HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il legno conserva note, emozioni e sudore
Il legno conserva note, emozioni e sudore
di [user #116] - pubblicato il

Tra gli ospiti speciali di SHG ci sarà Federico Poggipollini che chiuderà la giornata di concerti con uno showcase esclusivo, suonando con la band, il suo ultimo disco, Nero. L'abbiamo sentito per accordarci sugli ultimi dettagli della sua esibizione e ci siamo fatti raccontare che chitarra si porterà e quale spera di trovare invece, usata, tra gli stand di SHG.
A SHG vieni a presentare “Nero” il tuo disco. Che chitarre ti porti?
Porterò le mie due Stratocaster american deluxe.

Ampli ed effetti invece?
Un Mesa Boogie Express 5/25 e alcuni pedali tra cui un Big Muff, un pedale artigianale costruito da Antonio Scorrano, un Marshall Bluesbreaker Mk1, un Pog Electro Harmonix.

Niente delay e riverberi in pedaliera?
Certo, ho il Time Line della Strymon.

Come sta andando il tour di promozione di Nero? 
Sono molto contento di come il pubblico sta reagendo nel live si fa prendere ballando e si fa trasportare nei momenti piu’ strumentali.
la strada di questo album e’ molto lunga, abbiamo messo in preventivo di portarlo in giro il più possibile, mi piacerebbe arrivare con i live in maniera capillare in ogni parte della penisola italiana.


Per suonarlo dal vivo hai cambiato e ri arrangiato parecchio le canzoni?
No, perché è un album nato per i live: il lavoro sull’arrangiamento e’ stato meticoloso proprio perché tutto perché fosse funzionale per i live. Ho messo dentro questo album tutta la mia ricerca del suono, frutto di 30 anni di esperienza.

Shg è il paradiso in terra delle chitarre usate: qual'è la chitarra a cui di sicuro non sapresti resistere?
Una Gibson Firebird nera, con due pick up e vibrola

Quando imbracci una chitarra usata per provarla, quali sono le prime tre cose che testi?
Dipende dal modello. Ne ho veramente molte, sono quasi un collezionista e secondo me a ogni chitarra devi dare la possibilità di abituartici.
La cosa molto importante e’ il suono, ovvio. Ma per me conta tanto anche l’estetica dello strumento. Mi piace pensare anche come è stata concepita, la storia che vuole raccontare. Le chitarre sono in legno e il legno ha un anima. E l’anima deve vibrare e la chitarra anche. Ogni chitarra a prescindere dal modello ha un suo suono peculiare e ha qualcosa da raccontare.

E una chitarra vintage, poi, pensa a quante ne ha viste…
Esatto. Per questo amo il vintage: perché amo pensare che quel legno conservi una memoria di note suonate, emozioni, nonché il sudore di chi ci ha passato ore con le mani incollate sul legno. Trovo proprio per questo gli strumenti in legno,   soprattutto le chitarre, particolarmente affascinanti.

