HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
UpShot: un woofer tondo come personal monitor
UpShot: un woofer tondo come personal monitor
di [user #116] - pubblicato il

Acoustic Image ribalta il progetto della cassa per basso e contrabbasso e la trasforma in un cilindro a faccia in su per diffondere meglio le frequenze.
Acoustic Image è un laboratorio statunitense specializzato nella creazione di amplificatori e diffusori per basso. In catalogo ha molteplici woofer con una classica configurazione di altoparlante rivolto verso il pavimento al fine di diffondere le vibrazioni più gravi in maniera vigorosa e presente. Con l'UpShot, capovolge letteralmente il progetto e sforna un piccolo cabinet rotondo al cui centro c'è un solo cono rivolto verso il soffitto.

L'UpShot racchiude un altoparlante da 10 pollici in un contenitore cilindrico dallo spessore di 6 pollici. Le dimensioni sono simili a quelle di un rullante per batteria e il peso è di soli cinque chilogrammi circa.

UpShot: un woofer tondo come personal monitor

La singolare progettazione ha lo scopo di offrire al bassista un suono più diretto e intelligibile verso il suo orecchio. Al contempo, l'omnidirezionalità delle basse frequenze fa sì che lo strumento arrivi in maniera uniforme a tutta la sala.

La cassa gestisce un massimo di 300 watt su 8 ohm, regge senza problemi un piccolo live ed è l'ideale come monitor personale quando il suono diretto al pubblico passa dal PA.
Pensata per basso elettrico e contrabbasso, è particolarmente utile con quest'ultimo quando si ha bisogno di un riscontro chiaro e immediato per migliorare la propria intonazione sul palco.

UpShot: un woofer tondo come personal monitor

Maggiori informazioni tecniche, utilizzi consigliati e disponibilità, sul sito della divisione europea di Acoustic Image a questo link.
acoustic image casse e altoparlanti upshot
Link utili
UpShot sul sito Acoustic Image
Altro da leggere
Pubblicità
Line 6 Powercab: l'impatto del cabinet anche...
Come il cabinet cambia il suono...
Audiodesign AG8 Impact: tutto in uno...
Cabinet 2x12 autocostruito...
Pubblicità
Commenti
di fabrimix1 [user #43172] - commento del 07/11/2017 ore 10:04:17
Sarei curioso di vedere come fa a non "saltare" da terra a volumi sostenuti...proprio per questo motivo sono dubbioso sulla sua effettiva utilità.
Rispondi
di Mimmo66 [user #26026] - commento del 07/11/2017 ore 15:47:48
quattro tasselli e la inchiodi al pavimento :-)))
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964