HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Angus Young e Axl Rose insieme su un nuovo album
Angus Young e Axl Rose insieme su un nuovo album
di [user #116] - pubblicato il

Gli AC/DC sono al lavoro su un nuovo album. Alla voce pare ci sarà Axl Rose, entrato in pianta stabile al fianco di Angus Young e con una formazione inedita.
Quando gli AC/DC hanno annunciato che Axl Rose avrebbe preso il posto di Brian Johnson per il tour del 2016, i fan della vecchia guardia hanno storto il naso e hanno sperato in una sostituzione temporanea. L'intesa tra il fondatore dei Guns N Roses e Angus Young sembra invece essere ottima e Axl, a due anni di distanza, è entrato in pianta stabile nella formazione australiana. All'orizzonte sembra esserci persino un nuovo album insieme.

Angus Young e Axl Rose insieme su un nuovo album

L'indiscrezione arriva attraverso un'intervista rilasciata da Angry Anderson dei Rose Tattoo a The Rockpit. Angry si stava esibendo come opening act per un concerto dei Guns N Roses insieme ad Angus Young. Alla richiesta di un bis da parte del pubblico, si sarebbe rivolto al chitarrista: "che hai intenzione di fare?" e Angus, di tutta risposta "sto lavorando a un nuovo album", rivelando che alla voce, per la prima volta in studio, ci sarebbe stato Axl Rose.

Il frontman dei Rose Tattoo ha così commentato: "Brian non c’è più, Phil non c’è più, Cliff non c’è più, Malcolm non c’è più. E ci sono queste persone, so che è triste che la line-up originale non ci sia più, ma ci sono le canzoni e la gente che li ha seguiti per tutta la loro carriera vuole ascoltare le canzoni".

Nell'ottica di Angry Anderson, la faccenda è tutt'altro che una trovata commerciale o un tentativo di trascinare a forza un carretto ormai fuori uso. "È un debito di gratitudine" spiega Anderson, facendo riferimento alla fedeltà ampiamente dimostrata dai fan nei confronti degli AC/DC nel corso dei decenni: "Voi state vicino a noi, noi stiamo vicino a voi. Angus, diciamocelo, non ha bisogno di soldi, ma sa che ci sono ancora milioni di persone in tutto il mondo che vogliono ascoltare le canzoni degli AC/DC suonate dal vivo".