Il legno conserva note, emozioni e sudore
aspettando shg e ritmi show 2015 federico poggipollini interviste
Link utili
La pagina di Federico Poggipollini
Compra Nero nello store di Accordo
Altro da leggere
Pubblicità
Albert Lee: la strumentazione del perfetto...
Michael Lee Firkins: Apple e Spotify non...
Carl Verheyen: se vuoi un suono personale,...
Curiosità, ascolto e studio: così si...
Pubblicità
Commenti
di f.n [user #3760] - commento del 11/11/2015 ore 17:52:4
Grande !!
:)
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 11/11/2015 ore 18:10:26
E la saga continua: attendo con ansia l'articolo che annuncerà un Poggipollini che cammina sulle acque. Dai che non manca molto.
Rispondi
di eugenio01 [user #39191] - commento del 11/11/2015 ore 18:28:13
E' un peccato abbiano abolito i duelli.
Avresti potuto sfidarlo in piazza duomo..al primo sangue claro...
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 12/11/2015 ore 09:03:30
Carissimo, pur non conoscendomi ti permetti di dileggiarmi, canonico esempio di mala educazione. Singolare, invece, che tu abbia letto ma non capito, dato che si trattava di due righe potevi fare un piccolo sforzo. Ma siccome è un dovere aiutare i fratelli in difficoltà, sarò più chiaro, a tuo beneficio: il commento non riguardava i miei rapporti col chitarrista di cui sopra, ma la sovraesposizione a cui Accordo.it ci sta esponendo. Per carità, liberi loro di scegliere la linea editoriale; ma sinceramente dopo quattro mesi in cui Poggipollini appare su queste pagine in varie vesti e varie salse non mi pareva inappropriato sottolineare la beatificazione che se ne sta facendo.
Tanto per chiarezza, non potrei mai sfidare nessuno a duello, sono un pacifista convinto ed alle superiori preferivo risolvere le controversie a tresette anzichè a pugni.
ciao
Rispondi
di kelino [user #5] - commento del 12/11/2015 ore 15:21:49
Se vogliam parlare di "beatificazioni" non è poggipollini il problema.
E poi, più ci si scanna per storie simili, piu funziona il fine ultimo.
Rispondi
di eugenio01 [user #39191] - commento del 12/11/2015 ore 16:31:48
Non ti sono carissimo, non ti dileggiavo e l'unico aiuto che potresti darmi son risposte brevi.
E mi sta pure diventando simpatico il poggi che se ha tali detrattori qualcosina di buono deve per forza averlo
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 13/11/2015 ore 07:51:35
Se sei carissimo o meno non lo decidi tu, ma io, infatti "mi" significa "a me". Noto che hai seri problemi con la lingua italiana; forse per questo continui a non capire che nel mio primo intervento non ho detratto nulla a Poggipollini, ma ho rivolto un appunto ad Accordo.it.
Quanto alle risposte, mi duole deluderti, ma in quanto le scrivo io, io decido quanto le voglio tener lunghe; tu sarai liberissimo di non leggerle, tanto l'effetto sulla tua comprensione è il medesimo.
Con rinnovata amicizia
Rispondi
di eugenio01 [user #39191] - commento del 13/11/2015 ore 10:0
:-) mvfncl va... specchiati in questo di post
con rinnovata disistima
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 13/11/2015 ore 10:33:58
Vedo che perseveri nell'autodistruttiva abitudine di apostrofare malamente il prossimo; peraltro mi confermi una notevole ignoranza dell'italiano il cui alfabeto annovera consonanti (che usi) e vocali, di cui ti è quasi sconosciuto l'utilizzo. La parola mvfncl non esiste ed in quanto tale non può essere per cui il tuo post si apre con nulla.
Anche esprimere disistima per una persona sconosciuto è indice di una notevole rozzezza di pensiero e limitatezza mentale. Mi duole ma con te non può esserci dialogo e mi vedo costretto a chiudere qui, in attesa che tu cresca e venga educato.
I migliori auguri di una serena adolescenza (quando arriverà).
Ciao
Rispondi
di kelino [user #5] - commento del 13/11/2015 ore 13:37:40
Ai tempi miei, ad un vfncl si rispondeva con un bel "ma vfncl te!".
Qui si disserta invece sull'efficacia delle tesi dell'accademia della crusca.
Ma che cazzo di chitarristi siete?
😀
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 13/11/2015 ore 15:44:58
Perdonami, ma l'accostamento chitarrista = volgarità mi pare un po' deprimente ed offensivo. Se non hai nulla in contrario mi sfilo dal gregge.
ciao
Rispondi
di kelino [user #5] - commento del 13/11/2015 ore 16:31:11
