HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
EBS Black Haze: basse e balance a tutto spiano
EBS Black Haze: basse e balance a tutto spiano
di [user #46209] - pubblicato il

La distorsione potente e profonda del Black Haze è l'ideale per i bassisti che intendono ingrossare le proprie linee per fornire ciccia e ricchezza anche alle formazioni più scarne. Bello con le dita, superbo col plettro, si siede sul fondo del mix senza infastidire i solisti.
La linea di stompbox Blue Label rappresenta l'escursione dei progetti EBS verso il radar dei chitarristi, ma la lunga esperienza del marchio svedese nel campo delle basse frequenze lascia una forte impronta anche sui nuovi effetti, che abbiamo scoperto rendere alla grande anche sul basso. Profondo e versatile, grazie a tre modalità di funzionamento e due stadi di gain, il Black Haze è l'overdrive-distorsore dedicato a chi non richiede presenza a tutti i costi, ma cerca una saturazione capace di "stare al suo posto".

EBS Black Haze: basse e balance a tutto spiano

Non appena estraggo il Black Haze dalla scatola, un dubbio linguistico mi attanaglia. La voglia di collegaro all'amplificatore è tanta, ma mi trattengo per un minuto e prima consulto il caro “wordreference” per verificare l’esatta traduzione del nome che gli è stato dato. I nomi di certi stompbox, solitamente, non vengono dati a caso, così comincio già a figurarmi che il nostro “foschia nera” sia un pedale con un discreto carico di basse. Con questa premessa in mente, mi armo di cavi e mi appresto a provarlo.

Dal punto di vista dell'interfaccia si presenta esattamente come il Drive Me Crazy, quindi con le regolazioni di Drive, Tone e Volume più lo switch a tre vie per le modalità Thin-Normal-Deep. A differenziarlo è solo il colore nero dello chassis.
Timbricamente troviamo di nuovo una distorsione aggressiva, ma più incentrata su un range medio-basso. Questa sua caratteristica, quando abbinata a carichi di drive elevati, tende a far risultare l’esecuzione con le dita leggermente più confusa favorendo però l’esecuzione col plettro, con la quale si raggiunge un perfetto bilanciamento: le basse sono ben presenti, l’attacco del plettro è nitido ma non invasivo sulle alte frequenze.

EBS Black Haze: basse e balance a tutto spiano

Equilibrato e potente, il Black Haze risulta più adatto alle situazioni in cui c’è bisogno di sostenere il mix con una linea poderosa, piuttosto che quelle in cui si richiede molta presenza per bucarlo.
Nel video ho suonato esattamente gli stessi riff già eseguiti per la recensione del Drive Me Crazy e ho mantenuto le medesime regolazioni, così che risultino chiare le differenze timbriche e di spettro sonoro tra i due pedali e sia quindi più facile fare un confronto tra i modelli.



Maggiori dettagli tecnici sul Black Haze possono essere reperiti sul sito ufficiale a questo link. Per provarlo con le vostre mani, vi consigliamo di fare un giro nei negozi serviti dalla distribuzione di Gold Music.
black haze ebs effetti e processori
Link utili
La recensione del Drive Me Crazy
Black Haze sul sito EBS Sweden
Sito del distributore Gold Music
Altro da leggere
Pubblicità
Hall Of Fame 2: TC svela la tecnologia Mash...
Mooer Micro Preamp: ascolta dieci ampli in...
Echosystem: Empress testa il delay universale...
J Rockett controlla la compressione con 6...
Pubblicità
Commenti
Al momento non è presente nessun commento
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964