VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Cielo stellato e tempeste di diamanti per la Martin #2.500.000
Cielo stellato e tempeste di diamanti per la Martin #2.500.000
di [user #116] - pubblicato il

Martin Guitar ricorda l’arrivo del fondatore in USA con un pezzo unico fatto di pietre preziose e ricchi intarsi ispirati alla New York del 1833.
Il contatto con la tradizione è importante per Martin Guitar. Il laboratorio che ha dato i natali al concetto di chitarra acustica moderna con la prima dreadnought della storia continua a ribadire il proprio retaggio svelando uno strumento unico, ricchissimo, con la bellezza di 436 diamanti a formare l’esatto cielo stellato che si poteva vedere nella notte del 6 novembre 1833 a New York, quando la famiglia Martin sbarcò in USA.
Sarà la chitarra numero 2,5 milioni per l’azienda, e non è la prima pietra miliare seminata negli anni.

Per la milionesima chitarra, Martin aveva costruito una dreadnought con legni altamente selezionati tra palissandro brasiliano, ebano africano, abete rosso Adirondack e mogano, confezionando il tutto con una rosetta estremamente complessa e degli intarsi particolarmente elaborati, i più ricchi realizzati fino a quel momento.

La Martin numero 1.500.000 celebrava il genio di Leonardo Da Vinci, con un Uomo Vitruviano sul retro, l’Ultima Cena sul battipenna e intarsi in fossile di mammut.

Per la 2 milioni, un tripudio di ruote dentate e pietre preziose dava vita a una D45 ispirata al mondo degli orologi di precisione, passione di CF Martin, con tutto il lusso che vi gravita intorno.

Con il 2022, Martin giunge alla sua chitarra numero 2,5 milioni. Ci sono voluti quasi due secoli, tutti sempre ai vertici della liuteria a livello mondiale, e per l’occasione il laboratorio di Nazareth guarda indietro alle proprie origini, ricordando l’arrivo della famiglia Martin a New York, nel 1833

Cielo stellato e tempeste di diamanti per la Martin #2.500.000

Sul top della dreadnought , 436 diamanti incastonati ricreano il cielo stellato così come si presentava il 6 novembre 1833, quando la famiglia di Christian Frederick Martin Sr. arrivò in America dalla Germania.

Sul battipenna in prezioso palladio, una mappa della New York degli anni ’30 dell’800 vede un rubino a segnare la posizione della prima sede Martin, al 196 di Hudson Street. Sei zaffiri adornano il tutto per un totale di 21 carati.

In memoria del lungo viaggio in mare compiuto dalla famiglia, la rosa dei venti diventa un elemento ricorrente. È intarsiata lungo la tastiera, al centro della paletta a ridosso di un grosso spicchio di luna e incisa sulle sei meccaniche.

Cielo stellato e tempeste di diamanti per la Martin #2.500.000

All’interno della chitarra compaiono lo stemma di Markneukirchen - città natale di Christian Frederick Martin - , una ricreazione della nave su cui la famiglia ha attraversato l’oceano e la facciata del primo negozio Martin a New York.

Particolarmente prezioso è anche il legno adoperato per la cassa, un palissandro proveniente da alberi danneggiati e accuratamente selezionato per la bellezza delle figurazioni che mostra, speculari, sulle due tavole che costituiscono il fondo dello strumento.

Oltre agli accorgimenti estetici, lo strumento evidenzia anche alcuni dettagli funzionali inediti: il ponte è a metà strada tra il Belly in uso oggi e il Pyramid d’epoca.



La numero 2,5 milioni sarà esposta al museo Martin di Nazareth, in Pennsylvania, mentre una replica esatta con codice seriale #2.500.001 costruita con palissandro brasiliano proveniente dalla collezione privata di Chris Martin IV andrà all’asta a breve.
Martin ne dà notizia a poche ore dall’apertura del NAMM Show 2022, per il quale promette un sostanzioso restyling del catalogo che contiamo di raccontarvi a breve.
chitarre acustiche martin namm show 2022 ultime dal mercato
Link utili
Martin n. 1 milione
Martin n. 1,5 milioni
Martin n. 2 milioni
La n. 2,5 milioni sul sito Martin
Sito del distributore Algam Eko
Mostra commenti     19
Altro da leggere
1073SPX-D: il rack Neve diventa una scheda audio
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
Il Wannabee reinventa Klon e Bluesbreaker in salsa Beetronics
La Gretsch Jim Dandy triplica e si amplifica
Elettronica USA e palette a libro per le Epiphone 2024 ispirate a Gibson Custom
Mooer Prime S1: processore modulare ultra-compatto
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964