CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
Dire straits (gravi difficoltà)
| advertorial di [user #116] - pubblicato il

Uno scarno comunicato di Gibson, azienda che fin dall'inizio della gestione Juszkiewicz ha impostato con la propria clientela un rapporto schietta e trasparente, annuncia un drastico taglio del personale. La notizia è di quelle che fanno impressione: dal 1986, cioè da due anni dopo la ristrutturazione e il trasferimento della sede a Nashville, Gibson Guitar Inc. ha sempre chiuso il bilancio in attivo e in crescita, creando risorse sufficienti ad acquisire marchi importanti e ampliando le linee di produzione. Oggi, per far fronte alla più grave crisi economica dai tempi della Grande Depressione, Gibson deve ricorrere alla soluzione più dura: i licenziamenti. E probabilmente altre aziende, meno pronte di Gibson a condividere con i consumatori le proprie scelte, stanno facendo altrettanto.


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964