CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Cavalli rampanti e musicisti ricconi
L'amore per le auto sportive, soprattutto rosse e made in Italy, sembra mettere d'accordo molti grandi musicisti. Accomunati da portafogli smisurati, o quasi, Sammy Hagar, Eric Clapton e Yngwie Malmsteen non hanno mai nascosto la preferenza per le Ferrari diventando proprietari di modelli unici e costosissimi. Continua...
di Denis Buratto [user #16167]
3
Yngwie Malmsteen - Implacabile. Il Memoir
Chitarrista sopraffino e virtuoso da capogiro, Yngwie J Malmsteen è anche uno dei personaggi più controversi della storia del rock. "Implacabile" è il titolo della sua autobiografia, nella quale il guitar hero svedese ripercorre successi e sconfitte della sua carriera di padre del movimento neoclassico. Continua...
di Sebo [user #14881]
72
Paul Plays Yngwie: un'orgia di arpeggi!
Tra le tante cose pazzesche proposte da Paul Gilbert nei recenti tour italiani, c’è la cover di un celebre pezzo di Malmesteen arrangiato in chiave pop. Nell’assolo Paul dava fuoco alle polveri lanciandosi in una disarmante progressioni di arpeggi suonati in pieno stile neoclassico. Facciamoceli insegnare direttamente da lui. Continua...
di redazione [user #116]
10
L'impostazione dei grandi nel plettro
Il plettro può essere considerato uno strumento a sé stante, degno di nota e materia di studio. Passiamo in rassegna l'approccio dei grandi chitarristi a partire da una impostazione di base, per notare le differenze. Continua...
di alessioshy [user #12445]
26
Alcatrazz, il fortunato flop di Steve Vai
Non è da tutti entrare in una band per sostituire Yngwie Malmsteen e suonare così bene da convincere l'etichetta discografica a licenziare tutto il resto della band per investire invece nel vostro disco solista. Eppure, c'è anche questo nella storia di Steve Vai. Oggi ascoltiamo "Disturbing The Peace" album nato dalla breve permanenza di Vai negli Alcatrazz. Continua...
di Gianni Rojatti [user #17404]
3
Buon compleanno Yngwie
Nasceva il 30 giugno 1963, a Stoccolma, Lars Johan Yngve Lannerbäck, meglio conosciuto come Yngwie J. Malmsteen. O lo si ama o lo si odia, non esistono mezze misure per uno dei padri del filone stilistico dell'heavy metal neoclassico, sempre discusso musicista che proprio oggi compie 48 anni. Continua...
di redazione [user #116]
37
Lo scalloped della Malmsteen Strat
Scrivo quest'articolo perché mi sento quasi in dovere di farlo. Ho cercato in lungo e in largo, tra il virtuale e il ben più affidabile cartaceo, informazioni in merito ma, purtroppo, non ne ho mai trovate, quindi ho dovuto -con molto piacere- farmi una mia opinione. Ciò di cui voglio parlare è una chitarra di un artista osannato da alcuni e letteralmente odiato da altri. Continua...
di Berzerkers [user #28660]
32
Marshall presenta Yngwie Malmsteen
L'idolo della chitarra metal neoclassica Yngwie J Malmsteen è da sempre un affezionato utente Marshall. Dalle prime apparizioni sui grandi palchi la sua immagine è stata velocemente associata alla Fender Stratocaster con tastiera scalloped e palettone collegata a un enorme muro di stack Marshall alle sue spalle, formando una coppia che avrebbe in breve generato il sound che ha fatto scuola nell'ultimo ventennio. Continua...
di redazione [user #116]
6
Annunciato Relentless, Yngwie l'implacabile
L'anno discografico 2010 non potrebbe considerarsi concluso senza l'annuncio di un nuovo album inciso da uno dei più prolifici guitar hero degli ultimi anni. Yngwie J. Malmsteen ritorna alla ribalta con Relentless, un disco che vedrà al suo interno una ricca tracklist composta da ben quindici brani di puro rock neoclassico, direttamente dalla Svezia nei nostri negozi il 23 novembre. Continua...
di redazione [user #116]
29
Esclusiva clinic di Yngwie Malmsteen!
