CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Tokai, cloni di qualità
di [user #393] - pubblicato il

"Lawsuit", ovvero "causa legale". In questo caso di legittimità. Questo è il nick con il quale vengono identificate, sul mercato dell'usato (o del vintage "povero", se si preferisce) nordamericano le chitarre e i bassi Fender Style prodotti dalla giapponese Tokai tra il '79 e l'84. Per dire il vero, non solo la Tokai si prodigò nel riprodurre esattamente i dettagli e le caratteristiche della produzione Fender, e il termine "lawsuit" si accomuna anche a Fernandez e Ibanez. Tuttavia Tokai rappresentò il picco massimo di clonazione dei prodotti Fender (addirittura tweed case e piccoli ampli in tweed, parecchio prima ke la Fender decidesse di replicare questi oggetti) sia per livello di qualità che per scala di produzione e distribuzione.

E così il vaso si colmò; la CBS, che già aveva provveduto a porre sotto tutela di marchio registrato il profilo delle palette di Strato, Tele e bassi, si convinse che uno dei modi di combattere la concorrenza era quella di allercisi, e fondò la Fender Japan. E l'acquisizione delle "facilities" della Jenkji Gakki industries, nell'ambito del più ampio accordo di patnership con i giapponesi, permise alla Fender di testare in prima persona la qualità degli standard (ri)produttivi della Tokai, che utilizzava le strutture Jenkji. Con la nascita della Fender Japan, la CBS mobilitò i propri avvocati ed iniziò una colossale crociata a tutela del proprio marchio e del simboli ad esso correlati. E la battaglia più dura la dovette appunto combattere con la Tokai. La leggenda narra di migliaia di chitarre richiamate da tutto il modo alla casa madre per subire il taglio della paletta, allo scopo di essere immediamente distinguibili dalle chitarre Fender. E' una leggenda': tuttavia a partire dal 1985 chitarre e bassi Tokai non presentarono più la paletta Fender Shape, mantenendo tuttavia inalterate altre caratteristiche che rendono questi strumenti speculari rispetto alla produzione generale del periodo. Il termine "lawsuit" indica tutti gli strumenti che presentavano caratteristiche di sofisticazione del marchio Fender, particolarmente in relazione alla forma della paletta; nel caso della Tokai, indica le chitarre prodotte prima del forzoso intervento di mutamento della forma della stessa. Ma non solo.

Chiunque può produrre e commercializzare manici e chitarre con la paletta Fender Style: il mercato USA dei ricambi pullula di manici con questa caratteristica. E' semplice: basta pagare alla Fender i diritti di sfruttamento della licenza. Ma allora perchè le Tokai Lawsuit sono così "mitizzate"? Al di là di qualche leggenda, tipo che lo stesso SRV fosse un endorser Tokai (se qualcuno ha delle prove in questo senso, si faccia avanti; sicuramente Bill Shannon ha suonato in diverse occasioni con bassi Tokai, ma questo è tutto quello che tangibilmente si può riscontrare riguardo alla cosa), si può dire che con gli strumenti Lawsuit, e in particolare la Stratocaster (ovvero Gold Star Sound, questo era il nome della Tokai "Stratocaster") fossero dei veri precursori delle attuali Vintage Reissue. I giapponesi ancora una volta ci avevano visto giusto, e annusando il fatto che la produzione Fender del periodo veniva progressivamente snobbata, con la contestuale nascita e sviluppo del mercato dell'usato (già, avete letto bene, 20 anni fa le Strato pre CBS erano chitarre vecchie, solo chitarre vecchie), si indirizzarono per primi verso le repliche. E che repliche.

I dettagli sono curatissimi: neckplates marchiati, meccaniche con scritta deluxe, ponti con blocco d'inerzia in ferro laccato, pickups con base della bobina grigia, corpi verniciati alla nitro, legni di ottima qualità, logo e scritte perlomeno "imbarazzanti" nel look... da un punto di vista della riproduzione rispetto agli originali, le Tokai Lawsuit sono le migliori repliche mai prodotte; seconde solo alle recenti Reissue USA (badate bene: le RECENTI. quelle upgrade prodotte dalla fine del '98...) e, guarda caso, a pari merito con le reissue Japan.

