CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Seventh son of a seventh son: il disco della profezia
Seventh son of a seventh son: il disco della profezia
di [user #60369] - pubblicato il

Il settimo album degli Iron Maiden è una pietra miliare dell'heavy metal. Contiene pezzi iconici della band come “Can I play with madness” o “Seventh son of a seventh son” mentre, a livello sonoro, presenta interessanti componenti sperimentali e di contaminazione: tastiere, synth, elementi progressive.


SEVENTH SON OF A SEVENTH SON è pubblicato dagli Iron Maiden nel 1988. 
È il settimo album della Vergine di Ferro e presenta nella cover il marchio di fabbrica della band, la mascotte Eddie creata da Derek Higgs che qui appare tra i ghiacciai e gli iceberg, col corpo a metà, un piccolo feto in mano e la testa infuocata. Siamo davanti ad un concept album visionario, profetico e simbolico: si parla del numero 7, numero che ha un forte legame con la numerologia e la religione fin dalla Bibbia, dove sette sono i doni dello Spirito Santo. Ma è anche un album sperimentale, dove le tastiere, il synth e il prog abbracciano l’heavy metal e le potenti cavalcate dei nostri.
Per i testi - quasi tutti composti dal bassista Steve Harris - gli Iron Maiden presero spunto dal romanzo, tra lo storico e il fantastico, di Orson Scott Card, pubblicato nel 1987 e intitolato IL SETTIMO FIGLIO.



Oltre al basso di Harris, la formazione di quell’album era ancora quella della fase storica con le due chitarre decisive di Dave Murray, fedele alle Fender e Adrian Smith con le sue Jackson; quindi la batteria di Nicko McBrain e la voce, unica e dalle alte vette, di Bruce Dickinson. L’album arriva a due anni dal successo di SOMEWHERE IN TIME (1986) in cui si erano contraddistinti alcuni passaggi musicali che anticipavano l’estetica sonora di SEVENTH SON OF A SEVENTH SON, come, per esempio, la presenza del synth che si sposava perfettamente con il basso e la chitarra. 
Tra i brani di questo settimo lavoro ricordiamo il granitico “Moonchild”, “Infinite dreams” emozione e metal allo stato puro, così come “Can I play with madness” singolo di traino del brano. Ma soprattutto “Seventh son of a seventh son” una canzone epica, in cui si descrive la profezia: l’arrivo del figlio prescelto, settimo figlio di un settimo figlio e destinato ad avere dei poteri. 
SEVENTH SON OF A SEVENTH SON fu supportato da un tour promozionale di sette mesi che portò ancora in alto il vessillo degli Iron Maiden che, tra l’altro, passarono anche in Italia dove parteciparono al Monsters of Rock di Modena il 10 settembre 1988, come headliner insieme ai Kiss.
L’album debuttò direttamente al primo posto della classifica inglese ed ebbe un grande successo a livello internazionale, guadagnando quattro dischi d’oro e uno di platino.
E oggi, nel 2021, è considerato una pietra miliare della musica metal. 

album iron maiden
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei servizi riservati ai sostenitori!
In vendita su Shop
Visualizza il prodotto
Magma Digi Beatpack Xl Zaino Imbottito Per Tastiera O Controller
di Music Delivery
 € 103,00 
 
MOOER - 007 REGAL TONE - BASED ON TONEKING FALCON MOOER 007 REGAL TONE - BASED ON TONEKING FALCON
di Music Works
 € 80,80 
 
Fender Chrome Steel Slide
di Music Island
 € 10,00 
 
PAISTE PST5 MEDIUM CRASH 16 PIATTO PER BATTERIA PST-5
di Borsari Strumenti Musicali
 € 85,00 
 
Reloop Carbon Fibre Cleaner
di Banana Music Store
 € 11,00 
 
Battipenna Ibanez RG/JEM white
di Chitarre e componenti
 € 15,00 
 
DANELECTRO 59XT DAQU CHITARRA ELETTRICA DARK AQUA 59-XT
di Borsari Strumenti Musicali
 € 638,00 
 
