HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità.
Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità.
di [user #116] - pubblicato il

Turchia, anni '80. Tre ragazzini buoni amici,che abitano nello stesso quartiere, si trovano a lavorare in un laboratorio di piatti e cimbali. Iniziano con i lavori umili, facendo le pulizie e occupandosi delle mansioni più semplici. Ma hanno la fortuna di lavorare a fianco ad artigiani che hanno prodotto i leggendari piatti degli anni '60 e '70. Così, con tanta passione, umiltà e duro lavoro diventano anch'essi maestri in questa disciplina e, nel 1996, fondano la Bosphorus Cymbals, oggi azienda riconosciuta d'eccellenza nella costruzione di piatti a livello mondiale
La Bosphorus rivendica una componente unicamente umana nella produzione dei suoi piatti. "Tutto quello che facciamo è realizzato con l'energia dei nostri uomini e  non con macchine e sistemi automatici." L'utilizzo degli utensili elettrici è, infatti, relegato a una parte minima e ben precisa del processo produttivo (premere la campana dei piatti e ruotare la piastra di tornitura). Tutto il resto della produzione è affidato al lavoro degli artigiani.

Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità.

"La manualità del lavoro ci aiuta a creare piatti che sono semprei unici e non fotocopie standardizzate. Vogliamo che sia coì perché sappiamo che i nostri prodotti sono usati per creare arte e la prima regola, nella creazione dell'artè è: essere unici."
Questo approccio alla realizzazione artigianale costringe, ovviamente la Bosphorus a una produzione più selezionata e controllata che si rivolge, naturalmente, a una serie di batteristi particolarmente esigenti:  "Qualsiasi buon batterista che si prenda davvero cura del proprio suono,  capisce la differenza che c'è nel realizzare i piatti in questa maniera. Per questo motivo, non c'è altro modo di creare i nostri piatti, non ci sono scorciatoie. Li realizziamo unicamente così, a mano, anche se è più difficile di quello che fanno gli altri e ci mette nella condizione di produrre meno piatti e con più sforzo."

Bosphorus: una storia di amicizia, passione e qualità.

La serie di piatti per batteria prodotti dalla Bosphorus è però, uguualmente ricca e variegata, attenta a offrire il prodotto giusto per ogni filone e genere musicale: dalla linea EBC series studiata per i batteristi che si cimentano in contesti che prevedono forti commistioni con la musica elettronica, techno e groovy; alla nuovissima lineac Doron Giat’s pensata per le sonorità raffinate del pop rock.

Nelle lista degli artisti endorser del brand turco spiccano due tra i più noti batteristi italiani, Alfredo Golino e Phil Mer.

Da questo mese i piatti Bosphorus arriveranno in Italia grazie a Proel che diventerà distributore ufficiale ed esclusivo per il nostro paese.

bosphorus cymbals news
Link utili
Il sito della Proel, distributore italiano dei piatti Bosphorus
Il sito della Bosphorus Cymbals
Altro da leggere
Pubblicità
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Adam Deitch: tecnica, mani allo specchio...
Pubblicità
Mario Guarini: "Now It's My Turn"...
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Come le batterie dei dischi...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Questione di resistenza...
Commenti
di simonec78 [user #13803] - commento del 22/03/2018 ore 19:02:34
Molto interessante.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964