"E la saga continua: attendo con ansia l'articolo che annuncerà un Poggipollini che cammina sulle acque. Dai che non manca molto".
Mi ha fatto anche sorridere. E sono d'accordo col concetto.
"E' un peccato abbiano abolito i duelli.
Avresti potuto sfidarlo in piazza duomo..al primo sangue claro"
Che cazzo avrà mai detto per farti incazzare così tanto da farti sfoderare treccani e zingarelli?
Rilassati. Nessuno ce l'ha con te.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 14/11/2015 ore 15:15:00
Non comprendo il tuo appunto; in primo luogo non mi sono affatto adirato. In second'istanza non capisco perchè Treccani e Zingarelli dovrebbero essere armi da "sfoderare"; infine non mi è chiaro perchè non posso essere nella vita esattamente come mi leggi nei post. Ripeto, vorrei sfilarmi da questo paradigma che mi pare tutto tuo personale per cui il chitarrista risulta un buzzurro in grado di articolare solo frasi offensive o brutto parole.
Ciao
Rispondi
di poseidon [user #30697] - commento del 13/11/2015 ore 12:14:31
Boh, non mi pare si tratti di beatificazione. Le cose sono molto più semplici. Lui ha da promuovere un album, quindi qualsiasi piattaforma gli dia visibilità è per lui positiva. Accordo dal canto suo parla di chitarre e chitarristi, quindi avere un chitarrista professionista disponibile per interviste ecc è una fonte importante.
Si tratta solo quindi di una banalissima relazione mutualistica dalla quale entrambe le parti traggono i loro vantaggi.
E francamente non ci vedo nulla di male.
In passato ci sono stati altri chitarristi che, per un po' di tempo, erano spesso presenti su questa piattaforma, esattamente per gli stessi motivi.
Nulla di strano.
Se poi un articolo non interessa si può anche evitare di aprirlo, non mi risulta che vi siano solo articoli con poggipollini, ce ne sono tantissimi altri senza, c'è solo l'imbarazzo della scelta.
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 13/11/2015 ore 13:04:46
Sarà così, ma mi avvedo che in sei mesi e mezzo il nostro ha collezionato ben sei articoli, se non erro tutti da parte della redazione. Direi poi di finirla con questa storia di "non leggere gli articoli". La libertà implica non solo di poterli leggere, ma anche poterli commentare, piacciano o meno.
Ciao
Rispondi
di eddvedd1978 [user #14754] - commento del 11/11/2015 ore 19:20:18
Grazie per questo articolo ma soprattutto per avermi avvertito su quando dovrò uscire da SHG,
Rispondi
di Dinamite bla [user #35249] - commento del 12/11/2015 ore 09:43:51
Ricordo che l'album fu presentato alla grandissima (non mi soffermo sulle polemiche, si è già parlato abbastanza a riguardo...), per la particolare strumentazione utilizzata per le registrazioni.. Vintage italiano, chitarre anni '60, una presentazione quasi maniacale di un'idea di suono che dovesse richiamare certe sonorità decisamente vintage, ritrovate grazie a strumenti particolari rari e quasi dimenticati (e l'idea magari non era affatto male, trascurando il seguito).
E poi per presentare il disco a shg..: non una ma due american deluxe, mesa boogie express, ed effetti digitali....cioè praticamente l'opposto di una strumentazione che richiami il perfetto "vintage".
Booh... Ok!
Rispondi
di Zoso1974 [user #42646] - commento del 12/11/2015 ore 10:20:56
Tutta fuffa per farsi pubblicità... tra l'altro portare il disco in "maniera capillare in ogni parte della penisola" è proprio accanirsi... cattiveria vera...
Rispondi
di gigswiss [user #35314] - commento del 12/11/2015 ore 14:55:24
Si, hai ragione. Anch'io trovo la scelta delle due fender quantomeno incoerente. Il mio interesse per ascoltarlo dal vivo, che era già minimo, è scomparso.
Rispondi
di fraz666 [user #43257] - commento del 13/11/2015 ore 11:37:59
anch'io ho subito notato questa mancanza di coerenza: all'uscita del disco ho apprezzato la scelta del vintage italiano perchè anche se era fatto per pubblicità fa comunque sempre bene parlarne, ma poi sparisce del tutto.... peccato.
Rispondi
di pingone [user #43835] - commento del 12/11/2015 ore 10:33:5
pur rispettando la linea editoriale di accordo e gli ammiratori di poggipollini, anch'io ritengo che sia un pò troppo presente in questo sito. neanche un disco nuovo di steve vai o tommy emmanuel ha ricevuto così tanto spazio

