CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS BIBLIOTECA
Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta
Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta
di [user #13803] - pubblicato il

Un piccolo congegno di solo legno amplifica in maniera passiva una fonte sonora con stile e qualità, e per una giusta causa.
“Un anno fa la tempesta Vaia ha messo in ginocchio le Dolomiti: più di 42 milioni di alberi sono stati abbattuti nella notte tra il 28 e il 29 ottobre 2018”. Questo è quanto leggo sulla brochure della Start-up Vaia Wood.

Naturalmente l'ho acquistato. Ero molto interessato all'idea di poter dare un contributo concreto alla rinascita delle foreste abbattute dalla tempesta dell'ottobre 2018 senza necessariamente andare a imboscarmi in qualche malga munito di sega per i sentieri alpini. Non che ci sia nulla di male, ben inteso, ma quello che mi ha attratto mggiormente è stata la possibilità di accaparrarmi un oggetto che, oltre a essere molto bello e ricercato, funziona. E funziona alla grande. Il concetto è quello di usare il legno per amplificare un suono che altrimenti se ne resterebbe inascoltato.
Suppongo sia stato oggetto di studi di acustica almeno quanto lo è stato di design. Cosa infatti potrebbe far risuonare meglio una vibrazione come il legno di un abete del Trentino? Un pensiero ricco di suggestione per qualunque musicista.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Avremmo preferito tutti, credo, non aver conosciuto questa creazione a causa di una catastrofe di tale portata, ma una delle cose belle di quest'oggetto è proprio quella di poter dare un contributo fattivo, toccabile, con un oggetto molto particolare. Infatti, per ogni cubo acquistato, la Start-up trentina si impegna a piantare un albero per mettere in sicurezza le zone colpite dalla tempesta. Intorno a questo progetto si sono raccolte tutta una serie di realtà che vanno dall'artigianato, al design fino allo sviluppo sostenibile.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Veniamo a noi, esploratori di suono. Il nostro amplificatore passivo si presenta come un piccolo cubo di legno, grande il giusto. La casa dichiara di aver realizzato il Vaia Cube con due essenze: larice e abete. Nella faccia superiore il Vaia Cube mostra una fessura, perfetta per inserirci il telefonino. Ora, la base del telefonino, da dove si presume esca il suono della musica del telefonino, va a far vibrare una sorta di cono in legno più scuro da quella che costituisce il resto del cubo. Questa è l'anima del meccanismo. Il resto è fatto dal legno più chiaro con alcuni simpatici accorgimenti estetici che lo rendono, se non altro, un oggetto davvero elegante nella sua impressione di naturalità. Lascio a chi se ne intende di più dirci quale sia l'abete e quale il larice.

Il suono che ne esce è già ampiamente definibile come "musica" e non ha nulla a che vedere con quel buffo ronzio che emettono i telefonini. Non aspettiamoci i bassi di un sound-system londinese durante un rave party, ma si riescono a sentire distintamente anche certe medio-basse altrimenti impossibili da percepire da un telefonino senza accorgimenti elettronici. Perché sì, Vaia Cube non ha elettronica, è passivo nel più autentico senso del termine. È un pezzo di legno nel quale si infila un telefono e ne esce musica. È assolutamente fattibile predisporre l'apparecchio e starsene lì ad ascoltare o fare altro. Non solo si sente, ma si sente bene e con un'ottima definizione.

Vaia Cube: l'amplificatore passivo dal legno della tempesta

Una cosa che mi ha particolarmente suggestionato di quest'iniziativa è stata la filosofia di fondo. Il progetto si prefigge di andare a riciclare materiali risultanti da questo tipo di disastri. Quindi, oltre a produrre con della materia che altrimenti andrebbe sprecata, si impegna a dare un contributo concreto alle comunità vittime di questo tipo di situazioni in giro per il mondo, in questo caso reimpiantando degli alberi nel luogo dove sono venuti meno. Il progetto quindi non è limitato al “cubo di legno che fa suonare il telefonino”, è un modo di pensare a mio avviso molto valido in qualunque settore.
accessori amplificatori curiosità gli articoli dei lettori vaia
ABBIAMO BISOGNO DI TE!
Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Per produrli occorrono competenze e lavoro, con costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo di difficoltà per l'economia.
Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere gli standard di qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
Link utili
Sito Vaia Wood
Mostra commenti     18
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Visualizza l'annuncio
Zoom Q3 HD
Visualizza l'annuncio
Marshall JVM 215C Tabacco mod.
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
Da chitarra standard a baritona
10 frasi da non dire al fonico
Gibson ES-335 1958-1962: evoluzione, caratteristiche e suono
Tweed e Plex 55: ampli in miniatura da Foxgear
Combo per chitarra: caratteristiche, dotazioni e differenze
Seguici anche su:
Altro da leggere
La musica ha bisogno di te
10 frasi da non dire al fonico
Perché la buca a effe ha questa forma?
Il toro, l'orso e la chitarra in tempi di pandemia
Trovate chitarre rubate per 150mila euro (tra cui la Gibson di Elvis):...
Vendita record per la giapponese senza nome di Jimi Hendrix
Slingerland Songster 401 e Audiovox by Tutmarc: le prime chitarre elet...
The Ranch: pedale eco-friendly da Collision Devices
Musica live e distanziamento in epoca Covid-19
La Gold-Leaf Strat di Prince all’asta
Il Boss DS1 di Kurt Cobain venduto all'asta
Venduta la Martin di Kurt Cobain: è la chitarra più costosa al mondo...
Il mercato boicotta Fulltone
Accordo Box in partenza!
Fender licenzia John Cruz per un post violento [aggiornato]




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964