siamo ancora qui su Accordo a parlare di chitarre con entusiasmo e competenza lo dobbiamo anche a lui. Indimenticabile.
roberto pistolesi
Link utili
Roberto Pistolesi il liutaio non liutaio
Gli articoli di Roberto Pistolesi sono su Nashville
Il workshop di Roberto Pistolesi a SHG
Mostra commenti     11
Altro da leggere
SHG 2022 Vintage Vault: Roberto Pistolesi
Amare la chitarra anche senza suonarla si può
Roberto Pistolesi: il liutaio non liutaio
Sellette Stratocaster: tutta questione di tempra
Cinque anni senza Roberto
Quattro anni senza Roberto
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione
L'Imperfetta: storia di una thinline diversa da tutte




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964