DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
L'isolante dei pickup influisce sul suono?
L'isolante dei pickup influisce sul suono?
di [user #2413] - pubblicato il

Plain Enamel, Heavy Formvar... sono questi i nomi più comuni degli isolanti che ricoprono il conduttore di rame che costituisce l'avvolgimento dei pickup. Scopriamo come e quanto la scelta dei materiali influisce sul suono dei pickup.
Plain Enamel, Heavy Formvar... sono questi i nomi più comuni degli isolanti che ricoprono il conduttore di rame che costituisce l'avvolgimento dei pickup.
Negli anni Fender, Gibson e altri sono passati da un tipo all'altro e viceversa, e nelle riproduzioni attuali di pickup di una particolare annata viene spesso sottolineato l'utilizzo di uno o dell'altro per mantenere il "vintage correct", ma questo ha una vera influenza sul suono?

L'isolante dei pickup influisce sul suono?

Risponde Luca Villani di I-SPIRA pickup: i nomi sono esatti, manca soltanto quello del più moderno, che si chiama "Polysol".
Mentre quest'ultimo è sostanzialmente un polimero plastico, mentre gli altri due sono rivestimenti di tipo organico, rispettivamente un composto acetato il Plain Enamel (PE) e una resina polivinilica il Formvar.
Il motivo dell'utilizzo dell'uno o dell'altro materiale va ricercato credo nelle politiche aziendali Fender e Gibson delle relative epoche, che tenevano conto sia della reperibilità sia dei costi. Non credo che nessuno si facesse particolari domande riguardo a eventuali implicazioni di tipo sonoro.

Parallelamente alla creazione del mito del vintage, si è sviluppata la ricerca dei produttori al fine di riprodurre il comportamento dei vecchi trasduttori, così alcune differenze sostanziali sono state focalizzate.

Principalmente potrei sintetizzare il tutto in due punti chiave:

1) rapporto tra la sezione del metallo e spessore dell'isolante
2) comportamento del rivestimento come dielettrico

Il primo punto si basa sul fatto che il Formvar (presente nei pickup Fender fino al '64, ma non in quelli per Telecaster) fu utilizzato nella versione "heavy", che a parità di sezione del rame prevedeva uno strato isolante più spesso di quello del Plain Enamel (usato continuativamente da Fender nei pickup Telecaster e da Gibson nei P90 e nei PAF fino al 1962).
Il secondo punto (in relazione con il primo) verte sul principio che causa comportamenti diversi nei condensatori a seconda della loro tipologia: due spire adiacenti nella bobina possono essere viste come i due piatti di un condensatore, separati dal dielettrico, che è lo strato isolante. A seconda delle caratteristiche fisico-chimiche dell'isolante possono verificarsi perdite o passaggi di corrente di entità diversa tra l'una e l'altra e il comportamento generale del pickup cambia di conseguenza.

A livello sonoro la differenza più importante è data dal fatto che a parità di numero di spire si crea una bobina con proporzioni e caratteristiche elettromagnetiche lievemente diverse: in soldoni si può dire che il Formvar dia luogo a pickup che suonano più "rotondi" e pieni, ricchi di armoniche che anche quando sono brillanti difficilmente risultano acide. Il PE, al contrario, risulta più graffiante e maggiormente aggressivo, anche sui bassi. Tali diverse caratteristiche sono senz'altro tra gli elementi (anche se non gli unici) responsabili della migrazione del sound Stratocaster pre-CBS degli anni '50 verso quello mid-'60.
Per quanto riguarda il più recente Polysol, il rapporto tra le sezioni del rame e dell'isolante è molto simile a quello del PE, ma ha caratteristiche dielettriche migliori rispetto a entrambi i vecchi isolamenti, oltre a offrire una maggiore elasticità e durata nel tempo.
Il suono dei pickup che lo impiegano, sempre a parità di spire, è tendenzialmente a metà strada tra le caratteristiche descritte più sopra per i due composti "vintage".
Va detto che entrambi i tipi di rivestimento organico sono disponibili a tutt'oggi, pur con costi molto elevati e sono riproposti con il vecchio nome, ma nei fatti non sono sempre realizzati con composizione chimica fedele agli originali d'epoca, sia a causa della scarsa reperibilità di alcune sostanze, sia per la tossicità che si genera in fase di produzione. Quindi attenzione perché non sempre la dichiarazione della loro presenza è significativa. Se il filo impiegato è autentico, il prezzo finale del prodotto, a confronto con quello di un modello analogo che non ne fa uso, quasi sempre lo rivelerà.
elettronica pickup
Link utili
I-SPIRA pickup
Mostra commenti     30
Altro da leggere
Un video e una limited edition per i primi pickup PRS aftermarket
Ascolta in video i single coil Fender più amati
Gibson Pickup Shop: P90 e humbucker storici diventano aftermarket
Let it (Treble) Bleed
Fralin’Tron: il Filter’Tron moderno di Lindy Fralin
PAF contro PAF: trova le differenze
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Come dev'essere la TUA chitarra?
Trent’anni di vintage, usato e novità: le sale di SHG 2022
Raccontami il tuo SHG, io ti racconto il mio
Versatilità e dubbi: l'ampli definitivo?
Amplificatori: abbiamo incasinato tutto?
SHG 2022 Vintage Vault: Isle Of Tone
Dubbi esistenziali: la chitarra più versatile?
Brian May e i Queen su Radiofreccia
Usato? Siete fuori di testa!
Tipi da sala prove: i miei preferiti
Nile Rodgers e il mito della Hitmaker
Guarda Marcus King live in streaming dal Ryman Auditorium
La Giapponese di Jimi Hendrix di nuovo all’asta
Perché i commessi non ci odiano più
Progettisti di giocattoli: mi sorge un dubbio




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964