VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente
Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente
di [user #116] - pubblicato il

Mai sfidare Noel Gallagher con uno strumento troppo prezioso per lui perché un tempo suonato da un idolo. Ecco cosa è successo quando l’ex Oasis ha messo le mani su una Les Paul di Peter Green.
Quando ci si trova davanti a uno strumento appartenuto a un idolo, un certo timore reverenziale è spontaneo. Quella chitarra è garanzia di qualità in quanto scelta da un grande, è impregnata di mojo, ha scritto la storia della musica e, non da meno, vanta un valore collezionistico niente male. Se il fascino dello strumento in sé per sé mette d’accordo tutti gli appassionati, il fatto che un autografo basti a far schizzare le quotazioni di una chitarra, rendendola inarrivabile per i comuni mortali e trasformandola in un freddo oggetto da conservare in una bacheca - un memorabilia più che un mezzo per fare musica - può suscitare sentimenti contrastanti.
Per questo la storia di Noel Gallagher ha un che di agrodolce: è la rivalsa del musicista contro il collezionismo fine a se stesso ma, come al solito, è condito di una tracotanza e mancanza di classe che è 100% Gallagher.

Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente

Protagonista della vicenda è una Gibson Les Paul Custom nera, con doppio P90 e ponte mobile, appartenuta a Peter Green. Il musicista, proprietario storico della Standard del ’59 oggi nella rastrelliera di Kirk Hammett e un tempo passata anche tra le mani di Gary Moore, è stato un grande appassionato di strumenti e un vero collezionista di Les Paul. Negli anni sono spuntati in vendita diversi esemplari appartenuti al chitarrista dei Fleetwood Mac e spesso venduti per cifre importanti proprio in virtù della loro storia, talvolta avvalorata da una bella firma lasciata sul top o sul battipenna.
La Les Paul nera che vi andiamo a raccontare avrebbe potuto essere una delle tante, finché non ha incrociato la sua strada con Noel.

Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente

Il cantautore britannico Bill Ryder-Jones è l’attuale proprietario dello strumento e ne è entrato in possesso nel 2006, dopo averlo usato in maniera intensiva durante una sessione con la band The Coral, presso lo studio di Noel, senza avere idea che quello strumento un tempo fosse stato di Peter Green.

Gallagher aveva adocchiato quella chitarra tempo prima in un negozio di strumenti musicali ma - riporta Bill - non fu accolto benissimo. Il negoziante, che non lo aveva riconosciuto, si mostrò alquanto restio a concedergli di provare la chitarra, così preziosa e con tanto di autografo di Green in bella mostra sul body.
Alla richiesta di Noel, il commesso pare abbia replicato “Sai che questa ha un autografo di Peter Green, vero?”, allungando controvoglia lo strumento al musicista.
E qui scatta la magia: Noel agguanta la chitarra, si sputa sulla maglietta e la usa per strofinare via l’autografo. Poi, rivolto al commesso: “Non c’è problema, è venuto via, la prendo lo stesso”.

Chitarre appartenute ai grandi? Noel Gallagher ci sputa sopra, letteralmente

Gallagher è un tipo colorito e ha dimostrato in più occasioni di non avere granché tatto, soprattutto se provocato. Al netto del suo carattere difficile (e della t-shirt sputacchiata), il gesto dell’artista non è però così folle. In un certo senso restituisce la dimensione di strumento musicale a una chitarra che sembrava a tutti i costi dover diventare un pezzo da museo. Si perde il valore di memorabilia, resta quello di una gran chitarra con una storia da raccontare.

E poi, in giro c’è ben di peggio. Basti pensare a quella volta in cui James Hetfield ha inciso con un coltellino la scritta “No. XII” sul retro della sua preziosissima Les Paul del 1959. Quello sì che fa male.
chitarre elettriche gibson les paul noel gallagher peter green
Link utili
La XII di James Hetfield
Mostra commenti     35
Altro da leggere
PRS mostra in video le S2 del 2024 con pickup Core americani
"La gente non capisce che le Strat fino al 1975 sono ottime": Malmsteen si schiera con CBS
Elettronica USA e palette a libro per le Epiphone 2024 ispirate a Gibson Custom
Theodore Standard: la Gibson perduta di Ted McCarty diventa realtà
American Series: la Soloist USA con due EMG in duplice versione
I main highlight del catalogo Epiphone 2024
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones
Neural DSP Quad Cortex: troppo per quello che faccio?




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964