HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
DPA La storia... fino ad ora
DPA La storia... fino ad ora
di [user #116] - pubblicato il

Venticinque anni fa, uno spirito imprenditoriale ha iniziato un cambiamento che ancora oggi influenza il mondo dell'audio: trasformare i più conosciuti ed accurati microfoni di misura nei più fedeli e cristallini microfoni pro-audio disponibili sul mercato ai giorni nostri.
Questa è la storia dei microfoni DPA.

Durante tutto quest'anno vi racconteremo la storia completa della DPA, dalle sue modeste origini fino al mitico stato in cui si trova ora, senza tralasciare uno sguardo sul futuro. Ma per ora, diamo un'occhiata a dove tutto è cominciato.

Un salto nel passato...

Anni 70

Brüel & Kjær (B&K) iniziarono a produrre microfoni nel 1945. Già all'inizio degli anni 70, con lo sviluppo dei microfoni da ½” ad alta sensibilità, la forte presenza di B&K nel campo dei microfoni di misura era saldamente stabilita.

1978

Ole Brøsted Sørensen, uno dei futuri fondatori di DPA, utilizzò un microfono da misura per registrare un coro di cui faceva parte sua moglie.
Ole fece ascoltare le registrazioni ad alcuni amici che lavoravano nel campo radiofonico. In quegli anni, i microfoni omnidirezionali non venivano usati per registrazioni audio, ed è per questo che tutti rimasero stupefatti del risultato! Ole decise allora di registrare la trasmissione di un concerto del Giovedì sera per la radio danese. Vennero usati sedici microfoni B&K e il risultato fu stupefacente. I critici, seduti tranquillamente a casa ad ascoltare dalle loro casse, poterono accorgersi chiaramente della differenza e il sound li mandò in estasi.

B&K iniziarono a misurare (ovviamente!) se fosse possibile trovare una correlazione tra gli aspetti oggettivi e soggettivi del suono.

Tutti dicevano che il suono era migliorato con l'uso dei microfoni B&K, ma era veramente così? B&K vollero misurare che la qualità dell'audio fosse oggettivamente migliorata. Così lo fecero.
B&K costruirono una stazione di ascolto standardizzata e condussero blind test con svariati generi di persone: dall'esperto tecnico audio al soldato veterano con problemi d'udito. I risultati mostrarono che quasi il 100% dei soggetti trovarono che microfoni B&K fornivano il suono migliore.

DPA La storia... fino ad ora

B&K iniziarono a trasformare i loro microfoni omnidirezionali di misura per adattarli all'ambito pro audio.

Ole diede il via a un team di progetto per assicurarsi che i nuovi microfoni avessero le qualità necessarie per essere usati nel campo del pro audio. La tecnologia della capsula era già stata sviluppata ma l'alloggiamento del microfono doveva essere ripensato, in modo da garantire che potesse resistere alla condizioni difficili dei tour, degli studi di registrazione e dei live in genere. Inoltre, i microfoni dovevano essere riprogettati in modo che potessero funzionare con l'alimentazione phantom.

1982

Dopo alcuni anni di intenso lavoro i primi microfoni pro-audio di B&K sono pronti al lancio. Vennero create quattro versioni: 4003, 4004, 4006 e 4007. Oggi i microfoni d:dictate 4006A e 4007A vanno ancora per la maggiore.


Per celebrare i 25 anni di DPA, abbiamo messo in palio un'edizione limitata del d:dictate 4006A, con il logo dell'anniversario. Quanti microfoni di misura B&K vennero usati per registrare la trasmissione di un concerto del Giovedì sera per la radio danese? QUI il link per partecipare.

DPA è un marchio distribuito da M Casale Bauer.
dpa microfoni
Link utili
visita il sito DPA
guarda il sito dell'importatore
Altro da leggere
Pubblicità
Microfonare la chitarra: scegliere il...
Microfono Electro-Voice PL80a...
DPA presenta la clip a 4 posizioni per il...
Dinamica nelle voci pop per il tour europeo...
Pubblicità
Commenti
di Claes [user #29011] - commento del 02/07/2017 ore 18:22:05
Bella la storia della saletta prove ai primi tempi! Ci si aspetta normalmente l'uso di macchinario specializzato. Bravo anche chi ha inventato i nomi dei prodotti in serie d:
d:dicate sarà da pronunciare "dedicate" (inglese). Un roadie dirà "dammi Kate".
Il link non funziona - altrimente avrei risposto quello che avete rivelato - 16 microfoni...
Alla prossima puntata!
Rispondi
di kelino [user #5] - commento del 03/07/2017 ore 08:22:44
Il link a me non funziona...
Rispondi
di Claes [user #29011] - commento del 07/07/2017 ore 14:01:08
STILL NOT WORKING!!! Nessuno non vincerà niente... !!!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Stanzetta insonorizzata fai da te
Keith Richards: "Sgt. Pepper's è un mucchio di spazzatura"
Venti attrezzi online per chitarristi
D.I. Box: cos'è e a cosa serve
Scelta delle cuffie - La parola al fonico
Tecniche di registrazione
Nashville, lo Studio B e un Elvis sbadato
Idea Effe: studio report coi Dolcetti
I Microfoni: risposta in frequenza e diagrammi polari
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
RECnMIX: la casa del musicista 2.0 è online
I microfoni: tipi e tecniche costruttive
Recording, mixing, mastering: ACCORDO.IT lancia RECNMIX
Rocket 88: il primo rock 'n' roll della storia
La vita in studio prima dei mixer
Viaggio nel primo studio di registrazione d'Italia
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964