MMI Treviso è onorato e orgoglioso di organizzare e presentare: CLINIC YNGWIE MALMSTEEN Martedì 18 maggio 2010 Esclusivo evento assolutamente imperdibile per tutti i fans e amanti della chitarra! Continua...
di accordo.it srl [user #3672]
2
Music Italy Show con Yingwie!
Cominciano a filtrare le prime notizie sul Music Italy Show. L'Italia ritrova una grande fiera di strumenti musicali e musica, all'altezza delle proprie tradizioni. Dal 15 al 17 maggio 2010 gli appassionati troveranno nei tre padiglioni della Fiera di Bologna una kermesse di valore internazionale, con oltre 100 artisti impegnati in workshop demo ed esibizioni, mostre, convegni e tavole rotonde. Sono state ufficializzate da poche ore anche alcune partecipazioni di assoluto rilievo per il Music Heaven, la settimana musicale che coinvolgerà la città di Bologna, sotto la direzione artistica di Guido Elmi. In attesa di proporre gli aggiornamenti dai diretti responsabili, a partire da Guido Elmi e Claudio Formisano, presidente di Dismamusica, che incontreremo nelle prossime settimane, diamo alcuni aggiornamenti sugli eventi. Continua...
di accordo.it srl [user #3672]
0
Play loud!
Yingwie Malmesteen ha comprato la sua Stratocaster bianca del 1971 in Svezia, nel 1978, quando lui era ancora un teenager e la sua chitarra era ancora uno strumento da persona normale. Poi, nel corso degli anni, la chitarra ne ha subite di tutti i colori: botte, morsi, fuoco e fiamme, uno scalloping selvaggio fatto in casa che ne hanno fatto - almeno per chi ama il virtuoso svedese - un pezzo di storia della musica rock, soprattutto per quella degli anni '80. Continua...
di accordo.it srl [user #3672]
36
malmsteen, il mito
ominostanco scrive: lo so, sono tanti i commenti e gli articoli dedicati ad un argomento che, per un chitarrista, è un must da almeno due decenni. Eppure credo che la mia opinione sincera, spassionata possa essere non solo una semplice replica ad un altro utente, bensì una fonte per nuove discussioni. conobbi malmsteen alla tenera età di 16 anni, non tanto tempo fa dunque, dato che mi trovo mio malgrado ad averne ancora 20, e subito mi colpì quel chitarrista “ che non metteva parole nelle sue prime canzoni” e dagli assoli da 5 minuti ininterrotti. Pian piano l’udito si affinava,l’esperienza e l’interesse anche, tanto da iniziare a sezionare poco alla volta quel tripudio di note e scale minori, come se dovessi assumerle a piccole dosi ogni volta, per non correre il rischio di trovarmi sommerso da tanta musica. Ho letto davvero tanto sulla carriera di questo chitarrista, opinioni di esperti e di semplici ammiratori come noi tutti, anche naturalmente su questo sito, e devo dire che molte sono le cose su cui mi trovo a dissentire. Molti affermano che malmsteen sia l’ultimo vero guitar hero, un uomo coerente, una manna dal cielo in questi ultimi due decenni poveri di figure così carismatiche. Direi che , se indubbiamente considero il malmsteen degli albori un vero proprio poeta musicale, tanto da toccarmi il cuore praticamente in ogni suo cd, è anche vero che il malmsteen degli albori, inevitabilmente diranno alcuni, si sia perso. Ringrazio il cielo che il cd con cui l’ho scoperto sia stato il primo, tutt’ora il migliore a mio giudizio, poiché se avessi iniziato da una “cavallino rampante” o “baroque and roll”, lo avrei di certo catalogato tra quei meravigliosi fenomeni da baraccone pronti a crearti solo meraviglia, quali Gerorge Dellas e compagnia bella. Il fatto è che, come diceva un post letto in precedenza e su cui concordo pienamente, che gli assoli di malmsteen sono un qualcosa di estremamente irritante e brutto se eseguiti alla velocità di un comune mortale. Con il metronomo che impazzisce, invece, si raggiunge