acdc axl rose
Link utili
L'intervista integrale
Altro da leggere
Pubblicità
AC/DC alle Olimpiadi?! La pattinatrice rock...
La morte di Malcolm Young segna la fine di...
AC/DC: Angus Young resta da solo...
Rock or bust: il nuovo album degli AC/DC...
Pubblicità
Commenti
di adriphoenix [user #11414] - commento del 27/03/2018 ore 17:32:25
...ecco..speravo che non si arrivasse al grottesco e invece...sono fan di Angus e degli AC/DC sin dal 1979...vederli ora, o meglio vederlo (Angus) circondato da elementi che nulla hanno a che spartire con la loro storia, mi fa sinceramente tanta tristezza...e Anderson non ci venga a raccontare che lo fanno perchè la gente vuole sentire le loro canzoni e non per soldi perchè non ci crede nessuno, magari Angus lo fa perchè altrimenti il giorno che smette di suonare muore (tiè, mai spero!), ma quel bidone di Axl e compagnia bella...altrochè se lo fanno per i soldi. E' ovvio che mi dispiaccia che gli AC/DC non esistano più, ma piuttosto che sentire un accrocchio di band, preferisco rivedermi e risentirmi i fasti del loro glorioso passato. Led Zeppelin e Black Sabbath docent!
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 27/03/2018 ore 19:46:30
AXL non è stato affatto un bidone. Fece delle performance che sbalordirono tutti.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 28/03/2018 ore 16:24:04
"Sbalordirono tutti" mi sembra pleonastico...io non mi sono sbalordito per nulla, ma schifato si...e come me tanti altri (non tutti ovvio), infatti migliaia di fans si sono fatti ripagare il biglietto del tour con Axl ...a Londra, in Danimarca e Belgio per citarne solo alcuni vai al link
Rispondi
di betelobo [user #25981] - commento del 29/03/2018 ore 21:48:06
Sottoscrivo in pieno!
Rispondi
di nolo [user #45689] - commento del 27/03/2018 ore 18:09:03
già
Rispondi
di coldshot [user #15902] - commento del 27/03/2018 ore 18:43:48
Aiuto, qui siamo a dei livelli di trash che voi umani non avete mai visto prima.
Rispondi
di MuddyWaters [user #47880] - commento del 27/03/2018 ore 19:48:08
Buono! AXL fece un figurone a suo tempo con gli ACDC e io, sinceramente, speravo vivamente che si facesse un album con lui alla voce. A questo punto spero solo che facciano un buon album con i loro stili "tradizionali". Perchè per quanto comunque belle le ultime due uscite non è che mi abbiano fatto impazzire. Mi sono sembrate un po' troppo pop.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 28/03/2018 ore 09:40:58
Indipendentemente dai gusti (ragion per cui a me Axl fa cacare, sin da tempi dei Guns), tu chiameresti ancora questo progetto AC/DC?
"Brian non c’è più, Phil non c’è più, Cliff non c’è più, Malcolm non c’è più...." ...è rimasto solo Angus, ma un solo chitarrista a mio modo di vedere le cose non fa una band! Oltre al fatto che il vero tessitore degli storici riff e del sound degli AC/DC era Malcolm Young e non Angus. Ragionando per analogia, chiameresti IRON MAIDEN una band solo con Bruce Dickinson? ...o METALLICA una solo con KIRK HAMMETT? ...siamo seri, Angus è tuttora uno dei più grandi e potrebbe permettersi anche di costruire un progetto nuovo e diverso, in cui magari inserire anche i verdi fasti del passato AC/DC, ma apprezzerei di più l'onesta intellettuale di osare ad esplorare territori nuovi piuttosto che tenere vivo a tutti costi un progetto ormai storicamente chiuso (per forza maggiore sigh!). Se il nuovo disco sarà marchiato AC/DC lo sarà solo di nome, ma non di fatto...anzi avrei anche un nome da suggerire... gli Angu(n)s & Roses ;D
Rispondi
di pastrana [user #34418] - commento del 28/03/2018 ore 13:16:35
Concordo su tutto. Compreso l'aggettivo "grottesco" che, purtroppo, definisce perfettamente tutta la faccenda. Io scelgo di ricordarmeli per come li ho visti, ancora in forma grandiosa, a Milano e poi a Udine. E sto così. Evito anche youtube.
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 28/03/2018 ore 16:32:01
a Milano e Udine, nel 2009 e 2010 c'ero anch'io, me li voglio ricordare così, con MALCOLM, ANGUS, PHIL, CLIFF e BRIAN. sono passati 45 anni circa dal loro inizio carriera, la band, quella vera non esisterà più, lo dico con un po di tristezza e nostalgia, ma ora non c'è + niente da dire con il nome AC/DC!
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 28/03/2018 ore 16:47:25
Ho ancora le foto (Kodak mica quelle sfocate dei cellurari!) del Monster of Rock di Modena...1991....inarrivabili!
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 28/03/2018 ore 18:31:04
a Modena... giocavo in casa, me lo ricordo bene, perche purtroppo ero un pischello senza quattrini, e non sono potuto entrare all'evento.
2 anni dopo vennero pure i Guns allo stadio Braglia di Modena, per 2 serate consecutive, e anche li non potetti entrare per il tutto esaurito.. mannaggia
Rispondi
di Gasto [user #47138] - commento del 29/03/2018 ore 13:00:44
Ahhh I guns a Modena. Io c'ero! Che emozioni....
Rispondi
di chikensteven [user #45729] - commento del 29/03/2018 ore 20:58:22
a in quei anni, sono passati prima i Metallica+ AC DC nel 91, i Guns nel 93, i Pink floyd nel 94, tutti a Modena, e nel 92 a Reggio Emilia, un altro grande Monsters of Rock, con Megadeth, Panthera, Testament, Black Sabbath e Iron Maiden. peccato che negli ultimi anni dalle mie parti queste grandi band non sono + passate, sigh!
Rispondi
di betelobo [user #25981] - commento del 29/03/2018 ore 21:49:21
Ri-sottoscrivo!
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 27/03/2018 ore 23:47:55
Beh sono andato a rivedermi un paio di video su YouTube, For those about to rock e Shoot to thrill...beh non mi sembra niente male, anzi.
Sicuramente, dal mio punto di vista, un cambio più “morbido” rispetto a quello tra Bon e Brian.
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 28/03/2018 ore 09:37:5
prova ad ascoltare anche Thunderstruck ed Hell's Bells, è in queste che è a dir poco devastante!
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 28/03/2018 ore 18:53:42
Ascoltate ora!....grazie del suggerimento. Confermo la mia impressione iniziale, non e' per niente male, anzi direi che e' un degno sostituto di Brian.
Rispondi
di Lisboa [user #47337] - commento del 28/03/2018 ore 08:59:57
Tutto dipende dalle condizioni psico-vocali di Axl. Ai tempi aveva 3 ottave di estensione vocale, un caso piú unico che raro nel rock. Oggi non lo so come è messo, di voce e di testa...
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 28/03/2018 ore 09:36:32
in realtà aveva quasi 6 ottave, ti riporto la citazione di un articolo:
"The Guns N' Roses vocalist has sung notes that span nearly six octaves, from F1 (in There Was a Time), in the second-lowest octave in scientific pitch notation, to B flat 6 (Ain't it Fun), five octaves above it. Rose has a lower baritone than Barry White, and can reach higher notes than Tina Turner and Beyoncé."