MANHASSET MODEL 1920
di Banana Music Store
 € 384,00 
Nascondi commenti     14
Loggati per commentare

di Sykk [user #21196]
commento del 01/09/2021 ore 11:32:14
Infinite Dreams è bellissima
Rispondi
di sonicnoize [user #36973]
commento del 01/09/2021 ore 15:11:51
Concordo. Disco spesso vilipeso per via dei Synth purtroppo...
Rispondi
di 5maggio2001 [user #36501]
commento del 01/09/2021 ore 11:43:11
album spettacolare, continuo a pensare che i maiden siano nella top 10 delle migliori band mai esistite
Rispondi
di Axilot [user #52908]
commento del 01/09/2021 ore 12:37:25
Da adolescente era la mia band preferita, mi ero fermato quando Bruce lasciò il gruppo, ma li ascolto sempre volentieri, sono fra le band che mi hanno fatto venire voglia di imbracciare una chitarra (è per questo che le superstrat sono le mie preferite).
Rispondi
di latin28274 [user #45548]
commento del 01/09/2021 ore 13:35:25
The evil that men do è un altro pezzo fantastico! Comunque disco meraviglioso, poco da dire.
I Maiden sono i più grandi del metal, almeno a mio avviso.
Rispondi
di sombrerobianco [user #8769]
commento del 01/09/2021 ore 15:35:
Disco stellare tra l'altro è stato il primo vinile acquistato in vita mia !!!
Suoni pazzeschi e pezzi immediati cattivi e granitici; soli bellissimi e funzionali al pezzo non buttati a casaccio per sfoggiare la tecnica
Oltre a the evil that man do, infinite dreams (uno dei miei pezzi preferiti in assoluto), seventh son of a seventh son, moonchild bellissime anche the clairvoyant e only the god die young

Assolutamente i maiden sono a podio tra i miei gruppi preferiti le armonizzazioni di chitarra le cavalcate possenti ed i cambi di tempo...cosa volere di più.