la magia di tanti suoi cd. Premettendo il fatto di non fare giustamente di tutt’erba un fascio, mi permetterei anche di far ricordare come ciò che fa,o perlomeno faceva, la differenza nelle composizioni dell’inguine (così lo chiamo affettuosamente) è il resto, la melodia, il tiro di tante sue performances straordinarie. Nei suoi primi lavori il ritmo faceva da trampolino eccellente per uno stupefacente solo, negli ultimi anni invece la noia mortale di un testo assurdo e di una ritmica ancora più marziana sono impazienti di offrici un noiosissimo quanto difficilissimo solo nuovo ma che sembra di aver già sentiro in tutte le salse. Non è vero che malmsteen non sia cambiato, è una emerita stupidaggine pensare ciò. Malmsteen è cambiato prima di tutto dai chili, dopo esserne ingrassato di minimo 40, dal suo modo di porsi verso la folla, del suo essere tamarro portato ai massimi sistemi. Il vero malmsteen non è quello che storpia ogni singolo motivetto che ha sotto mano, facendolo passare sotto la sua delirante mania di assoli su tutto; il vero malmsteen era quello dalla chitarra dolce, delicata, quasi acustica per alcuni versi, e straordinariamente virtuosa. E nel suono malmsteen è cambiato da quel tour di rising force che, per una tendinite con conseguente stop per sei mesi, gli ha fatto perdere il tiro divino che aveva in quella mano destra. Per carità, anche ora è un mostro, ma se notate dai suoi video ha ormai una mano chirurgica, non si muove quasi. Avrei ancora molto di cui argomentare, però credo che la discussione sia il fine giusto di questo sito, e dunque mi piacerebbe sapere un po’ le vostre opinioni su questo preambolo, sempre tenuto conto del fatto che ogni volta che critico questo stupefacente fattore di melodie ferisco a morte una parte di me, andando a toccare uno di quegli idoli che mi ha fatto amare profondamente quello strumento che indegnamente dico di suonare. Saluti a tutti. luigi Continua...
di ominostanco [user #7432]
58
Considerazioni su Yngwie Malmsteen
ezy scrive "Ciao sono un ragazzo che suona l'elettrica da qualche annetto. In particolare seguo molto Yngwie J.M. perchè è un Maestro dal quale c'è solo da apprendere musicalmente, e - anche se non tecnicamente - è uno dei più grandi chitarristi della storia." Continua...
di redazione [user #116]
79
Eko Malmsteen signature
ranks scrive "Prova e scoprirari ... che questa chitarra non è poi tanto male quanto gli altri sostengono. Premettendo che Malmsteen è il mio mito e cerco di emularlo da circa 6 anni (con non molto successo però..) ho aspettato per tutto questo tempo che uscisse un modello economico della sua Strat (5 milioni di vecchie lire sono tanti..) e la Eko, marca che sinceramente credevo morta e sepolta viste le sue produzioni da un pò di anni a questa parte di chitarre economiche e scarsissime, ha compiuto il miracolo." Continua...
di ranks [user #2338]
17
pagina 1   «« Precedente  Successiva »»
Seguici anche su:
Cerca Utente
People
Tre super-Strat da Charvel per il Summer Namm 2019
Timing, plettro e altre storie
Silverwood: torna “il meglio” del catalogo Supro
Fattoria Mendoza Boogia: l'overdrive distorsore definitivo?
Softube Console 1 SSL SL 4000 E Vs. British Class A Vs. American Class...
Kangra: fuzz e filter da Walrus per Jared Scharff
Gli AC/DC celebrano i 40 anni di "Highway To Hell"
Ronzio dagli amplificatori solo in appartamento
Max Cottafavi: non esistono assi nella manica
Blackstar amPlug2 FLY
Bose L1 Compact: tutto in 13kg
Daniel Kelly II è il vincitore del “Shure Drum Mastery 2019”
Brexit Guitar: dreadnought satirica da Martin
Quadriadi: sviluppi tecnici su coppie di due corde
Igor Nembrini, il guru dei Virtual Amp

Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964