CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS

Recensioni negative ne abbiamo?

di [user #5] - pubblicato il
Recensioni negative ne abbiamo?
Cara redazione oggi mi chiedevo come mai non leggo mai recensioni che mettono in evidenza carenze e difetti di strumenti e accessori.
Eppure di roba cara, che promette mari e monti e spesso di marca blasonata, ma che invece lascia il tempo che trova, ce n'è.
E spesso è stata pure recensita...
Dello stesso autore
Il mio approccio all'ampless
HX STOMP. Cambio ma resto in famiglia...
Mesa Boogie. Altro che helix, fractal o hea...
Pinuccio Cardano Jazz Bass (kelino signature)
Non mi piego al digitale. Visto che da un p...
HX Line 6. Cambio ma non troppo...
Clip TUNER. Dopo averne provati ta...
headrush nun te temo...
Loggati per commentare

di DottorZero [user #44787]
commento del 22/12/2016 ore 14:44:56
Beh, di sicuro quando facciamo una recensione noi utenti, siamo sempre obiettivi. E non risparmiamo critiche.
Rispondi
di xstrings utente non più registrato
commento del 22/12/2016 ore 15:12:12
Personalmente non ho mai trovato riviste che recensissero negativamente qualcosa, auto moto strumenti musicali o simili .... poi in realtà quelle che per te magari sono carenze per altri sono particolari superflui ... dipende dalle esigenze dell'acquirente.
Rispondi
di aleck [user #22654]
commento del 22/12/2016 ore 15:29:38
Era il motivo per cui preferivo Chitarre a Guitar Club. Una recensione "negativa" di un prodotto non poteva permettersela nessuna delle due redazioni, ma almeno quelli di Chitarre non risparmiavano le critiche, svolgendo analisi tecniche sempre molto oggettive.
Rispondi
di Sykk [user #21196]
commento del 22/12/2016 ore 17:41:48
C'è anche da dire che oggigiorno di oggetti che meritano una recensione decisamente negativa fai fatica a trovarne.
Rispondi
di Luca1973 utente non più registrato
commento del 22/12/2016 ore 19:18:2

- Recensioni negative ne abbiamo? Cara redazione oggi mi chiedevo come mai non leggo mai recensioni che mettono in evidenza carenze e difetti di strumenti e accessori -

Io credo che spesso su alcune cose si sà già che potrebbero essere prodotti non eccelsi e ne scaturirebbero recensioni negative; per questo molte redazioni le evitano, o, al limite, ne escono recensioni molto diplomatiche.
Così come spesso vengono marchettati costruttori e marchi più "amici". Non è un mistero ciò che succede nell'ambito delle riviste di auto, in tanti altri settori l'andazzo è quello.
Qui su Accordo ne ho avuto più di una volta il sentore, e credo di non essere il solo.

- Personalmente non ho mai trovato riviste che recensissero negativamente qualcosa, auto moto strumenti musicali o simili -

...per forza...non vorrai mica che una redazione si faccia dei nemici..??

- poi in realtà quelle che per te magari sono carenze per altri sono particolari superflui ... dipende dalle esigenze dell'acquirente -

Anche questo è vero, ma secondo me dipende anche da qual'è lo standard qualitativo al quale ognuno è abituato. Poi è ovvio che ci dev'essere obiettività.
Se compri una Triple Rectifier per fare blues non puoi fare una recensione negativa dicendo che la testata fa cag@re.

Rispondi
di xstrings utente non più registrato
commento del 23/12/2016 ore 11:03:39
Ma infatti la penso come te solo non sono stato così diretto ... heh heh heh
Rispondi
di Iconoclast76 [user #43596]
commento del 22/12/2016 ore 19:57:29
personalmente non mi son mai fidato delle recensioni, le leggo solo per conoscere le caratteristiche del prodotto e non per capire se le caratteristiche sono buone... per quello mi affido sempre alla voce del popolo che ha provato di persona e che in teoria non ha interessi a manipolare il proprio verdetto
Quando c'erano le riviste compravo strumenti musicali e guitarclub, il primo perche ero anche appassionato di tastiere e home recording il secondo perche non era pieno di pubblicita come a chitarre ed era pieno di lick deliziosi dedicandosi un po meno a pubblicizzare prodotti di amici
A quei tempi avevi solo le riviste ed era difficile capire bene, e le magagne c'erano eccome mi ricordo il primo multieffetto che mi rifilo un negoziante quando ero alle prime armi un viscount recensito bene su alcune riviste che faceva inorridire lo vendetti subito , appena mi capito di provare multifx di amici e fare la differenza
C'è da dire che oggi con il fatto che una persona mediamente puo informarsi bene e prepararsi, c'è meno terreno fertile per i truffatori e i furbacchioni di conseguenza tutti sono costretti ad alzare i loro standard qualitativi altrimenti annegano, cio non toglie che la tua riflessione oltre che essere sacrosanta eè quanto mai vera, come detto basta affidarsi piu alla voce del popolo che alle recensioni
Rispondi
di Pietro utente non più registrato
commento del 22/12/2016 ore 20:32:57
E' un mero problema "commerciale" e purtroppo vale per tutti i settori merceologici,insersionisti,pubblicità etc..etc...un classico ;-) Io conosco almeno un paio di persone che hanno speso dei bei soldini per hardware "di lusso,qualità eccelsa,artigianale etc..etc.." (campo musicale naturalmente) e hanno confessato di malavoglia che hanno buttato via un bel pò di soldi,ma non lo diranno mai in pubblico,figurati se un'impresa commerciale lo fa.
Rispondi
di onlyfender [user #5881]
commento del 22/12/2016 ore 23:27:16
Fare brutte recensioni non credo incontrerebbe il favore degli inserzionisti :-)
Comunque qualsiasi valutazione dovrebbe essere possibilmente imparziale anche se per certi versi è pura utopia. Il mercato è pieno di prodotti che vengono osannati da miglia di persone e criticati da altrettante, prendi ad esempio il BK Butler Tube Driver... a me piace e se facessi una recensione direi "è fantastico" ma tantissimi lo trovano terribile. Se fossi davvero imparziale dovrei quindi dire "ben costruito, molto solido e suona così... ora fatevi la vostra opinione".
Rispondi
di aghiasophia utente non più registrato
commento del 23/12/2016 ore 12:00:22
Quella che solitamente qui viene postata come "recensione" è in realtà un articolo a scopo informativo e illustrativo. Stop. La recensione è tecnicamente e criticamente un'altra cosa. Mi sembra abbastanza evidente che tutto sommato da un contesto come questo nel quale ci confrontiamo sarebbe impossibile,editorialmente parlando, aspettarsi la libertà di riviste specializzate che operano in settori altri. È pacifico e comprensibile.
Rispondi
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Iggy Pop è tornato con il singolo Free che anticipa il nuovo album
Gretsch: dalle acustiche alle solid body al Summer Namm
ACCORDO ti piace? Da oggi puoi renderlo più utile e interessante
C4 Synth: synth modulari per chitarristi
Chitarre e ampli da EVH per il Summer Namm
Jackson rinnova per il Summer Namm
Moonlander: 18 corde per la chitarra lunare
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964