DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Come ti regolo la Stratocaster
di [user #3] - pubblicato il

Leo Fender era un genio. Quando mise assieme il primo ponte della Stratocaster (1952-1953) tenne in considerazione soprattutto la semplicità di regolazione e manutenzione. Ne venne fuori un accrocchio straordinariamente complesso, forse un gioiello di meccanica (non si sa, non pare ne esistano fotografie, ma si puà immaginare), ma che faceva suonare la chitarra come una scatola da scarpe con elastici tesi sul coperchio. Nessun sustain, nessuna armonica: il complesso di molle che rendeva il sistema estremamente efficiente (così mi disse personalmente il compianto Freddie Tavares nel lontano 1984), assorbiva tutta la magia raccolta dalle corde, quindi i poveri pickup raccattavano vibrazioni men che misere


Questo contenuto è riservato agli utenti registrati, per continuare a leggere clicca qui per loggarti o creare un account.
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964