preso da qui vai al link
Rispondi
di swing [user #1906] - commento del 28/03/2018 ore 09:53:08
Concordo che avesse ben più di tre ottave. Sentendo parlare Axl ci si accorge subito che è un baritono, quando canta invece va su di brutto, per cui almeno quattro le ha tutte. Per arrivare a 6 secondo me dovrebbe avere note anche nel registro di fischio, ma quelle non gliele ho mai sentite fare.
Rispondi
di pg667 [user #40129] - commento del 28/03/2018 ore 10:19:58
credo sia quel "B flat 6" di Ain't It Fun, non è un acuto ma uno di quei suoni alla Axl come fa anche nell'intro di Jungle.

a proposito del suo vocione ricordo ancora quando da piccolo vidi per la prima volta la Vhs di Don't Cry in cui dopo il video c'è tutto il macking of: la prima cosa che si sente dire è "November Rain..." da una voce bassissima, io vedevo Axl, sentivo questa voce e non capivo chi fosse a parlare perchè era completamente diversa dalla voce dei dischi. c'ho messo un po' per riuscire ad associarla ad Axl.
Rispondi
di pastrana [user #34418] - commento del 28/03/2018 ore 13:31:12
Ma chi se ne importa dell'estensione, o della 'prestazione' vocale.. è una questione di coerenza, sia intellettuale che storica. Axl non c'entra una mazza con gli Ac/Dc. Pure Scott, e pure Johnson, spesso non arrivavano a fine concerto con la voce, ma non era un problema. Il punto non è la voce. Il punto è che lo spirito degli Ac/Dc è morto, e da quando se n'è andato Malcolm è pure sepolto. Quanto ad Angus, credo gli sia andato in pappa completamente il cervello, se non riesce ad afferrare il concetto, che lo zoccolo duro dei fan degli Ac non gradisce per nulla. Non considerando che tra non molto per correre avanti e indietro sul palco gli servirà una carrozzella. Basta. Gli Ac non esistono più, ma continueranno ad esistere per sempre nei dischi e nella memoria di chi li ha amati. Ce ne siamo fatti una ragione noi, se la faccia pure lui.
Rispondi
di Guycho [user #2802] - commento del 02/04/2018 ore 16:30:
"è una questione di coerenza, sia intellettuale che storica"

