DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
IK Multimedia iLoud Micro Studio Monitors
IK Multimedia iLoud Micro Studio Monitors
di [user #45705] - pubblicato il

L'italiana IK Multimedia ha da poco presentato sul mercato i suoi nuovi monitor da studio dalle dimensioni ridottissime. Sulla carta sembra che le premesse ci siano tutte,ma riusciranno a superare le nostre prove su strada?
Il progetto iLoud Micro
Gli iLoud Micro sono tra i più piccoli monitor da studio che possiate trovare sul mercato, sono poco meno alti di 20 cm, larghi 9 e profondi 13 e a prima vista possono sembrare dei classici speaker multimediali, ma non è proprio così! Basta prenderli in mano per capire la bontà dei materiale impiegati e l'accuratezza della costruzione. Il cuore del progetto è un processore DSP bit 56 bit che ottimizza risposta in frequenza, rendendo praticamente identici tra loro ogni coppia di monitor, gestisce l'accuratezza della fase e agisce da crossover digitale prima di inviare il segnale al tweeter da 3/4 di pollice in seta e al woofer da 3 pollici in neodimio. È presente una porta bass reflex posizionata frontalmente e dei controlli posteriori che gestiscono l'equalizzazione in modo da rendere più efficace il posizionamento dei piccoli monitor in qualsiasi punto della stanza. I piccoli speaker italiani erogano una potenza di 50w RMS con un'estensione in frequenza che va dai 55Hz ai 20KHz (+/- 3dB). Il collegamento avviene tramite una coppia di connessioni RCA sbilanciate, jack stereo da 1/8, oppure tramite bluetooth, l'alimentatore è esterno e il circuito di amplificazione è interamente contenuto nel case del monitor di sinistra, mentre il monitor destro viene collegato al fratellino attraverso un cavo quadripolare custom. Dei piedini reclinabili anteriormente facilitano il posizionamento dei monitor anche su una scrivania, mentre molto comoda è la possibilità di poterli montare su di un'asta microfonica in modo da utilizzarla come fosse un monitor stand. Tutto il progetto è molto ben curato, a cominciare da tutta la parte comunicativa, grafica e dal packaging.

IK Multimedia iLoud Micro Studio Monitors

Le prove su strada
Abbiamo testato i piccoli iLoud Micro in diverse situazioni: prima come semplici casse amplificate per ascoltare musica in una stanza casalinga, poi come monitor da studio in 2 regie diverse e poi in una situazione sempre di mixing ma in una stanza non trattata acusticamente posizionati sulla scrivania.
Subito ci hanno colpito per l'estensione in basso! Ne avevamo sentito parlare, ma non ci aspettavamo delle basse così estese, ferme e precise. Non mi fraintendete, non c'è da paragonare l'utilizzo di un sub-woofer dedicato, ma le basse sono ben presenti e soprattutto riecono a rispecchiare ciò che accade anche nei sistemi di riproduzione oggi più utilizzati: la macchina e le cuffie dell'iPhone. Diciamo che l'equalizzazione generale dei monitor ha le medie leggermente recesse e le basse in avanti, rendendo i piccoli speaker piacevoli da ascoltare e prevedibili in mix dopo averci fatto l'orecchio. Il volume è più che sufficiente per qualsiasi situazione di lavoro in un home studio o piccola regia audio. Nelle regie acusticamente trattate hanno aiutato a prendere decisioni nel mix, prendendo il ruolo di quello che in passato potevano essere i riferimenti per il mondo esterno. L'estensione del campo stereofonico è generosa e precisa, mentre la profondità è al pari di molti monitor dal costo ben superiore. Personalmente ho trovato più efficace e corretto il posizionamento in alto piuttosto che sulla scrivania, i piedini reclinabili aiutano a migliorare la situazione, ma la possibilità di utilizzare delle aste microfoniche come stand rende talmente semplice installare i monitor  "ad altezza orecchio" e disaccoppiarli fisicamente dalla superficie della scrivania che è un peccato non farlo. Nella situazione di mixing "casalingo" si sono comportate egregiammente, a patto di non esagerare con i volumi, in modo da minimizzare le risonanze della stanza privileggiando il suono diretto dei monitor e di utilizzare un secondo paio di speaker o delle cuffie da studio come "confronto", ma questi sono consigli che valgono per qualsiasi sistema di monitoraggio.

