VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
"La gente non capisce che le Strat fino al 1975 sono ottime": Malmsteen si schiera con CBS
di [user #116] - pubblicato il

Le Stratocaster degli anni ’70 non sono affatto da buttare, e la “Duck” di Yngwie J Malmsteen ne è una dimostrazione lampante.
Truss rod in stile bullett e il discussissimo palettone a svettare in cima a un manico interamente in acero: la solid body simbolo del virtuoso scandinavo è inconfondibilmente anni ’70, ma si può sfidare chiunque a dire che sia un cattivo strumento.
Nel 70esimo anniversario della Strat, Malmsteen si pronuncia in favore di alcune delle Stratocaster più bistrattate di sempre: quelle prodotte a partire dal 1965 col passaggio di Fender sotto la proprietà di CBS.

La sua Duck, Stratocaster del 1972 in finitura Olympic White, è una di queste, e Yngwie la tiene a esempio di come quella produzione non sia affatto cattiva in sé per sé, ma riservi picchi altissimi di qualità se si sa dove cercare.

"La gente non capisce che le Strat fino al 1975 sono ottime": Malmsteen si schiera con CBS

Ingiallita dal tempo e messa duramente alla prova da anni di palco, la Duck è riconoscibile per l’adesivo “Play Loud” sul corno superiore. È la chitarra usata sui primi album di Malmsteen, quelli che hanno lanciato il fenomeno del virtuosismo neo-classico e tutt’ora fanno scuola nel genere, per stile quanto per il sound che proprio quello strumento ha contribuire a delineare in modo importante.
La Duck però non è la sola Strat nell’arsenale del chitarrista, che vanta una faretra particolarmente ricca a cui attingere.

Più che un collezionista, lo si potrebbe definire un consumatore affamato di Stratocaster d’epoca. Le accumula, le strapazza, le maltratta sul palco e non gli riserva troppo riguardo neanche dietro le quinte, come testimoniano alcuni celebri video che lo vedono letteralmente lanciare la custodia di una Fender appena acquistata nella sua auto oppure, nel suo studio, riporre chitarre accatastate una sull’altra in un angolo.
Però, sul suono e sulla capacità di riconoscere uno strumento ben fatto e che assecondi il suo playing, non gli si può dire niente.



Così Yngwie si schiera contro chi “boccia” a prescindere la produzione Fender nel cosiddetto periodo CBS, quando cioè la società fu ceduta da Leo alla Columbia Broadcasting System.
Sotto la guida di CBS, dal 1965 un laboratorio in pieno boom compirà una serie di scelte sbagliate che nel giro vent’anni lo porterà sul lastrico. Il declino durerà fino alla metà degli anni ’80, quando saranno gli stessi dipendenti Fender a rilevare l’azienda per avviare il riscatto che porterà poi alla moderna Fender Musical Instruments.

Per questo, quella di CBS viene ricordata come l’epoca buia di Fender. La storia però è più complessa di così, e il passaggio dalla proprietà di Leo Fender a CBS non è stato così immediato come molti credono. Leo rimase per diverso tempo ad affiancare l’azienda in qualità di consulente, e le ultime sue idee presero forma proprio in quegli anni, prima di essere trasportate e ampliate nelle sue future avventure di Music Man e G&L.
Allo stesso modo la forza lavoro, i progetti e i materiali non cambiarono immediatamente.
Eppure, col nascere del fenomeno vintage e col mito delle pre-CBS, le chitarre di tutti quei vent’anni sono state per lungo tempo viste come scarti, strumenti da cui scappare come se d’improvviso Fender avesse dimenticato come si fa una chitarra di qualità, da un giorno all’altro. La loro storia è raccontata sul libro "Stratocaster", scritto ed edito da Accordo con la collaborazione e testimonianza di artisti di levatura internazionale.

Nel tempo e con la maturità degli anni, i collezionisti hanno imparato a rivalutare molti esemplari della prima era CBS. Strumenti di gran fascino, valore e qualità, che anche Malmsteen ha a cuore come spiega in una recente dichiarazione.

"La gente non capisce che le Strat fino al 1975 sono ottime": Malmsteen si schiera con CBS

Quello che la gente non capisce delle Stratocaster è che Leo Fender ha venduto la compagnia a CBS nel 1965, ma è rimasto nella stessa fabbrica per un’altra decade” sottolinea l’artista, che continua “così ogni Strat costruita fino al 1975 è in effetti davvero buona. Hanno cominciato a calare verso la fine degli anni ’70. La gente pensa che le Fender degli anni ’70 siano cattive, ma non è affatto corretto”.

La produzione anni ’70 ha in effetti acquistato nuovamente l’interesse degli appassionati, e canoni estetici e costruttivi tipici dell’epoca tornano oggi sui palchi, riguadagnando un certo terreno anche nei moderni cataloghi Fender con tributi, repliche fino anche a strumenti inediti che si ispirano all’epoca. Insomma, non sempre il palettone è sinonimo di declino, e il tempo rivela tutto.
chitarre elettriche fender stratocaster vintage yngwie malmsteen
Link utili
La storia della Stratocaster
Mostra commenti     36
Altro da leggere
Il Restauro della Fender Stratocaster del... 1953! [IT-EN]
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente
Elettronica USA e palette a libro per le Epiphone 2024 ispirate a Gibson Custom
In video le rarità vintage del museo Martin Guitar
Theodore Standard: la Gibson perduta di Ted McCarty diventa realtà
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964