Esatto, è lo spirito che manca.
Queste band storiche (AcDc, Queen, ma anche Genesis ed altre.... ) dimenticano di essere dei simboli, veri punti di riferimento nello stile di vita di tantissime persone. E' vero che è solo rock and roll, ma, loro malgrado, questi "eroi" sono sui poster e sulle spillette di intere generazioni che meriterebbero più rispetto. Si devono rendere conto di avere una responsabilità verso i numerosi fan e soprattutto, non dovrebbero ridicolizzare il mito. Ogni scelta è legittima, ma ha lo stesso valore artistico di una tribute band (cioè prossima allo zero).

In tal senso, ho sempre apprezzato la coerenza di Jimmy Page.

Rispondi
di umanile [user #42324] - commento del 28/03/2018 ore 10:11:58
ma chiamarsi "Angus Young Band" o una cosa simile?
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 28/03/2018 ore 11:49:5
Angus & Friends...ce n'è a bizzeffe di alternative ;D
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 28/03/2018 ore 13:01:01
Non ci trovo niente di strano nel fatto che Angus voglia continuare a suonare i pezzi degli AC/DC (in fondo anche McCartney fa lo stesso, e tanti altri). E non trovo niente di male nel fatto che si cerchi collaborazioni nuove, e certamente all'altezza. Magari, appunto, non è il caso di continuare a portare in giro il nome AC/DC, prendendo atto che, per vari motivi, quell'esperienza è finita. Suggerirei AY/AR.
Rispondi
di lolloguitar [user #48123] - commento del 28/03/2018 ore 18:20:11
ma smettiamola di criticare tutto!!! ma a voi chi vi viene a sentire??? mah che ipocriti!!
sono dei mostri sacri!! la voce di axl va benissimo per i pezzi degli acdc, é quanto di più vicino possibile a rivivere l’emozione di ascoltare le loro canzoni live! se non vi piacciono non ci andate, comunque tra 10/20 anni si che poi non ci andrete più di sicuro!!! andate pure a criticarli davanti ad una birretta al circolino del paese se vi fa sentire dei grandi musicisti!!... io se posso li vado a vedere e di corsa!!
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 28/03/2018 ore 18:42:48
Ecco mancava giusto la polemica qualunquista...se ti accontenti di "quanto di più vicino possibile a rivivere l’emozione di ascoltare le loro canzoni live!" buon per te, significa che forse non mai visto dal vivo gli AcDc. Dicci cosa cazzo c'entra l'essere ipocriti o le altre blaterate inutili del tuo post? Qui c'è gente che semplicemente esprime un disappunto per scelte artistiche molto discutibili...se poi per te va bene ascoltare qualunque cosa suonata da chiunque xche' si avvicina al gruppo xy allora capisco bene perché in Italia i Maneskin fanno sold out con 2 stracci di canzoni. Senza polemica eh...buona birretta, io me ne bevo tranquillo anche 2
Rispondi
di lolloguitar [user #48123] - commento del 28/03/2018 ore 20:02:4
Prima di tutto sai che vuol dire qualunquista? Secondo di live degli acdc in giro per l'europa ne ho visto qualcuno... tu parli perchè hai visto un paio di video su youtube. Di quali scelte artistiche parli poi?? Non potendo resuscitare i morti o riavere l'udito magicamente di cosa parli? Poi come ti viene in mente di nominare i maneskin quando parliamo di axl brian angus malcom e compagni? Pensa alla birra va che è meglio! Senza polemica eh!
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 29/03/2018 ore 09:18:4