E poi suonano anche bene. Nulla di eccezionale, ma sicuramente in grado di competere con la produzione Fender dello stesso periodo (fine'70-primi '80) e in grado di fare la posta anche a qualche reissue USA. Vabbè. Ma ancora non si spiega il mito. La Fender ha poi cominciato a replicare la vecchia produzione dell'era "Santa Ana", lo ha fatto in casa, poi in Giappone e in Messico. Oltre ai dettagli sopra elencati, le chitarre con manico fornito di tastiera in palissandro presentano la stessa con la caratteristica "curved board". Ovverosia esattamente come si presentò la produzione di solid body Fender dalla fine del 1962 in poi. Guardatevi in giro: non troverete nessuna chitarra modello Stratocaster, Tele, P-bass o J-bass (Fender o no) con tastiera in palissandro che non sia "slab board", quindi con caratteristiche pre-62.

In effetti, proprio per questa ragione esiste un sostanziale divario sul mercato dell'usato tra le "Lawsuit" con il manico in acero solido e quelle con la tastiera in palissandro. E la ragione è proprio questa. Se si toglie il logo Tokai e lo si sostituisce con uno Spaghetti 4 Pat. o un Transition Gold Fender, agli occhi di un appassionato non esperto la chitarra può tranquillamente passare per una 64/65! Se poi si tolgono i pearloid dots e si sostituiscono con dei simil-madreperla, allora la faccenda si complica anche per qualche esperto. Sostituendoli con i Clay dots, si scende ancora: fine'63- '64. Capito allora? I manici con tastiera in palissandro delle chitarre Tokai del periodo detto "Lawsuit" sono gli unici in circolazione in grado di sostituire esteticamente i manici Fender del periodo 1963-65 (per le Strato) e fino agli anni '70 per gli altri modelli. E in quanto tali, possono essere utilizzati per scopi... subdoli.

Sul mercato USA queste chitarre oscillano dai 400 ai 600 dollari. Un giorno però un manico (SOLO il manico) tipo Strato "Lawsuit" palissandro venne aggiudicato su Ebay per più di 350 dollari. Difficile dire perché è stato pagato così tanto, se si escludono due ipotesi: che servisse per implementare una vera Fender anni'60 priva di manico o con il manico inservibile, oppure per "costruire" una Strato anni '60, a scopo ignoto. Immagino adesso che i possessori di Fender di quegli anni comincino a covare qualche patema, soprattutto se le chitarre le hanno acquistate di recente. In effetti il rischio c'è. Posseggo ben tre Tokai "Stratocaster" Lawsuit. E con una mi ci sono fatto una '65 Sonic Blue. L'hanno vista in tanti, e, senza smontarla, nessuno ci ha capito nulla. Tuttavia questi manici, pur essendo veramente molto simili agli originali Fender, hanno comunque delle peculiarità che non sfuggono all'occhio dell'esperto attento: in effetti, per poter trasformare un manico Tokai in un Fender anni'60 non basta riverniciare, mettere su il logo e cambiare i dots. E' necessario effettuare altri interventi ben più radicali sul profilo dei vari perimetri. Ed in ogni caso ci sono dei dettagli sui quali non è possibile effettuare interventi di camuffamento: ad esempio, questi manici hanno il foro della vite del truss rod in posizione leggermente più bassa rispetto agli originali Fender, ed in più (almeno per le Strato), sotto il corpo delle meccaniche è presente accanto al foro del pernio, oltre ai regolari fori di ancoraggio delle meccaniche stesse, un ulteriore foro. Probabilmente perché questi manici venivano predisposti anche per altre versioni della stessa chitarra equipaggiate con meccaniche diverse dalle Kluson Style.

Al di là di queste considerazioni tecniche, le chitarre Tokai del periodo inizi'80 meritano veramente attenzione: sono fatte bene, benissimo, e suonano ragguardevolmente bene, in relazione a quello che era la loro collocazione nel mercato. E non dimentichiamoci che le replicanti non furono solo ispirate ai modelli Fender, ma anche a buona parte della produzione Gibson: oggi negli USA alcune Tokai "Les Paul", che sono veramente dei capolavori, viaggiano su quotazioni intorno ai 1000 $. Oggi il marchio Tokai esiste ancora, ma la produzione non è più in giappone. E la qualità e l'accuratezza dei dettagli è lontana dagli standard degli strumenti dell'era "Lawsuit".

chitarre elettriche tokai
Mostra commenti     15
Altro da leggere
Corvi e frassino per la McCarty fatta con l’acero del cimitero
Ritrovata la Strat firmata dai big e scomparsa alle poste
Ascolta la neonata serie Fender American Performer
Paul's Guitar: la PRS di PRS
Le chitarre di Phil Collen in tour
Billy Corgan: il colore cambia il suono di una chitarra
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964