CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di quanto sembri
I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di quanto sembri
di [user #17844] - pubblicato il

Quattro sosia dei Måneskin compaiono sulla pubblicità di una mozzarella in Lettonia. Fa ridere già così, ma nasconde un messaggio forte, da non sottovalutare.
Ancora Måneskin? Sì, ancora Måneskin, perché quella che molti hanno giudicato superficialmente come una meteora di passaggio sembra fare ogni giorno più luce.

L’ultima notizia è di quelle che strappano anche un sorriso: in Lettonia, sui manifesti pubblicitari di un prodotto caseario d’ispirazione italiana, compare un quartetto di giovanotti che ricordano molto da vicino la band romana.

I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di quanto sembri

Tre ragazzi e una ragazza, proprio come i nostrani Måneskin, vestiti di tutto punto con giacche a frange su un torso nudo, sottili sciarpe e occhi dipinti.
Il brand è “Formagia”, che ingaggia dei sosia di Ethan Torchio, Victoria De Angelis, Damiano David e Thomas Raggi per accostare la propria eccellenza alimentare all’Italia. Per la precisione all’elemento che, più di ogni altro in questo momento, secondo il pubblicitario può identificare l’Italia agli occhi del pubblico straniero.

Sotto il marchio compare la scritta “Tik labi kā Itālijā”, che si può tradurre: “Buono come in Italia”.

Da Napoletano, chi scrive questo articolo si permette di dubitare della veridicità di questo slogan e, se devo dirla tutta, trovo alquanto comico l’accostamento di un’imitazione di mozzarella italiana all’imitazione di una band italiana. Ironico.

Tuttavia, accadimenti simili rendono chiaro quanto i Måneskin siano diventati un vero fenomeno di costume.

Non compare Pulcinella, niente Vesuvio né mandolini: l’immagine dell’Italia ora è quella di un quartetto di giovani rockettari con tendenze glam.



Non è una novità che l’Italia sia tornata un po’ sulla bocca di tutti, finalmente sotto una nuova luce.
Il brano “I Wanna Be Your Slave” del quartetto romano ha conquistato il primo posto in USA, è entrato nella Top Ten UK e continua a catturare l’interesse del pubblico internazionale.
Si potrà anche contestare che il loro non sia "vero rock", ma con la loro partecipazione all'Eurovision hanno fatto parecchio incazzare la frangia più conservatrice in Bielorussia, che li ha giudicati "Pervertiti, spazzatura che sa di AIDS". E, piaccia o meno, fare incazzare i conservatori è da sempre una priorità del rock.

Si condividano o meno le scelte artistiche del gruppo e il business che vi gravita intorno, quanto detto è senza dubbio un bel salto di qualità rispetto all’immagine di “Pizza-Mafia-Bungabunga” che il nostro Paese si è trascinato dietro per decenni.

I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di quanto sembri

Il fenomeno Måneskin sortisce quindi i primi effetti. Gli Italiani vengono guardati da un nuovo punto di vista, finalmente dei ragazzi e i loro strumenti tornano a essere degli esempi, dei riferimenti, e prende il via il desiderio di emularli.

Gli stessi negozianti di strumenti musicali raccontano come i più giovani tornino ad affollare le loro sale con richieste esplicite di un basso Danelectro “come quello di Victoria” o di una Stratocaster rossa con cui provare a strimpellare alla meno peggio il riff di “Zitti e Buoni”.
Certo, illudersi che ognuno di quei ragazzi diventerà un professionista è follia e il rischio che molti abbandonino in un batter d’occhio è concreto. Come recita un vecchio adagio “Uno su mille ce la fa”, ma anche quell’uno su mille rappresenterà una vittoria per l’intera categoria.

I sosia dei Måneskin su un cartellone in Lettonia? Significa più di quanto sembri

Nel 2021 non c’è spazio per l’esclusività e per l’elitarismo. La musica deve unire e accogliere. È il momento giusto per contribuire a creare l’onda, alimentare la passione, incitare e coinvolgere chi - forse per caso, forse per noia - ha rivolto lo sguardo a una chitarra anche solo per un momento.
Chissà, forse se ne innamorerà, forse no, non sta a noi giudicare.

I più cresciutelli ricorderanno un altro momento storico in cui una “moda” ha invaso l’Italia di strumenti musicali. Certo, i Måneskin NON SONO i Beatles e il loro rock che i più informati considerano “banalotto” forse non avrà le carte in regola per accendere una nuova epoca beat, ma sfido chiunque a trovare una sola buona ragione per cui non bisognerebbe tifare per i quattro romanacci.

Là fuori è un mondo duro, lo showbiz non ha pietà e i Måneskin potrebbero davvero diventare presto una meteora. Se sulla loro scia dovessero nascere nuove stelle made in Italy, future promesse o anche solo una nuova ondata di musica suonata nei club e in sala prove, non potremo che essere grati a “quei quattro capelloni troppo truccati”.
curiosità maneskin
Mostra commenti     51
Altro da leggere
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Un chitarrista, cinque contraddizioni
Di chitarre buone, pedaliere e dello stare bene
Il nemico in pedaliera
Stratoverse: Fender è nel metaverso
Ecco… Il Guanto: il synth futuristico di Matt Bellamy
Su Radiofreccia uno speciale sui Rolling Stones
Ikea pensa ai musicisti: arriva Obegränsad
Usato: abbiamo perso la ragione?
PRS è al lavoro su una Tele-style con Myles Kennedy?
Bob Taylor si ritira: annunciato il nuovo CEO e Presidente
Nick Drake e gli altri: Guild, icona al collo dei giganti
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964