HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Sons Of Apollo: ”Psychotic Symphony”
Sons Of Apollo: ”Psychotic Symphony”
di [user #48413] - pubblicato il

Abbiamo ascoltato”Psychotic Symphony”, primo album dei Sons Of Apollo. La presenza di Mike Portnoy dietro alle pelli ci ha spronato a recensire questo album, concentrandoci sull’aspetto batteristico. Un disco, potente e moderno, senz’altro di riferimento per trovare ottimi spunti ed idee batteristiche di stampo Prog Metal.
 La band è un vero e proprio supergruppo composto da Billy Sheehan (Mr.Big - Steve Vai) al basso, Derek Sherinian (Dream Theater – Planet X) alle tastiere, Ron “Bumblefoot” Thal (Guns N’ Roses – Art of Anarchy) alla chitarra, Jeff Scott Soto (Yngwie Malmsteen’s Rising Force) alla voce e, appunto,  il buon vecchio Mike Portnoy alla batteria. Come già dimostrato con i precedenti lavori assieme ai “Winnery Dogs”, Portnoy dà l’impressione di starsi davvero divertendo in queste nuove avventure musicali e che il capitolo Dream Theater non gli manchi per niente; lo si avverte da tutte le sue idee, tante e frizzanti, presenti in ogni singola canzone di questo album. E lo si vede, ancora più chiaramente,  osservandolo suonare  live, situazione in cui pare spassarsela sul serio! In questo disco Portnoy è protagonista:  è il produttore del lavoro assieme a Sherinian ed il principale compositore delle canzoni assieme a Sheenan. La sua libertà creativa impazza e canzoni come “God of The Sun” ne sono un’ottima testimonianza. Questo pezzo è esattamente quanto di meglio ci si può aspettare dal binomio Mike Portnoy + Progressive Metal. Infatti, proprio la varietà e creatività del playing di Portnoy fanno sì che anche in una canzone da 12 minuti, il batterista riesca sempre a tenere alta l’attenzione dell’ascoltatore: groove terzinati di doppia cassa, momenti di calma piatta, potenti groove dispari si alternato in un canovaccio sonoro e di arrangiamento stupefacente, che non può annoiare.



Sign of The Time” e “Lost in Oblivion” sono veri classici da Progressive Metal, caratterizzati da riff potenti di chitarra, supportati da ottime dosi di groove con doppia cassa, tempi dispari e feel sestinati in pieno stile Portnoy. In entrambe le canzoni ci si gusta un magnifico assolo della tastiera di Sherinian. In  “Alive” colpisce l’assolo finale di Bumblefoot suonato alla chitarra fretless. 
La band ha dichiarato che in questo disco ci sono molto delle loro influenze: in “Figaro’s Whore” e “Divine Addiction” le intro di tastiera di pura ispirazione a Jon Lord, evocano chiaramente i Deep Purple. Su “Coming Home” le costruzioni vocali e, in particolare, l’assolo e la parte finale di chitarra paiono un tributo ai Van Halen dell’era Sammy Hagar.
Ovviamente, tra queste influenze,  non poteva mancare un tributo al Progressive Rock classico: la canzone conclusiva dell’album “Opus Maximus” ricorda nell’impianto Geddy Lee e i suoi Rush, ma c’è molta  più cattiveria strumentale, grazie ai virtuosisimi shred di chitarra e basso.
Una menzione a parte le merita, infine,  “Labirinth”; il pezzo parte con un deciso riffing carico di sedicesimi per poi passare ad una seconda parte dal ritmo terzinato, altro trademark di Portnoy. Ci si ubriaca con le acrobazie negli assolo in tapping di Bumblefoot, eseguiti all’unisono con Sherinian.



La scelta dei suoni della batteria è azzeccata e riporta alla mente quelli presenti in “Six Degrees of Inner Turbulance” con i Dream Theater e di “Suspended Animation” con John Petrucci.
Portnoy torna quindi al suono del suo TAMA Melody Master Signature Snare molto accentuato grazie ad un’accordatura high della pelle. (Ascoltare “Lost in Oblivion” per credere)
Un buon disco, potente e moderno, senz’altro di riferimento per gli ottimi spunti e le idee batteristiche di stampo Prog Metal. 
Del resto, ormai da più di 25 anni il buon Mike Portnoy è maestro indiscusso del genere.
Psychotic Symphony” è uscito per InsideOut Music / Sony Music – 2017

Sons Of Apollo: ”Psychotic Symphony”
dischi mike portnoy recensioni sons of apollo
Link utili
Il sito dei Sons Of Apollo
Acquista "Psychotic Symphony" sul sito della band
Il sito di Mike Portnoy
Il rullante signature di Portnoy sul sito Tama
Altro da leggere
Pubblicità
Le origini di Marco Minnemann...
Fare i dischi. E poi studiare....
Agostino Marangolo: musiche da horror...
Quel batterista metal che ha studiato jazz e ascolta Sting...
Pubblicità
Linear Fill: il metodo di batteria ...
Adam Deitch: batterista e produttore...
Batteria: 50 dischi fondamentali...
Come le batterie dei dischi...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles...
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line...
Roberto Gualdi: istinto, personalità & felicità...
Adam Deitch: Reggae & Dancehall...
Batteria: 50 dischi fondamentali. Nevermind dei Nirvana...
Commenti
di roccog [user #30468] - commento del 17/04/2018 ore 13:23:54
Potente di sicuro! Alla fine è sempre esaltante ascoltare musicisti di questo spessore. Il genere non è esattamente il mio ma c'è un songwriting non male. Forse il basso di Billy è eccessivo: ha un suono enorme, troppo. Finché nei MrBig aveva tutto lo spazio che voleva ci stava. Qua si impasta un po' con il tutto...mia impressione
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





A lezione con Ellade Bandini
Cinque groove una storia
Ellade Bandini: Un batterista lento, pigro e da turismo
Ellade Bandini: Suoni & Sensazioni
Ellade Bandini: Il ballabile più mosso
Ellade Bandini: lo swing di Euro
Ellade Bandini: i The Champs & la Rumba Rock
Ellade Bandini: il Twist & la batteria sulle sedie
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Top Set
Il setup di Damien Schmitt
Thomas Lang ci racconta il suo setup nel tour con Paul Gilbert
9 giorni a Natale: il drumkit mostruoso che vorrei
L'epidemia dei setup clone
Il Setup di Aaron Spears
Il setup di Tony Royster Jr.
Il Setup di Charlie Benante
Interviste
Fare la cosa giusta
Federico Paulovich: tra clinic, tour e lezioni on line
Lezioni di Ableton
Paolo Caridi: nuovi progetti e nuovi endorsment
Quale legno scegliere per i fusti della batteria?
Intervista a Damien Schmitt
Tieni il tempo
Dixon Revolution Cajón Rack: intervista a Claudio Canzano
Racer Café: Intervista a Erik Tulissio
Intervista a Dave Lombardo
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964