Rispondi
di latin28274 [user #45548]
commento del 01/09/2021 ore 15:37:04
... Che tornino in tour e si possa tornare a urlare davanti al palco! :)
Rispondi
di francesco72 [user #31226]
commento del 01/09/2021 ore 18:34:58
Beh, sarà perchè io, invece, come primo vinile ho avuto The number of the beast (anagrafica, temo), ma i pezzi di quell'album erano immediati e granitici; seventh son è frutto di una notevole evoluzione che lo rende molto più leccato e meno diretto e granitico, a mio parere. Non meno bello.
Buona musica
Rispondi
di Mizioman [user #20717]
commento del 01/09/2021 ore 17:03:37
Grazie a loro, grazie a questo disco.. mi sono addentrato nel mondo della musica suonata!
Anche se è “ingiusto” per gli altri album, Piece of Mind, etc.. credo sia il loro capolavoro!
Emozionante sempre
Rispondi
di nanniatzeni [user #24809]
commento del 01/09/2021 ore 23:01:24
Io ho sempre preferito il precedente, Somewhere in time, ma anche questo naturalmente è di altissimo livello.
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 03/09/2021 ore 08:26:37
Agli Iron Maiden ho sempre riconosciuto la notevole bravura.
Permettetemi però di andare controcorrente, più che altro per una questione di gusti personali.
Sin da quando ero adolescente (ho 55 anni) questo genere musicale l'ho sempre schivato, perché non mi sono mai riconosciuto nella "tamarraggine" (permettetemi il termine) di queste band, nella forma (e forse anche nei contenuti) macabra che i Maiden in primis, ma anche tutti gli altri, hanno sempre esplicitato.
A me, ad esempio, la mascotte Eddie con un feto in mano, mette inquietudine, mi appare proprio brutta, e non sono uno che si scandalizza, oramai ne ho viste di ogni, è proprio una questione di gusto.
Tutt'altra impressione mi hanno sempre fatto i Van Halen, tanto per citarne uno.
Però non vorrei essere pieno di pregiudizi, a volte capita.
L'autrice dell'articolo parla di "album visionario, profetico e simbolico".
Vi chiedo, anche perchè non l'ho mai ascoltato tutto, dove sarebbe la "profezia"? Che messaggio vogliono trasmettere?
Lo faccio con molta innocenza, per capire meglio. Io ho sempre ascoltato musica piuttosto diversa.
Rispondi
di dylandog_89 [user #19927]
commento del 03/09/2021 ore 15:44:59
Non guardare e non ascoltare mai i Mayhem allora...ai concerti ti tirano le teste di maiale dal palco.
Cmq "profetico" è stato in effetti usato male nell'articolo (che di per sè si presenta scritto tutto male come da un fanboy di 15 anni); comunque si tratta di un concept album dove i temi centrali sono appunto la profeziane la chiaroveggenza (di fatti ci sono due brani intitolati The Prophecy e The Clayrvoyant). Visionario invece lo è di sicuro e non solo per il tema o il sound (che all'epoca aveva fatto storcere il naso a molti metallari che preferivano chitarre secche senza effetti e senza tappeti di tastiere sotto). Il songwriting è eccelso come lo era stato in tutti gli album precedenti. Ad ogni modo tra questo e Somewhere in time preferisco quest'ultimo perché più particolare come sound (anche se un po' più impastato) e come canzoni in genere (Alexander the great è davvero emozionante).
Rispondi
di MM [user #34535]
commento del 03/09/2021 ore 16:09:3
Sarò vecchio, ma francamente faccio fatica a comprendere il senso di tirare teste di maiale dal palco.
Ad ogni modo sono andato ad ascoltarmi questa Alexander the great, a me non smuove veramente nulla, evidentemente è un problema di mio gusto musicale incompatibile.
Oltre a questo macabro di fondo, in senso generale, che è molto distante da quello che sono.
Rispondi
Loggati per commentare

di THE_Luke [user #31235]
commento del 13/09/2021 ore 16:00:30
.
DISCONE. punto.
Rispondi
Altro da leggere
Tre Schegge Neoclassiche
Michael Angelo: paura e delirio in alternata
Paul Gilbert: perchè il blues è meglio del metal
Bruce Bouillet: la pennata alternata dal progressive al metal
Quel batterista metal che ha studiato jazz e ascolta Sting
Batteria: 50 dischi fondamentali. "The Madness of Many" Animals As Leaders
La maestra di Heavy Metal
Heavy metal: un riff con il modo frigio
Chitarra Metal: come si fa un'armonizzazione per terze
Batteria, 50 dischi fondamentali: "Rage Against The Machine"
Chitarra ritmica metal: un riff come i Nevermore
Basso: Prog Metal nello stile dei Symphony X
Heavy Metal: arpeggi, armonizzazioni e tapping
Chitarra ritmica Metal: nello stile dei Meshuggah
Batteria: 50 dischi fondamentali. "Made in Japan" dei Deep Purple
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Harmony Rocket H59
Visualizza l'annuncio
Sony PCM-800 Digital Audio Recorder
Visualizza l'annuncio
VINTAGE DIGITAL RECORDER - AKAI ADAM (Akai Digital Audio Multitrack format) Sony PCM-800 Digital Audio Recorder
Seguici anche su:
Altro da leggere
Meeting ’21: porta la tua Manne a SHG 2021
Pat Martino: il chitarrista che visse due volte
Rickenbacker e la "Frying Pan" Electro A-22
Da Oney a Soisy: come funzionano gli acquisti smart per chi fa musica
Jim Root è al lavoro su una Charvel signature
Macbook Pro 2021: cosa significa per i musicisti
Fart Pedal: il pedale che fa puzzette sbanca su Kickstarter
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964