VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Fundamental Series: boutique accessibile da Walrus
Fundamental Series: boutique accessibile da Walrus
di [user #116] - pubblicato il

Walrus Audio snocciola una gamma completa di effetti a pedale a prezzo ridotto. Saturazioni, ambienti e modulazioni condividono un’interfaccia originale dotata di slider anziché i classici potenziometri.
La serie Fundamental di Walrus Audio racchiude una palette completa di effetti tradizionali, filtrati dalla sensibilità boutique di casa. L’idea è comporre una pedaliera di evergreen e suoni immancabili nell’arsenale di un chitarrista tipico, con alcuni assi nella manica per contare su una versatilità degna di nota.
Progettati e assemblati negli stabilimenti Walrus, non sono da considerarsi ripieghi a basso costo, bensì alternative classiche alle sperimentazioni di casa con un prezzo discretamente inferiore rispetto al resto del catalogo.
All’appello rispondono un overdrive, un distorsore, un fuzz, un chorus, un phaser, un tremolo, un delay e un riverbero, tutti dotati di tre cursori a slitta e un selettore a tre posizioni per modalità alternative.



Drive è l’overdrive mediamente spinto, ideale per increspare un suono pulito, per fare da booster durante gli assolo fino a spingersi in un crunchconvinto, con controlli di Gain, Tone e Volume. Lo switch offre le tre modalità di Smooth, Crunch e Bright che agiscono sul tipo di clipping e sul carattere timbrico generale.
Smooth è un soft clipping al silicio. Crunch aggiunge diodi in configurazione hard clipping. Bright parte dalla configurazione precedente e applica un taglio alle basse frequenze a monte dello stadio di saturazione.



Distortion aumenta il guadagno e conserva un’impostazione simile di Gain, Tone e Volume, ma con un’equalizzazione attiva che enfatizza la gamma acuta quando si va oltre metà corsa.
Lo switch offre le sonorità Dark, Si e LED. Il primo ruota intorno a un clipping asimmetrico ed è impostato in modo da offrire un timbro più morbido e cupo. Il secondo sceglie un hard clipping più compresso basato su diodi al silicio, il terzo completa la gamma con una timbrica aperta e dalla headroom generosa con diodi LED in configurazione hard clipping.



Gain, Toe e Volume sono i parametri presenti anche sul Fuzz. Anche qui l’equalizzazione si comporta in maniera originale, attenuando gli acuti nella prima metà corsa e affievolendo i bassi nella seconda parte di escursione.
Delle tre posizioni del selettore, Gate abbassa la tensione di bias generando una distorsione schiacciata e sgranata, dal tipico sound da fuzz sottoalimentato. Classic recupera attacco e sensibilità dinamica, con un timbro vintage scavato sui medi. Mid+ recupera la gamma centrale per un tono compresso e corposo.



La prima modulazione del gruppo è il Chorus, un pedale digitale con tre algoritmi studiati per ricostruire la modulazione caratteristica dei bucket brigade analogici, partendo da un’oscillazione delicata e appena colorata fino ai trichorus profondi e articolati tipici degli anni ’80.
Sul pannello, Depth dosa la profondità dell’onda modulante, Rate la sua velocità e Mix recupera intelligibilità miscelando in uscita parte del segnale diretto. La modulazione risulta via via più presente passando tra le posizioni del selettore Light, Medium e Heavy.



Anche il Phaser ricrea un effetto classico con tecniche digitali e la versatilità aggiunta di un selettore per i livelli Light, Medium e Heavy di modulazione.
Rate comanda la velocità dell’LFO, Depth la sua ampiezza e Feedback la risonanza tipica ottenuta riportando parte del segnale finale nuovamente all’ingresso del circuito.



Tremolo è invece un circuito ottico e analogico con controlli di Rate, Depth e Volume, particolarmente utile per recuperare in parte la presenza sonora che va a perdersi nelle oscillazioni.
Qui lo switch permette di affidarsi a una forma d’onda sinusoidale classica, un’onda quadra dal ritmo più netto, o randomizzata, per giochi ritmici imprevedibili e creativi.



Delay torna nel campo degli effetti digitali per mettere sul piatto una flessibilità niente male, considerati il costo e la compattezza. Time, Feedback e Mix comandano la lunghezza dei ritardi, la quantità di ripetizioni e la presenza rispetto al segnale diretto. In basso, le tre posizioni dello switch permettono di scegliere tra un delay di tipo Digital per ripetizioni trasparenti e incisive, Analog per un echo più caldo e smussato sulle alte, Reverse per esplorare sonorità originali tramite l’inversione delle code.
L’effetto ha tap tempo integrato nello switch d’attivazione e possibilità di impostare le suddivisioni ritmiche.



Reverb, l’ambiente del gruppo, permette di modellare spazi agendo su Decay per la lunghezza delle code, Tone per la loro brillantezza e Mix per la presenza finale.
Lo switch Hall, Spring e Plate dà accesso a code lunghe e ricche di carattere.



Sul sito Walrus Audio, la serie Fundamental al completo è spiegata a questo link, con altre foto, dati tecnici e prezzi per il mercato statunitense. In Italia, i pedali sono distribuiti da Face.
effetti singoli per chitarra fundamental chorus fundamental delay fundamental distortion fundamental drive fundamental fuzz fundamental phaser fundamental reverb fundamental tremolo ultime dal mercato walrus audio
Link utili
La serie Fundamental sul sito Walrus Audio
Sito del distributore Face
Mostra commenti     3
Altro da leggere
1073SPX-D: il rack Neve diventa una scheda audio
Serve davvero cambiare qualcosa?
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
Il Wannabee reinventa Klon e Bluesbreaker in salsa Beetronics
La Gretsch Jim Dandy triplica e si amplifica
Mooer Prime S1: processore modulare ultra-compatto
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964