CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
La chitarra di Dr. Viossy a SHG
La chitarra di Dr. Viossy a SHG
di [user #116] - pubblicato il

Succede che ogni tanto tra un chitarrista e il suo strumento si crei una sinergia perfetta. E pare l'uno sia l'estensione - o meglio - la proiezione dell'altro. E' il caso del connubio tra le chitarre GNG di Giulio Negrini e le mani magiche di Michele "Dr. Viossy" Vioni:  uno strumento di liuteria che esplora soluzioni, estetiche e qualità costruttiva che assecondano le esigenze di un infaticabile esploratore della tecnica e del fraseggio rock come Vioni.
Michele "Dr. Viossy" Vioni infiammerà il palco di SHG domenica 28 alle 11:00.

Ciao Michele, cosa suonerai sul palco di SHG? Partiamo dalla strumentazione… 
Ciao, intanto grazie per questa opportunità e per avermi qui con voi. E poi devo dire che sono super felice di poter essere presente a questa importante realtà del  panorama musicale Italiano. Ho visto tante edizioni, ma dopo il delirio Covid, sono sicuro che questa sarà una cosa esplosiva! Detto questo, ovviamente userò le mie chitarre GNG - Giulio Negrini Guitars. Come amplificazione non ho ancora deciso, ma penso che on stage userò un sistema all digital con Macbook, scheda audio e sessione di Logic con automazioni già impostate sul mio  Neural Dsp. Così invece che ballare il tip tap sulla pedaliera, penserò solo a suonare e godermi  il mio tempo sul palco. Allo stand invece avremo sia un sistema analogico (testata e cassa)  che quello digitale, per far provare gli strumenti. Io amo prendere il meglio dei due mondi e  usare tutto ciò che il 2021 mette a mia disposizione, a seconda delle situazioni e del risultato  che voglio ottenere.

Viceversa a livello di repertorio: suonerai delle parti strumentali per far sentire la voce delle chitarre o  dei tuoi brani? 
Suonerò alcuni brani del mio album solista “The Adventure So Far”, uscito proprio un anno fa. Presenteremo 1-2 strumenti della GNG, poi lasceremo spazio alla Musica suonata, senza soffermarci sul test del singolo strumento. Per quello ci sarà tempo tutto il weekend allo stand  GNG.



Da anni il tuo legame con GNG è saldissimo: quali sono gli elementi che nel tempo hai trovato unici e  insostituibili di uno strumento artigianale? 
Il sodalizio è solidissimo, perchè io uso solo strumenti che mi piacciono. E fortunatamente li  ho sempre trovati. Non solo chitarre, ma anche ampli, pedali, plugins e tutto ciò che concerne  il mio mondo musicale.  Ho conosciuto Giulio proprio al SHG del 2007. Nel 2008 sono arrivate le prime 2 GNG Morgoth  e da allora ho suonato solo GNG, su dischi, video, live, tour. Uno strumento di liuteria è come un abito cucito su misura. O almeno così mi dicono, perchè  di abiti di sartoria non ne ho mai avuto uno ahahah. Ma chitarre “di sartoria”, sì! E ovviamente  è un altro mondo. A parte il design, che secondo me è spettacolare nelle GNG, il fatto di poter personalizzare ogni cosa è il massimo per un chitarrista. E’ un po’ come una moto per il  motociclista. Ok, il modello è quello, ma il tweaking minuzioso, il tuning delle varie caratteristiche è ciò che fa la differenza per un buon pilota. Per me è stata la stessa cosa con  le GNG. Io esprimo le mie esigenze a Giulio e lui usa tutta la sua maestria per realizzare in  concreto ciò che chiedo da uno strumento. Spessori, distribuzione dei pesi, suono, posizione  dei potenziometri e switch, insomma tutto. Poi ovviamente è Giulio a dare i migliori suggerimenti, perchè non sa solo costruire strumenti top, ma anche spiegare perchè una cosa  è messa in quel punto, perchè ha quelle misure e come la cosa influisce sul suono, sull’attacco, sul release, sulle frequenze. E alla fine mi ritrovo con strumenti tutti diversi tra loro, ma sempre perfetti.

