DIDATTICA VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese
Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese
di [user #31282] - pubblicato il

Nella fascia medio-bassa si può puntare sull'estetica o mirare a costruire una chitarra poco appariscente ma in grado di coniugare una struttura affidabile a un suono convincente. La Lag Jet 500 intraprende la seconda strada, aggiungendo una versatilità niente male.
Nella fascia medio-bassa si può puntare sull'estetica o mirare a costruire una chitarra poco appariscente ma in grado di coniugare una struttura affidabile a un suono convincente. La Lag Jet 500 intraprende la seconda strada, aggiungendo una versatilità niente male.

Il chitarrista è un essere conservatore e preconcettuale. Per lui, sono dei parametri ben determinati e immutabili a rendere uno strumento degno di essere apprezzato e suonato. Tra questi parametri, ovviamente, va annoverato il prezzo. Il chitarrista fortissimamente brama (così come l'Alfieri volle) strumenti il cui prezzo va scritto con quattro cifre intere, e ritiene che solo essi possano elevarlo al rango di musicista. Egli disdegna gli strumenti il cui prezzo corrisponde a poche centinaia di euro, e se ne serve solo nel caso in cui non possa permettersene di più costosi. Perché egli, nel buio del suo pregiudizio, non riesce nemmeno a immaginare uno strumento che possa coniugare qualità ed economicità (perdonino gli economisti quest'uso improprio del termine).
Eppure tale connubio, inconcepibile a molti, esiste. Ed esiste in molteplici forme, tra le quali vanno annoverate quelle realizzate e/o progettate dal liutaio francese Michel Lâg, il quale realizza e/o fa realizzare strumenti che coniugano al meglio una discreta qualità costruttiva e un costo molto competitivo.
Nello specifico, questo articolo intende essere una recensione del modello Jet 500, non più presente nel catalogo dell'azienda ma ancora reperibile presso vari punti vendita Lâg situati soprattuttto nel Regno Unito e in Francia (non si hanno notizie, purtroppo, circa la disponibilità di tale modello in Italia). L'autore del presente testo ha reperito il proprio modello, mancino e visibile di scorcio nella foto che segue, presso un piccolo negozio in Belgio. Il prezzo d'acquisto concordato con il negoziante, trattandosi di una chitarra ex-demo seppur in condizioni perfette, è stato di 450€ (di listino, ne costerebbe quasi 700).

Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese

Lo strumento si presenta immediatamente per ciò che è: spartano e ben realizzato, privo di orpelli e attrattive estetico-pubblicitarie. Uniche concessioni alla mera estetica sono un top in acero fiammato book-matched (ben valorizzato dalla sobria verniciatura Brown Shadow e contornato da uno stupendo binding in acero natural che separa il top dal retro del body, verniciato di un elegante bordeaux) e dei particolari dettagli della paletta (visibili nella foto che segue).

Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese

Strutturalmente, lo strumento presenta una configurazione classica: body in ontano, manico (avvitato) in acero e tastiera in palissandro. I fret presenti sulla tastiera sono 22, di tipo jumbo, e la scalatura è la solita 25,5" di fenderiana memoria. La curvatura della tastiera è abbastanza elevata (circa 12"), e il retro del manico mostra un profilo che pare essere di tipo soft-V.
Per quanto riguarda la dotazione meccanica ed elettronica, lo strumento offre:
- sei meccaniche autobloccanti marchiate Lâg, scorrevoli e di buona qualità
- due potenziometri (che controllano il volume e l'equalizzazione) e un selettore di tipo blade a cinque posizioni, non eccellenti ma comunque abbastanza validi
- tre pickup Seymour Duncan in configurazione HSS. Si tratta di un SSL-1 al manico, un SSL-5 RW/RP al centro e un TB-6 al ponte
- un ponte Wilkinson VS-300, poco ingombrante e assolutamente affidabile.

Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese

Il pickup al manico, sui puliti, è secco e definito, adatto alle ritmiche di stampo armonico (basate, cioè, sull'esecuzione armonica degli accordi) ma, se accoppiato ai giusti effetti, permette di ottenere dei suoni relativamente morbidi. Sui distorti è molto secco, adatto a degli assolo non troppo aggressivi e basati sulla definizione delle note.
Il pickup al centro, sui puliti, è morbido ma al contempo abbastanza potente, ottimo per l'esecuzione di arpeggi e clean solo. Sui distorti, permette di ottenere una buona definizione e una discreta energia ma, a causa della sua posizione, risulta comunque un po' incatenato e perde un po' di definizione in contesti hi-gain.
Il pickup al ponte, sui puliti, è potente e per nulla strillante, ideale per l'esecuzione di ritmiche funky o solismi di stampo 50's blues. Attivando la distorsione, tale pickup si mostra potente e dinamico, adatto in qualsiasi contesto purché non si pretenda di raggiungere le esasperate distorsioni tipiche di certi generi il cui nome finisce quasi sempre in -core.
Le combinazioni intermedie risultano abbastanza anonime e difficilmente possono trovare una precisa collocazione, se non come possibili succedanee dei singoli pickup al manico e al centro.

In sintesi, la Lâg Jet 500 è uno strumento semplice e poco appariscente, ma assolutamente valido. Presenta vari aspetti positivi, soprattutto per quanto riguarda la versatilità: i suoi pickup e la sua ottima tenuta dell'accordatura permettono infatti di utilizzare questo strumento per l'esecuzione di quasi ogni genere musicale, sia in studio sia in ambito live. Presenta, ovviamente, anche dei piccoli difetti, tra i quali va evidenziata la qualità non eccelsa dell'acero che compone il manico. Ma nella valutazione tanto dei pregi quanto dei difetti va considerato il costo dello strumento, che giustifica assolutamente le piccole carenze e valorizza i considerevoli lati positivi. La Lâg Jet 500 si presenta, insomma, come lo strumento adatto a tutti coloro che, pur non disponendo di budget particolarmente elevati, intendono acquistare uno strumento versatile e di discreta qualità, che possa risultare soddisfacente e stimolante.

Nota della Redazione: Accordo è un luogo che dà spazio alle idee di tutti, ma questo non implica la condivisione di ciò che viene scritto. Mettere a disposizione dei musicisti lo spazio per esprimersi può generare un confronto virtuoso di idee ed esperienza diverse, dando a tutti l'occasione per valutare meglio i temi trattati e costruirsi un'opinione autonoma.

Lâg Jet 500: soddisfazione senza ingenti spese
chitarre elettriche jet 500 lag
Mostra commenti     3
Altro da leggere
Kramer SM-1 diventa figurata a prezzo budget
Dallo shred al pop napoletano, andata e ritorno: sul palco con Edoardo Taddei
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
La chitarra elettrica dopo la pandemia: dalla fascia media al custom da sogno
PRS celebra 10 anni di S2
Non solo Stratocaster: le chitarre preferite di Jeff Beck
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Ecco come sono stato truffato - Pt. 3
PRS? Chitarre da crisi di mezza età…
David Crosby: il supergruppo si è spezzato
Ho intervistato l'Intelligenza Artificiale. Il chitarrista del futuro?...
Tom Morello e la vergogna di suonare coi Måneskin
Che fine ha fatto Reinhold Bogner?
"Dai, suonaci qualcosa": il momento del terrore
Da Fripp a SRV: gli inarrivabili chitarristi di David Bowie
Sette anni senza David Bowie
Altoparlanti volanti per i 50 anni di Roland
Ecco come sono stato truffato - Pt. 2
Chiede a una AI se sa cos'è un Tube Screamer: questa glielo programma...
L’improbabile collaborazione tra Ed Sheeran e i Cradle Of Filth è r...
Letterina di Natale
L’ultima Les Paul Greeny è ora della star Jason Momoa




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964