Rispondi
di sundayplayer [user #13160] - commento del 12/11/2015 ore 13:16:07
Anche secondo me troppo Poggipollini.....
.....ma quanti chitarristi splendidi ci sono in Italia..? ....cos'ha lui di così specialissimo....?
Rispondi
di claude77 [user #35724] - commento del 12/11/2015 ore 13:33:
E' raro che commento in questo senso, però devo ammettere anche io che il suddetto chitarrista, peraltro molto bravo non c'è che dire, si trova su queste pagina negli ultimi mesi davvero spesso.
Mi sembra che ce lo vogliono far ingoiare per forza...
Va bè, dura lex, sed lex
Rispondi
di roccog [user #30468] - commento del 12/11/2015 ore 14:54:45
Sono curioso di ascoltare la resa dei brani live. Il disco mi è piaciuto molto!
Rispondi
di SuperAdrian utente non più registrato - commento del 12/11/2015 ore 15:21:16
Tutto ciò che penso è già stato espresso in maniera garbata da più di un accordiano....e comunque io ho sempre preferito Mel Previte! A proposito qualcuno ha sue notizie?
Rispondi
di alberto biraghi [user #3] - commento del 12/11/2015 ore 18:40:4
Federico Poggipollini - che piaccia o no - è uno dei più noti professionisti italiani della chitarra e la finalità di Accordo, da 23 anni, è la stessa: coinvolgere musicisti di rango, contando sulla disponibilità di quelli che - pur non avendo alcun bisogno di farlo - offrono volentieri a noi dilettanti la propria esperienza.
Accordo ha il diritto-dovere di valorizzare quanto più possibile questa disponibilità, creando sinergie a vantaggio dei lettori, almeno di quelli interessati a parteciparvi. Gli articoli su/con Poggipollini riscuotono sempre un grande successo, con numero di letture tale da farci capire che la maggior parte dei lettori li legge volentieri.
E visto che Accordo propone una media di 30+ articoli alla settimana, l'alternativa a Poggipollini non manca di certo, quindi non è chiaro dove stia il problema, visto che basta un click per cambiar pagina.
Rispondi
di FagoCablepro [user #42327] - commento del 13/11/2015 ore 02:37:02
Articolo molto interessante, penso che pochi conoscano bene Federico, è un chitarrista prevalentemente ritmico, non uno shredder, questo spesso per molti è sinonimo di non saper suonare.... (Opinioni.....)
Per quanto riguarda la sua cultura riguardo l'argomento dell'articolo in questione, posso confermare che è veramente preparatissimo. Le strato Deluxe di cui si parla sono state modificate montando componentistica solitamente utilizzata sulle strato classiche, quindi single coil Texas Special (non Noiseless o N3 che siano) condensatori ceramici etc etc.... Queste modifiche hanno contribuito ad ottenere un timbro più vintage, su uno strumento di concezione più moderna, quindi con manico compound radius, ponte su due perni e meccaniche autobloccanti. Per il resto sempre una strato rimane. (PS per fare un esempio.... Jeff Beck utilizza una strato di concezione moderna, eppure non mi pare che suoni Metal)
C'è anche da dire che di Fede al momento ci sono pochi video in rete e di quelli che ci sono la maggior parte sono molto datati. È quindi facile sparare a zero così tanto per divertimento. Io ho avuto modo di sentirlo suonare mentre provava sue chitarre da me modificate e posso solo dire che ha un gran gusto e nelle ritmiche è veramente bravo. Se i giudizi rivolti a lui son fatti (come a volte ho letto) perché è il chitarrista storico di Ligabue, noto alla comunità per avere la maggior parte delle canzoni composte da 3 accordi e riga (cosa non del tutto infondata), è sbagliato, bisognerebbe ascoltarlo anche in qualcosa di suo o comunque in pezzi dove abbia la possibilità di esprimersi. Di certo non è una cosa che può fare con Ligabue......attenzione, nessuno sta dicendo che è il Dio della chitarra, neanche lui ha mai detto nulla del genere, anzi, se ci si parla a tu per tu è una persona molto umile, che non se la tira affatto, anche se alle volte in video può sembrare faccia il divo. Ma in realtà è tutt'altro.
Mio personale pensiero.
Rispondi
di Claisen [user #36889] - commento del 13/11/2015 ore 11:30:03
Mah...non ne faccio una questione prettamente chitarristica... però, per me, la canzone RIPOSTATA è davvero poca cosa sotto tutti i punti di vista.... e il video ricorda troppo "sui giovani d'oggi ci scatarro su" degli Afterhours (a quando qualcosa su di loro?)
Rispondi
di pierinotarantino [user #29514] - commento del 13/11/2015 ore 12:11:50
Scusate..... Io credo che ha riassunto tutto Alberto dicendo che con un click si cambia pagina. Che poggipollini non è un virtuoso lo abbiamo già letto, non é che lui abbia mai detto il contrario. La canzone postata è carina, non credo pretendesse essere starway to heaven, ma solo una canzone pop con un riff carino. Poi, dire che accordo bla bla bla... Ci può stare. Però potete leggere anche music off se qui vi scocciate. Io sorrido a leggere tutte le beghe.... Ricordi Alberto quante ne ho passate per un mio commento sul civaschi?
Rispondi
di poseidon [user #30697] - commento del 13/11/2015 ore 12:33:41
è che l'utenza media qui è molto riccardona.
Lui è un chitarrista dallo stile un po' sporco e grezzo, fa poca presa sui riccardoni.

Sono convinto che se si fosse trattato dell'ennesimo, inutile, chitarrista sagoma di una tribute band dei Pink Floyd che arriva qui a spiegarci effetto per effetto, pedalino per pedalino, tutti i trucchi per avere lo stesso identico suono di David, la maggiorparte degli utenti non avrebbe avuto nulla di cui lamentarsi, nemmeno fossero stati 10 articoli al giorno. Anzi, avrebbero apprezzato e preso appunti con la bava alla bocca.
Rispondi
di Claisen [user #36889] - commento del 13/11/2015 ore 16:51:36
sicuro, ma se vuole uno, legge, ascolta e commenta. Se poi bisogna star zitti a tutti i costi...,
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Come mescolare pentatonica, arpeggi e scale diatoniche
Billy Gibbons & Super Sonic Blues Machine: ecco chi li incontrerà
Albert Lee, questa settimana dal vivo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964