La chitarra di Dr. Viossy a SHG

Quando si sceglie uno strumento così esclusivo e personale ci sono degli elementi a cui si rinuncia  a favore dell’assoluta qualità? Parlo magari di sonorità e feeling più tradizionali, legati a strumenti più  vecchi e iconici (Tele, Les Paul, Strat…)
Certo. Del resto se uno vuole il “suono Stratocaster” o il “suono Les Paul” può tranquillamente comprare uno di questi strumenti. Oppure farsi fare qualche modello simile, ma modificato. Non è il mio caso, perché quelle sonorità non fanno per me, tutto qui. Amo  dischi fatti con quelli strumenti, amo quei suoni nella musica che ascolto, di band che  utilizzano quegli strumenti, ma non sono fatti per me. Riesco a fare tutto ciò di cui ho bisogno  con le mie GNG, quindi non cerco altro.  

E restando nell’ambito della qualità in cui ci si imbatte quando si sceglie uno strumento artigianale, nell’ambito delle tue chitarre GNG quali sono gli elementi peculiari che non hai trovato in nessun altro  strumento? Magari aspetti a cui hai contribuito allo sviluppo e progettazione… 
Per avere una GNG ci vogliono molti mesi, non solo perchè c’è richiesta, ma soprattutto  perchè la cura costruttiva è maniacale. In ogni fase. Dalla scelta del legno alla costruzione vera e propria, comprese tutte quelle fasi che ancora Giulio fa “a mano” e che quindi può seguire  millimetro dopo millimetro per arrivare all’eccellenza. Che poi è ciò che desidera un cliente che  chiede uno strumento di questo tipo. E’ un po’ come per le auto. Una Mercedes AMG GT è una  signora auto, ma una Pagani è una cosa diversa. E non intendo dire che una cosa sia meglio  dell’altra. Gli strumenti artigianali sono meglio per me. Altri si trovano da Dio con altri  strumenti e va benissimo così, dato che riescono a trovare il proprio suono e fare musica  spettacolare. In altri strumenti che ho usato in passato c’era sempre qualcosa che non andava,  aggiungo sempre “PER ME”, attacco, sustain, pickup, design…alla fine è questione di tante  piccole finezze. Però se le metti tutte insieme e le correggi, sei molto più soddisfatto. 



Sei sempre un riferimento in termini di tecnica: come la tieni così allenata e soprattutto aggiornata? 
Arrossisco. Grazie per il complimento. Ho le mie routine di quelli che chiamo “esercizi  pugnetta”. Si può dire? Se no metti pure gli asterischi, in modo che si capisca, ma senza che  sia completamente visibile ahah. Ovviamente parlo dell’esecuzione di pattern ripetitivi che  servono puramente a scopo di palestra. Del resto la tecnica è semplice. Per spiegare la  plettrata alternata non c’è bisogno di scrivere 100 pagine. Il problema è affinare l’esecuzione,  portare in lungo la resistenza (se a uno serve questo, ma non è obbligatorio), ma soprattutto avere un bel suono, tondo, ricco, pieno. Siccome gli esercizi meccanici mi annoiano parecchio, solitamente li faccio mentre guardo  serie tv o film. E pratico molte cose contemporaneamente, quasi mai la pura meccanica da sola, perchè appunto mi annoio a morte. Metto tutto insieme. Non so, devo studiare un pattern  di tapping, gli arpeggi sulla minore melodica e il timing in terzine di sedicesimi. Quindi faccio  tutte queste cose insieme, in modo da portare avanti tecnica, visualizzazione, suono ecc. Poi sto sempre attento ad avere una respirazione costante, tenere il viso rilassato, non suonare con la faccia e con la bocca seguendo le note che faccio, non irrigidire le parti del  corpo che non stanno suonando. Perchè tutte quelle cose indicano tensione e quando sono teso suono male. La chitarra si suona con le mani e basta, soprattutto se si suonano passaggi  veloci o “ipertecnici” (che parola, mamma mia, però ci siamo capiti). Poi dal vivo uno può fare  “le facce da palco”, ci mancherebbe, tipo la faccia stupita quando si fa un armonico artificiale  e tutto l’arsenale rock and roll. L’importante è che la tensione non infici il suono che esce,  altrimenti per me non va bene. Quindi sul palco faccio dello squasso, ma quando devo stare concentrato mi fermo, mi metto in posizione classica (gamba sinistra alzata, piede sulla spia,  un classico) e suono così come studio a casa, in modo da suonare meglio possibile.
.
La chitarra di Dr. Viossy a SHG

Sull’aggiornamento, beh ascolto musica e quindi prendo idee di qua e di là, da chitarristi  migliori di me. Ad esempio, sono sempre stato scarso con l’hybrid picking, quindi ho chiesto aiuto a Claudio Pietronik, ho studiato il suo metodo e adesso me la cavo. Per quello che serve  a me oggi, sono felice, anche se devo migliorare ancora e ancora. Poi studio partiture di colonne sonore, partiture classiche, per capire le progressioni degli  accordi, per vedere come i grandi compositori intrecciano le parti. Non c’è solo la tecnica strumentale, ma anche la conoscenza della musica, che per me è fondamentale.

