VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cavi sessisti: no, non è uno scherzo
di [user #17844] - pubblicato il

Trovare un’alternativa a termini come jack “maschio” e “femmina” è “una questione di rispetto reciproco” dice Karam Kaul, presidente del consiglio di amministrazione PAMA.
Il buon vecchio cavo jack sta attraversando un vero ciclone mediatico con l’accusa nientemeno di essere sessista, non inclusivo.

Tutto ha inizio da un comunicato diffuso da PAMA (Professional Audio Manufacturers Alliance) associazione di aziende produttrici operanti nel campo audio di cui fanno parte anche marchi leader del settore come Audio-Technica, Audix, Sennheiser e Shure.

“L’intento è raccomandare l’adozione di una terminologia unificata in tutta l’industria, in uno spirito di inclusività. È una questione di rispetto reciproco” si legge nella dichiarazione. L’obiettivo è rivedere numerosi termini abituali per trovare formule più adeguate, moderne, efficaci e neutre sul piano sociale.
In particolare, i riflettori si sono però concentrati sull’esempio del jack, maschio come spinotto, femmina quando si riferisce alla presa, termini ritenuti inadeguati e obsoleti per una società moderna.

Cavi sessisti: no, non è uno scherzo

La notizia ha fatto in fretta il giro del web, attirando anche prese in giro e finendo in più occasioni per essere ritenuta ridicola.
Non mancano voci a favore, come SoundGirls, associazione a supporto delle donne lavoratrici nel settore musicale: “Un plauso per PAMA che cerca di introdurre un linguaggio neutro nell’industria audio. È un’impresa enorme, ma bisogna continuare a lavorare per portare cambiamenti”.

Sembra assurdo che applicare le parole “maschio” e “femmina” a dei semplici connettori, oggetti inanimati, possa scaldare tanto gli animi. Tuttavia, delle alternative esistono già: il jack - e non solo lui - può essere presa e spinotto, senza offesa per nessuno.

Non è la prima volta che delle terminologie tecniche si trovano al centro di discussioni in quanto ritenute offensive (se decontestualizzate). È stato il caso dei termini di “master” e “slave” nel campo della programmazione informatica, letteralmente “padrone” e “schiavo” che, in piena bufera Black Lives Matter, fa ha provocato diversi grattacapi ai programmatori di tutto il mondo.
cavi curiosità musica e lavoro
Link utili
Il comunicato PAMA
Mostra commenti     159
Altro da leggere
SHG Music Show cambia pelle per il 2024
Lancia la chitarra al tecnico... ma era un ignaro fotografo
Un anno di offerte e limited edition per l’anniversario Thomann
Le grandi donne dietro grandi chitarre
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964