Ciao, permettimi: sei entrato un po' a gamba tesa e mancando il bersaglio. Letti i post mi pare che la maggioranza concordi che la scelta di perpetuare un progetto (AC/DC) di cui ormai sopravvive 1/5 degli elementi è infelice, non leggo particolari critiche alla musica in se', a parte questioni di gusto. Leggo infatti che molti hanno scritto incoraggiamenti al buon Angus a continuare a suonare, ma scegliendo di chiamare la band in altro modo. Premesso che la cosa non mi tange: gli AC/DC non mi sono mai piaciuti, però concordo con questa visione perchè una band non è un uomo solo al comando (altrimenti sarebbero stati dall'inizio Angus & the...), ma il frutto di un'amalgama, tanto che a volte anche il cambio di un elemento solo può essere traumatico. Inoltre non mi pare giusto per le nuove generazioni che inizieranno ad ascoltare Angus da domani associando quell'esperienza musicale al brand AC/DC, in barba a 40 anni di carriera precedente.
Ciao
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 29/03/2018 ore 22:17:15
Di recente ho visto i Lynyrd Skynyrd, o meglio quello che rimane della formazione originale.Concerto straordinario e la gente non sembrava turbata del fatto che in realta' non sono piu' loro, anzi e' stato un vero e proprio tripudio. Circa quattro anni fa ho visto gli Allman Brother...anche questo un concerto bellissimo, con il quasi solo Greg a portare avanti il nome della band. Pero' in mancanza di Duanne, Derek Trucks e' stato un gran bel vedere. E son sicuro che chi ha visto gli Allman con Warren Haynes non si e' lamentato. Ho visto anche i Doobie Brothers, con due soli elementi originali...ma lo spirito della band c'era tutto, e anche qui la gente era davvero felice di poter vedere un pezzo di storia.
Insomma, non voglio dire che quello che hai scritto e' sbagliato, anzi lo trovo corretto. Ma la mia esperienza e' stata quella di vedere concerti straordinari dei quali non mi sono neanche mai posto il problema sul nome della band. Se avesse avuto un nome diverso non sarebbe cambiato nulla.
Rispondi
di lolloguitar [user #48123] - commento del 30/03/2018 ore 08:23:38
non hai tutti i torti, però bisogna anche considerare che il gruppo lo hanno formato angus e malcom.... e adesso con axl continuano a suonare i pezzi degli acdc, sarebbe assurdo cambiare nome al gruppo con il membro fondatore per un nuovo disco.... in tour farebbe un tributo a se stesso?? tutto sommato mi sembra la soluzione migliore per continuare a portare lo show degli acdc live...altrimenti avrebbe dovuto smettere o cambiare completamente progetto musicale con un nuovo gruppo però sarebbe un vero peccato per i fans!!! tra qualche anno quando a suonare pezzi del 70 ci saranno solo cover band li rimpiangeremo tutti credo! ovviamente sentire gli acdc di adesso non sarà come sentire la formazione originale magari con bon scott, sarebbe impossibile!
Rispondi
di betelobo [user #25981] - commento del 29/03/2018 ore 21:54:11
10' di applausi.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 29/03/2018 ore 22:01:0
Troppo buono ;D
Rispondi
di Lisboa [user #47337] - commento del 30/03/2018 ore 12:51:50
Io un'ora e mezza di Angus e Axl dal vivo me la vedo volentieri. Poco mi importa di che nome ci sia scritto sul biglietto di ingresso...
Rispondi
di francesco72 [user #31226] - commento del 30/03/2018 ore 13:58:33
Ciao, a mio parere, invece, è proprio quello il punto: va là che se sul biglietto c'è scritto "amici dei canguri" o "discendenti della corrente lettrica" cambia parecchio come richiamo sulle masse. Però è anche vero che se la questione è meramente artistica, i nostri hanno già guadagnato e potrebbero pure tentare la sorte. Chiaramente perpetuare il nome aiuta a massimizzare i profitti.
Ciao
Rispondi
di Lisboa [user #47337] - commento del 01/04/2018 ore 00:27:37
Anche se si dovessero chiamare ac/dc è evidente che non lo sono, su questo non ci piove. poi qui subentrano temi legati alla titolaritá legale del marchio di fabbrica, che francamente mi interessano anche poco.. Per me somo due mostri sacri, e se fanno un concerto insieme può essere un bel momento di rock: un grande cantante ed un grande chitarrista che fanno gran belle canzoni. Tutto lì..
