VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Alberelli abbassacorde: perché servono, quando evitarli
Alberelli abbassacorde: perché servono, quando evitarli
di [user #116] - pubblicato il

Lo string-tree è un accessorio indispensabile per garantire la giusta pressione delle corde sul capotasto, ma una tensione eccessiva può compromettere la tenuta d’accordatura. Ecco come trovare il giusto equilibrio.
Uno solo o in coppia, in metallo, grafite e roller. Gli abbassacorde, i cosiddetti string-tree, arrivano in molte varianti. In alcuni casi, semplicemente non ci sono.
Quei piccoli accessori avvitati nel mezzo delle palette hanno lo scopo di abbassare le corde incrementando di conseguenza la pressione delle stesse contro il capotasto. La loro presenza (o assenza) ha un preciso scopo.
Una regolazione ponderata degli stessi può influire positivamente sul suono e sulla stabilità di una chitarra, ma una cattiva impostazione può compromettere sensibilmente la resa dello strumento. Vediamo come.

Alberelli abbassacorde: perché servono, quando evitarli

Lo string-tree è un dispositivo progettato per abbassare di alcuni millimetri determinate corde nella porzione che va dal capotasto alla meccanica. È facile vederne su paletta con meccaniche in linea in stile Fender, a volte da solo per curarsi di due corde, altre volte in coppia per dedicarsi a ben quattro corde.
I modelli più comuni sono composti da una semplice aletta di metallo sagomata, ma sono sempre più diffusi componenti in materiali sintetici pensati per ridurre la frizione o sistemi più complessi con parti scorrevoli e rulli, detti appunto “roller”.
Per tutti, lo scopo è quello di spingere la corda verso la paletta, facendo in modo che la stessa imprima più forza contro il capotasto. Possono risultare indispensabili nelle palette piatte tipo Fender, ma posizione naturale data alla corda dal tipo di meccanica utilizzata può rendere necessario regolarne l’altezza, aggiungerne uno o, viceversa, decidere di farne del tutto a meno.

Alberelli abbassacorde: perché servono, quando evitarli

Come accade per ogni punto di contatto tra le corde e la chitarra, una pressione maggiore può garantire più tono e una migliore trasmissione delle vibrazioni ma, al contempo, una tensione esagerata potrebbe compromettere la tenuta d’accordatura. Viceversa, una corda troppo alta oltre il capotasto potrebbe non esercitare una pressione sufficiente e rendere il timbro inconsistente.

La regola di massima si può sintetizzare nel trovare il giusto equilibrio sull’altezza imposta allo string-tree, facendo in in modo che corda passi dritta sotto l’abbassacorde, senza descrivere un angolo visibile sotto di esso, appoggiandosi quanto basta per creare un punto di contatto fermo e solido per la corda sul capotasto.

Luca di Zed & Venarossa ha affrontato il tema con un esempio pratico, in video, dal suo laboratorio.

Nascondi commenti     14
Loggati per commentare

di NICKY [user #46392]
commento del 24/06/2021 ore 11:53:42
Consiglio questo

vai al link

non è bellissimo, ma i cantini suonano meglio!
Rispondi
di Arch [user #51394]
commento del 24/06/2021 ore 12:30:40
In effetti, visivamente è proprio brutto! : D
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 24/06/2021 ore 16:25:59
Davvero.
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 24/06/2021 ore 12:34:40
Io lascio quelli normali ma li farcisco di grasso burrocacao et similia. Giusto una goccia sotto nascosta
Rispondi
di malamax [user #14352]
commento del 24/06/2021 ore 13:44:0
Molto comodo quello delle Blade che contiene una molla con vite per regolare la tensione 👍
Rispondi
Loggati per commentare

di ricctorr [user #10932]
commento del 24/06/2021 ore 16:34:18
Fender Stratocaster Eric Johnson senza abbassa corde, se va bene a lui.....
Rispondi
di teppaz [user #39756]
commento del 24/06/2021 ore 17:04:20
Sì, ma la EJ ha le meccaniche staggered, fatte apposta per non usare gli abbassa corde.
In sostanza la corretta inclinazione viene data accorciando i perni delle meccaniche man mano che si allontanano dal capotasto
Rispondi
di pelgas [user #50313]
commento del 24/06/2021 ore 22:50:04
Magnifica magnifica magnifica
Rispondi
di ricctorr [user #10932]
commento del 24/06/2021 ore 23:14:40
Comoda e con un suono stupendo, senza entrare nel Custom shop..
Rispondi
di ricctorr [user #10932]
commento del 24/06/2021 ore 23:14:41
Comoda e con un suono stupendo, senza entrare nel Custom shop..
Rispondi
di NorwegianWood [user #18676]
commento del 24/06/2021 ore 18:43:24
Ho appena montato i GraphTech in Tusq-XL su una delle asce.
La tenuta dell'accordatura è migliorata sensibilmente.
Rispondi
di Petrus [user #51464]
commento del 24/06/2021 ore 22:01:52
I Dynaguide sono eccezionali come concept e l'accordatura migliora sensibilmente. L'aspetto estetico del resto dipende dai gusti. La mia unica Strato ha subito ogni sorta di operazione, maltrattamento e modifica, grezza, brillante e votata all'hard e all'heavy. Più è brutta e più mi piace! :D
Rispondi
di Max Scarpanti [user #56093]
commento del 25/06/2021 ore 08:52:28
Articolo interessante.

Grazie
Rispondi
di Ghesboro [user #47283]
commento del 26/06/2021 ore 10:53:45
"Viceversa, una corda troppo alta oltre il capotasto potrebbe non esercitare una pressione sufficiente e rendere il timbro inconsistente."

E' curioso, ho provato Strato e Tele con l'abbassacorde in posizione estremamente avanzata che confutavano questa tesi in modo piuttosto convincente...
Rispondi
Altro da leggere
Tre pickup e spiccata versatilità per la Cort X700 Triality
Vintage White e oro per la Broadkaster Jr di Chris Rocha
Edge è l’acustica Soundsation con armrest ergonomico
Il Gibson Custom va in Cina con Epiphone: la Firebird I e V del 1963
Il looper di Ed Sheeran diventa realtà, in due versioni
L’assurda acustica con ponte in gomma di Orangewood
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964