HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga
Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga
di [user #116] - pubblicato il

Il Wing Bass ha metà manico di un basso standard per garantire una suonabilità familiare a qualunque bassista e che ammicca anche ai chitarristi.
"Piazza un capotasto al 12esimo tasto di un basso standard e taglia via il resto del manico, il risultato è il Wing Bass", così i creatori del curioso mini-basso made in USA spiegano il progetto del Wing Bass.

Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga

Il piccolo solid body nasce dalla necessità di offrire ai bassisti uno strumento perfetto per i viaggi o da infilare in qualunque valigia, senza rinunciare alla suonabilità e al suono di un vero basso full-size. Così Wing Instruments ha progettato un basso di buona fattura, con tutti i canoni degli strumenti a piena grandezza, e ha poi deciso di tagliare via tutto quello che viene prima del dodicesimo tasto. In questo modo, il Wing Bass garantisce un manico familiare per qualunque bassista, la distanza dei fret è la stessa che si avrebbe oltre il 12esimo tasto su qualsiasi altro basso e anche la tensione delle corde è la medesima. Il compromesso è rinunciare a un'ottava di estensione verso il basso anche se, grazie alla presenza di modelli a cinque corde e sei corde in catalogo (o anche più, su ordinazione), è possibile recuperare il range più grave.

Ancora poco noto nell'ambiente, il Wing Bass vede in realtà la luce già nel 2015, e di tanto in tanto torna sotto i riflettori del web con qualche video rubato su palchi e fiere.



Costruito in collaborazione con Stambaugh Designs, il Wing Bass parte da una fascia di prezzo media e risulta così appetibile per i bassisti in cerca di un buon oggetto con cui tenersi in allenamento quando non è possibile avere con sé il proprio basso principale, per partecipare a una jam senza troppe complicazioni o anche per i chitarristi incuriositi dalle basse frequenze, che vogliono esplorare le sonorità di un vero basso senza le difficoltà legate a un manico notevolmente più lungo rispetto a quello di una chitarra.

Wing Bass sega a metà un vero basso a scala lunga

Più di un comune travel-instrument, il Wing Bass sfoggia caratteristiche costruttive di tutto rispetto. Il body, che ingloba anche il manico sotto la sua lunga ala superiore, è a scelta tra mogano e black limba. La tastiera può essere in palissandro o acero, ed è anche possibile richiederne una versione fretless.
L'elettronica è passiva, essenziale ma di qualità, composta da un humbucker Bartolini collegato a un tono e un volume.
L'hardware è firmato Hipshot, con il sistema di accordatura Headless per poter confezionare un basso ancora più piccolo, privo di paletta e con il body che si interrompe appena sotto il ponte.
Come opzione, di recente è stata introdotta la possibilità di adottare manopole Loknob, che consentono di bloccare i settaggi con un tocco.

Dal suo lancio, il Wing Bass ha visto arrivare diversi compagni di viaggio. Le opzioni di personalizzazione sono aumentate, e ora il catalogo comprende anche bassi a piena grandezza e un'alternativa portatile pensata appositamente per i chitarristi, chiamata Wing Guitar.
Per approfondirne la conoscenza, vi consigliamo un salto sul sito ufficiale a questo link. Su YouTube, invece, è possibile reperire diversi clip che mostrano i loro strumenti all'opera nei contesti più disparati.
bassi elettrici wing bass wing instruments
Link utili
Sito Wing Instruments
Sito Stambaugh Musical Designs
Loknob su Accordo
Altro da leggere
Pubblicità
Come riparare un potenziometro rumoroso...
Tre Special Run in frassino arrosto da Fender...
Fender Squier: chi spende 1000 euro per una...
GB75JH: da Cort il mondo del basso in due...
Pubblicità
Commenti
di And96 [user #41601] - commento del 12/09/2017 ore 17:25:29
Inoltre sono disponibili anche con in EHX Micro-POG (se mi ricordo bene) che può funzionare come octaver per riguadagnare le frequenze gravi.
Rispondi
di yasodanandana [user #699] - commento del 13/09/2017 ore 00:36:51
che bello.. soprattutto il 7 corde
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Aspettando RitmiShow Napoli 2014: Naga Distribution
Intervista a Michael Baker
Vadrum vs V-Drums - Qualche domanda ad Andrea "Vadrum" Vadrucci
Intervista a Dave Weckl
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964