Rispondi
di milianomassi [user #18789] - commento del 31/03/2018 ore 23:14:4
La cosa che mi mette tristezza è che molte presone se ne sbattono delle icone e della storia di un gruppo... ormai anche la musica è un fastfood, una sorta di baraccone dove basta leggere AC\DC sul biglietto o sul disco per farsi andare bene qualsiasi cosa...
Un gruppo musicale è un alchimia creata dai suoi componenti, e Angus dovrebbe capirlo... ormai gli AC|DC non esistono più, resteranno nella leggenda della musica rock, quindi che senso ha tutta questa pagliacciata?
il capitolo Axl Rose è ancora piu patetico... Axl a suo modo rappresenta un altra icona del rock, non centra niente con gli AC\DC nonostante la sua voce si adatti molto bene ai pezzi e lui li abbia interpretati con grande professionalità (bisogna ammetterlo). Ma è come se Rivera fosse andato a giocare nell'Inter o Totti nella Lazio... probabilmente avrebbero giocato anche molto bene, ma certe cose non si fanno e basta. Ci sono valori più profondi che per qualcuno (me compreso) hanno ancora importanza...
Sarebbe molto interessante al contrario, vedere interpretati i pezzi degli AC\DC da musicisti vari (tra cui anche Axl sicuramente), in una sorta di tributo al gruppo con Angus in prima fila...
Tutto il resto a mio modo di vedere è di una tristezza infinita e infanga uno dei gruppi che hanno fatto la storia del rock.
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 01/04/2018 ore 22:36:15
Concordo su tutto, è il declino della cultura musicale di oggi, l'astenia dell'ascoltatore davanti a qualunque cosa venga propinata, purché ben confezionata, ma consumata voracemente (o superficialmente mi viene da dire) così come il download di un file mp3, troppo facile, molto facile...ma qualitativamente una schifezza. Quando ero ragazzino, il 33 di Highway to hell lo facevo girare e rigirare più volte sul piatto del hi-fi di mio fratello..e in religioso silenzio assorbivo ogni nota dei fratelli Young nel vano tentativo di carpirne i segreti riff...oggi, chi vuoi che si dedichi ad un ascolto attento di un intero CD? se va bene si scaricano 3-4 hit da spotify e tanto basta per dire di aver ascoltato l'artista di turno, quindi non mi stupisco di alcuni commenti...ma come dici tu, rimante tanta tristezza. Ci sono nel rock alcune icone che sono tali solo se prese nella loro interezza, no way...non ci sono surrogati o sostituti che reggano, la forza degli Ac/Dc è sempre stato il loro essere un team coeso, ognuno con un ruolo definito nell'economia del tutto. Poi ad ognuno il suo, per carità chi si accontenta gode....;D
Rispondi
di Mariano C [user #45976] - commento del 02/04/2018 ore 22:19:37
A leggere molti commenti, è evidente che certa musica venga “ascoltata” molto più con gli occhi che con le orecchie, e che abbia molto più peso il “chi” piuttosto che le note emesse.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





Hot topics
Quanto pagheresti per una chitarra distrutta?
Hiwatt annuncia la rinascita
Il video di Despacito (e non solo) cancellato dagli hacker
I Dire Straits premiati alla HOF ma Knopfler non si presenta
Due date estive per Satch
Dischi e recensioni
Angolo DIY
ProCo Multi Rat fatto in casa
Come riavvolgere un pickup
Scegliere la chitarra da modificare
Cabinet 2x12 autocostruito
di Mikk
Una valvola ECC82 per potenziare il Tube Screamer
Interviste
Eros Pistoia: questione di Tonalità
Tono e Fender messicane con Michael Lee Firkins
Fare la cosa giusta
Daniele Gottardo suona le chitarre nel prossimo disco di Jason Becker
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964