Come vedi la situazione strumentale attuale per la musica chitarristica? 
La vedo BENISSIMO!!! E’ un momento spettacolare. La musica si evolve sempre e con lei la  chitarra. Escono nuovi chitarristi, nuovi generi, nuove band, nuove chitarre, nuovo hardware  per fare suoni sempre nuovi e diversi, c’è tantissimo fermento, tante idee nuove, stili musicali,  stili di arrangiamento, mix di generi che si sviluppano in nuovi generi. E’ un momento davvero  top. Poi in Italia c’è una generazione di ragazzi che spaccano. Ci sarà del bello negli anni a  venire.

Ti facciamo un invito ufficiale: avresti voglia dei prossimi mesi di raccontarci e farci ascoltare qualcosa  del tuo ultimo disco qui su Accordo? 
Sarebbe un onore per me. Grazie dell’invito e grazie ancora per questa opportunità di oggi. Ci vediamo  al SHG.

 
dr. viossy gng guitars shg music show
SOSTIENI LA MUSICA

Dal 1992 ACCORDO si impegna a favore di chi fa musica, offrendo gratuitamente contenuti di alta qualità e servizi. Sostieni ACCORDO per sostenere la musica italiana nella sua stagione più difficile.

Dona adesso e usufruisci dei servizi riservati ai sostenitori!
Link utili
Il sito di SHG Music Show
Il sito di Dr. Viossy
Ascolti consigliati sul canale Spotify di ACCORDO
In vendita su Shop
 
Legère Signature Clarinetto Sib 3.25
di Banana Music Store
 € 37,90 
 
FBT X-Pro 12
di Banana Music Store
 € 349,00 
 
CROSON 301810 GLOCKENSPIEL METALLOFONO CROMATICO 30 NOTE 301810
di Borsari Strumenti Musicali
 € 69,00 
 
SOURCE AUDIO SA260 NEMESIS DELAY
di Boxguitar.com
 € 309,00 
 
LEWITT MTP-840-DM MICROFONO DINAMICO MTP840DM
di Borsari Strumenti Musicali
 € 249,00 
 
Supro '64 Reverb
di Banana Music Store
 € 999,00 
 
Oqan AMS01
di Banana Music Store
 € 22,50 
 
KOR Genius USATO cod. 97221
di Lenzotti
 € 99,00 
Mostra commenti     6
Altro da leggere
Milano Music Week 2021: il programma di sabato 27 e domenica 28 novembre
Rezophonic sul palco di SHG
Milano Music Week: dal 18 al 24 novembre la terza edizione
Una performance di Levante apre da Malpensa il viaggio verso la Milano Music Week
La verità sul Fanned Fret
Fanned fret ed elettroniche uniche al Musikmesse
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Amplificatore Yamaha THR100HD e Cassa Doppio cono 12 THRC212
Visualizza l'annuncio
Harmony Rocket H59
Visualizza l'annuncio
Sony PCM-800 Digital Audio Recorder
Seguici anche su:
Altro da leggere
Meeting ’21: porta la tua Manne a SHG 2021
Pat Martino: il chitarrista che visse due volte
Rickenbacker e la "Frying Pan" Electro A-22
Da Oney a Soisy: come funzionano gli acquisti smart per chi fa musica
Jim Root è al lavoro su una Charvel signature
Macbook Pro 2021: cosa significa per i musicisti
Fart Pedal: il pedale che fa puzzette sbanca su Kickstarter
Paul Stanley positivo al COVID-19: “mi ha preso a calci”
La Les Paul del ’52 salvata da un tornado torna a cantare: ascoltala...
Quando Charlie Watts prese a pugni Mick Jagger
Gibson diventa un'etichetta discografica: il primo album sarà di Slas...
Un chitarrista duetta con il suono del Golden Gate che gli ingegneri n...
Pickaso Guitar Bow: chitarra acustica ad arco
La Telecaster di Hallelujah diventa criptoarte da 26mila euro
Eric Clapton non suonerà per i soli vaccinati, ma non è un No Vax




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964