CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RITMI NEWS SHOP
"Jazz Drum Book" il primo libro di Roberto Gatto
di [user #116] - pubblicato il

Senz’altro la curiosità e rilevanza della pubblicazione del primo metodo di batteria di Roberto Gatto, "Jazz Drum Book" sono legittimate e proporzionali all’incidenza di questo musicista sulla scena jazz nazionale e internazionale.

La carriera di Roberto Gatto inizia a metà degli anni ’70 e lo porta, in quasi mezzo secolo di fittissima attività, ad essere considerato oggi uno dei batteristi italiani più apprezzati a livello internazionale. La lista delle collaborazioni è sconfinata e spazia da Chet Baker, Pat MethenyMike Moreno, Chris Potter fino al trombettista Freddy Hubbard, il sassofonista Gato Barbieri e, ancora, George Coleman, Steve Lacy, Enrico Rava...

"Jazz Drum Book" il primo libro di Roberto Gatto

Ma quello che eleva Gatto da semplice eminenza strumentale, virtuoso della batteria jazz e la sua vocazione da autore: Gatto ha inciso svariati dischi a suo nome (citiamo solamente A TRIBUTE TO MILES DAVIS QUINTET, OMAGGIO AL PROGRESSIVE, THE MUSIC NEXT DOOR, ROBERTO GATTO LYSERGIC BAND, REMEBERING SHELLY…) e, soprattutto, ha contribuito alle musiche delle colonne sonore di alcune perle del cinema d’autore italiano come “Mignon è partita” e “Il Grande Cocomero” diretti da Francesca Archibugi.

JAZZ DRUM BOOK è un debutto di Roberto Gatto come autore, anche se il batterista è, comunque, ben avvezzo al ruolo di Didatta insegnando da anni nei Conservatori, Batteria Jazz al Santa Cecilia di Roma prima e ora presso L’Aquila.
Il libro, come ben rimarcato dal titolo, è un testo con un chiaro indirizzo stilistico: è un metodo per chi vuole iniziare a studiare jazz dalle basi, consapevole che – come ogni genere – ci siano idiomi, strutture e formularità ben precise che richiedono una sensibilità dedicata.

"Jazz Drum Book" il primo libro di Roberto Gatto

Il Suono è tra gli argomenti principali del testo, fulcro del pensiero di Gatto che si preoccupa che l’esasperazione della ricerca ed efficienza tecnica delle nuove generazioni li allontani dalla cura di uno dei tratti più distintivi di un musicista: la sua voce, il suo tono, il suo suono. Gatto si prefigge di aiutare chi studia ad immedesimarsi nel suono dei grandi maestri che hanno fatto la storia.
Altri argomenti portanti del testo sono lo studio dei diversi tipi di Swing che delineano diverse pronunce jazzistiche e la tecnica del Comping, che rimarca la missione del batterista che porta, supporta e accompagna il tempo dell’esecuzione. Non mancano, ovviamente, comunque studi per sviluppare l’aspetto solistico, supportate dalle basi tecniche necessarie per l’improvvisazione. Fiore all’occhiello del testo è la presenza di una figura iconica del batterismo italiano: Alfredo Romeo (storico direttore della rivista cartacea Ritmi) mette la sua sconfinata esperienza al servizio del testo, curandone la produzione. Sono proprio le parole di Romeo ad offrire la migliore presentazione di questo libro: “Sono sicuro che la lettura di questo libro saprà fare anche di voi dei batteristi migliori e più autentici, in quanto maggiormente consapevoli e partecipi della grande tradizione jazz di cui Roberto Gatto è - a pieno titolo -  un esponente di punta”.
"Jazz Drum Book" è un testo edito da Volontè&Co.

"Jazz Drum Book" il primo libro di Roberto Gatto
Link utili
Jazz Drum Book sul sito di Volontè&Co
Mostra commenti     0
Altro da leggere
Ellade Bandini - Le origini e la formazione
Batteria: 50 dischi fondamentali. Miles Smiles di Miles Davis
Batteria: scegliere la bacchetta perfetta
Billy Sheehan: 30 anni di Attitude
Attilio Zanchi: Inside the Standards
Lorenzo Feliciati: il mio suono di basso
Thomas Lang: Traditional Grip Vs Match Grip
I grandi batteristi dell’epoca Grunge
CAPO: preamp per basso definitivo?
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Takamine G330 lawsuit
Visualizza l'annuncio
AKAY GXC 310 D
Visualizza l'annuncio
gibson les paul tribute
Seguici anche su:
Altro da leggere
Le chitarre Fender diventeranno NFT da collezione?
This Is Spinal Tap: confermato il sequel nel 2024
Marty Friedman: ecco perché la gente skippa gli assolo
Rara Les Paul burst del 1960 spunta da una soffitta: sì, può ancora ...
È morto Richard Benson: chi era il chitarrista, il personaggio, l’u...
Gear: la Flop Ten di una vita - Parte 1
Flea dei RHCP nell’universo di Star Wars
Guitars of my life: una top 10 romantica
Il paradosso di Enesidemo (ovvero, noi delle chitarre non sappiamo un ...
Crisi delle valvole: Western Electric le produrrà in USA
Dal metal alle big band: Mark Tremonti canta Sinatra per la Sindrome d...
Visita alla fabbrica Gibson nel 1967: guarda il video
Niente più valvole dalla Russia: cosa succede, cosa provocherà
Quel dubbio che ci frega. Sempre
La GAS come l’amore? Una storia semiseria




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964