IK Multimedia iLoud Micro Studio Monitors

Tiriamo le somme
Le piccole IK ci sono piaciute! E molto! La loro risposta sulle basse frequenze ci ha reso molto semplice creare velocemente dei buoni mix "trasportabili" su qualsiasi sitema di riproduzione. Una piccola critica va al cavo di collegamento tra i 2 monitor: non è molto lungo ed essendo custom non possiamo utilizzare cavi standard per allungare la distanza tra i monitor. 
Il prezzo non è da monitor multimediali ma da entry level nel mercato dei monitor da studio, portandoli a paragonare con monitor dalle dimensioni ben maggiori, ma diversamente da quanto inizialmente possiamo pensare, possono benissimo reggere il confronto anche con speaker con woofer da 5 pollici. Un'altra applicazione interessante, date le piccole dimensioni e la trasportabilità, è quella di utilizzarle in situazioni di registrazione "on the road" fuori dallo studio di registrazione come ascolto e riferimento al volo.
Brava IK, prodotto consigliato!





 
ik multimedia iloud micro
Link utili
IK iLoud Micro Monitors
Nascondi commenti     7
Loggati per commentare

di swing [user #1906]
commento del 22/05/2017 ore 14:46:09
L'articolo dice "prezzo da entry level" però 300 euro non son pochi. Domanda da non intenditore: per la stessa fascia di prezzo si trova altro? Meglio o peggio?
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 22/05/2017 ore 15:20:04
Ciao Swing, il prezzo è "entry level nel mercato dei monitor da studio". Diciamo che se vuoi cominciare a fare sul serio bisognerebbe partire da li. Ci sono diversi prodotti interessanti sul mercato, ma la scelta è talmente personale che è sempre consigliabile ascoltare prima di acquistare dei monitor da studio. Modelli che ti posso consigliare di provare in quella fascia di prezzo sono le JBL LSR305, M-Audio BX5, Yamaha HS5 e MSP3, KRK RP5 G3 e Adam F5. Sono tutti modelli che hanno comunque un design diverso dalle iLoud Micro e delle dimensioni ben maggiori, quindi di non così facile posizionamento. Unico modello paragonabile, spendendo un po' di più, sono le Genelec 8010AP, che però non ho mai avuto l'occasione di ascoltare.
Rispondi
di swing [user #1906]
commento del 22/05/2017 ore 15:50:4
Grazie Andy, sei stato conciso ed esauriente!
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 22/05/2017 ore 23:22:13
Grazie a te Swing ;)
Rispondi
di yasodanandana [user #699]
commento del 22/05/2017 ore 23:22:58
sembrano belle.. ma a quel prezzo sono mille volte meglio, per esempio, le yamaha hs5 che sono praticamente uno standard. Rimangono, penso, interessanti, per chi deve viaggiare
Rispondi
di Andy Cappellato [user #45705]
commento del 23/05/2017 ore 00:04:00
Ciao Yasodansana,
io ho anche le Yamaha HS50m, il modello precedente, e ho provato le HS5. Non direi meglio o peggio, direi "diverse". Il consiglio è di provarle entrambi e, come dici tu, se la portabilità è importante sono sicuramente da valutare.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 23/05/2017 ore 07:52:49
Sembrano parecchio interessanti, mi incuriosisce il fatto di averle paragonate a monitor con woofer da 5"!
Certamente aver sviluppato un prodotto cosi affidabile in così poco spazio giustifica il prezzo visto che costano quanto una coppia di krk rp5 (ho pagato 2 mesi fa le rp6 360 €) ma, come avete già precisato, nascono per particolari esigenze di spazio e trasportabilità!
Rispondi
Altro da leggere
IK Multimedia assalta il pro audio con iLoud Precision
Intelligenza Artificiale per virtualizzare qualunque rig: il progetto IK Multimedia
iRig Pro Quattro: interfaccia audio portatile multitraccia da IK Multimedia
Entra in IK Multimedia: due opportunità di lavoro per la sede italiana
X-Gear: i migliori algoritmi di AmpliTube diventano stompbox
Ampli o cabinet? Ascolta le differenze e scarica gratis gli IR
Articoli più letti
Seguici anche su:
Altro da leggere
Gibson contro Heritage: la sentenza… poco chiara
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964