VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
You are here: con Yamaha la musica porta ricchezza e colore
You are here: con Yamaha la musica porta ricchezza e colore
di [user #3] - pubblicato il

La settimana del design è un inferno per i milanesi. Traffico impazzito, mezzi pubblici bloccati, metropolitana stracolma, ristoranti con la coda fuori, centro più affollato di Piazza del Campo il giorno del Palio di Siena. Ma quest'anno c'era una buona ragione per sfidare la sorte e andare in via Maroncelli 14, l'esibizione "You are here" di Yamaha.

Cos'è ce lo spiega Manabu Kawada, responsabile del Yamaha Design Laboratory:
 
Yamaha Corporation è un'azienda giapponese che produce e vende un'ampia gamma di strumenti musicali e apparecchiature audio. Attraverso le nostre attività, lavoriamo per aiutare le persone di tutto il mondo a condurre una vita appagante e soddisfacente.
Anche se la musica non è essenziale per la sopravvivenza, crediamo che porti ricchezza e colore alla nostra esistenza e sia quindi indispensabile per condurre una vita appagante e veramente umana. 
Gli strumenti musicali possono essere a volte un'estensione del corpo e a volte un partner prezioso. Noi dello Yamaha Design Laboratory crediamo che la presenza di uno strumento abbia una speciale intimità che lo rende veramente "con noi", a differenza della semplice presenza inanimata che caratterizza altri oggetti. 
Per questa mostra abbiamo creato mobili che rendono divertente la presenza di strumenti musicali, creando spazi per loro nella vita quotidiana e abbassando la barriera del semplice sedersi e suonare. Sono progetti che li portano nelle nostre conversazioni e aggiungono musica alle nostre esistenze. 
Il titolo della nostra mostra, "You Are Here", simboleggia il valore di questa presenza.
In quest'epoca di incertezza e cambiamenti tumultuosi, riteniamo ancora più importante sentire la realtà di una presenza preziosa. "You Are Here" è una voce per che riafferma il valore della presenza e, allo stesso tempo, un'espressione della nostra gioia nell'accogliervi qui oggi.

Il valore di questa bella mostra è amplificato dalla soddisfazione di vedere nel team di designer Yamaha un brillante giovane italiano. E non uno qualsiasi, ma uno di noi. Stefano Ivan Scarascia ha cominciato così, a SHG nel 2002, accompagnato da suo padre Adamo a mostrare la chitarra che aveva costruito al popolo di Accordo.

You are here: con Yamaha la musica porta ricchezza e colore

Da allora è passato tanto tempo e oggi Stefano vive a Hamamatsu ed è senior designer per il Design Laboratory della Yamaha. Insomma ha realizzato un sogno di tanti appassionati: disegna strumenti musicali.



Tra i colleghi di Stefano c'è anche Toshihide Suzuki, l'uomo che ha disegnato le nuove chitarre Yamaha Silent, Revstar, THR head e i piccoli amplificatori portatili THR che tanti di noi hanno in casa. Eccolo con la sua nuova Silent, accanto a Stefano.

You are here: con Yamaha la musica porta ricchezza e colore

Già che c'ero ho fatto due note sulla Yamaha Storia III, una nuova chitarra pensata per i principianti, ma che non avrei nessuna difficoltà ad acquistare se non avessi già una chitarra da vacanze. Scala corta, cassa piccola, hardware dorato, tutta in mogano, con una bella voce calda già rodata (eppure era un esemplare appena uscito dalla scatola) che ricorda quella di strumenti più apprezzati dai bluesman. Circa 450 euro il prezzo consigliato, ma lo street price consente di risparmiare parecchie decine di euro. Una sorpresa davvero, penso che le proveremo presto qui su Accordo.

You are here: con Yamaha la musica porta ricchezza e colore

La visita è stata interessantissima. Consigliabile per chi è a Milano nel weekend vale la pena di farci un salto. È a due passi dal grande palazzo Microsoft, a pochi passi dalla metropolitana Garibaldi. La brochure è molto bella ed è disponibile qui
 
curiosità eventi storia yamaha
Link utili
La brochure di You are here
La chitarra Yamaha Storia
Yamaha Design Lab su Instagram
Stefano Ivan Scarascia su Instagram

Mostra commenti     0
Altro da leggere
Il legno trasforma davvero una chitarra acustica? Mogano e palissandro sotto processo
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Ritrovato dopo mezzo secolo lo Hofner Violin Bass di Paul McCartney
Come Gibson antichizza un’acustica
Yamaha FG9R in video: testiamo la classe del palissandro con le tecnologie della liuteria giapponese
A Sanremo il rock ha già stancato
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964