VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab
Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab
di [user #116] - pubblicato il

Gibson chiama Joe Bonamassa a giudicare da vicino le creazioni di Tom Murphy: repliche fedeli dei migliori strumenti d’epoca con un trattamento d’invecchiamento più accurato che mai.
Vedere un chitarrista del calibro di Joe Bonamassa alle prese con i migliori esemplari del Murphy Lab è un’esperienza interessante, non solo per la bellezza delle chitarre in mostra e per il suono che l’artista riesce a tirarci fuori, ma soprattutto perché Bonamassa affianca da sempre all’amore per la chitarra una smodata passione per il collezionismo e gli strumenti d’epoca.
Di sicuro vicino al mondo Gibson ma mai davvero vincolato a questo, Joe Bonamassa ha dimostrato di essere un vero “guitar enthusiast” a tutto tondo. È facile vederlo sul palco o nel suo studio con chitarre di ogni brand, purché siano belle, preziose, uniche.
Joe è proprietario di due case/museo dedicate alla chitarra, le celeberrime Nerdville, ed è forse la persona più indicata per giudicare gli strumenti di Tom Murphy, chitarre elettriche e archtop che intendono rappresentare l’espressione massima della qualità Gibson con il valore aggiunto di un raffinato trattamento di ageing mirato a ricostruire fedelmente il passare del tempo in una chitarra tratta con cura, ma sfruttata con regolarità per decenni.

Joe Bonamassa a tu per tu con le Gibson Murphy Lab

Di Bonamassa, qualcuno aveva persino ipotizzato che potesse rilevare il marchio quando è stato annunciato il temibile Chapter 11, l’ultimo step prima dell’inevitabile bancarotta del 2018.
Interrogato a riguardo, Joe ha smentito quelle voci, ma si è detto fin da subito un simpatizzante della nuova gestione che si prospettava all’orizzonte. “Sono brave persone, sono chitarristi” spiegava in un’intervista.
Tre anni più tardi, il processo di valorizzazione del marchio Gibson è in pieno svolgimento, un catalogo semplificato e più fedele alla tradizione ha riavvicinato i fan storici, l’acquisizione di Mesa Boogie svela l’interesse nel creare un preciso focus intorno all’universo della chitarra elettrica e l’istituzione di un nuovo Custom Shop con la divisione Murphy Lab gestita da Tom Murphy evidenzia la volontà di imporsi sulle fasce di mercato più esclusive.

Joe Bonamassa è ancora lì, in prima linea, e torna in un nuovo video ufficiale tra racconti di chitarre d’epoca, considerazioni sull’operato del Custom Shop e tanto blues.

chitarre elettriche gibson interviste joe bonamassa murphy lab
Link utili
Visita a Nerdville
Joe Bonamassa sulla nuova gestione di Gibson
Le rinnovate Gibson del 2019
Gibson rileva Mesa Boogie
Nasce il Murphy Lab
Mostra commenti     17
Altro da leggere
SE CE 24 Standard Satin: la PRS più accessibile
Brian May per Gibson: una Red Special senza precedenti è all’orizzonte?
The Vintage Gibson Summit: un giorno dedicato alla storia del marchio americano
Phil X e l’accordatura “Bouzouki” che stravolge il tuo sound
Sette corde, Evertune e venature nude per la Cort KX707
Cornerstone con Jack Griffiths: "Il boutique è carattere, non componenti NOS"
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?
Massa, sustain, tono e altri animali fantastici
Ho rifatto la Harley (Benton ST-57DG)
Il suono senza fama: per chi?
Rig senza ampli per gli amanti dell'analogico
Gibson, Fender e l'angolo della paletta "sbagliato"
Marshall VS-100: una (retro) recensione




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964