VINTAGE VAULT SHG MUSIC SHOW PEOPLE STORE
La Stratocaster
La Stratocaster
di [user #26523] - pubblicato il

La Fender Stratocaster compie sessant'anni nel 2014 e porle omaggio è d'obbligo. Lo vogliamo fare condividendo un estratto del libro "Fender" di Maurizio Piccoli sugli albori di quella che è probabilmente la chitarra elettrica più famosa al mondo.
La Fender Stratocaster compie sessant'anni nel 2014 e porle omaggio è d'obbligo. Lo vogliamo fare condividendo un estratto del libro "Fender" di Maurizio Piccoli sugli albori di quella che è probabilmente la chitarra elettrica più famosa al mondo.

Con un nome tecnologico che strizza l’occhio più a Star Trek che alle vecchie Cadillac con le pinne, la rivoluzionaria Strato sembra nata ieri data la sua straordinaria capacità di dar voce elettrica, ai moderni paladini della musica, sia essa di rabbia, di drammatico o zuccheroso romanticismo o, ancora, sia espressione di un certo “pattume” musicale caro alle frange superstiti del defunto e poi risorto movimento punk o ad altri eserciti sonori, più o meno numerosi. Sa gracchiare, è lirica e naif. Ora porta nell’aria il blues, ora fa ballare e diverte con toni gallinacei e funky. In altre latitudini ti scarica addosso una perentorietà che non ammette discussione. She’s the one! Si può dire inopportunamente citando il boss Springsteen. E certamente è lei l’unica che, in tanti anni di battaglie, ha saputo tener testa al suo maggiore antagonista, così diverso, così “maschio” anche nel modo di chiamarlo: “il” Les Paul Custom!
Questa aquila ruspante che mai ha voluto saperne di humbucker e diavolerie, anche se la modernità qualche volta gliele ha appiccicate, nasceva nel lontano 1953 in quel nido californiano dal quale tante altre aquile avevano e avrebbero aperto le ali. Basti ricordare quel suo fratello di forme che ancora oggi è il Precision Bass, levatosi in volo solo due anni prima. Per la paletta, e non solo, dovette ringraziare l’hawaiano Freddie Tavares, collaboratore del suo indiscusso padre Leo il quale, per voler essere originale in tutto e non piegarsi all’uso dell’allora e tutt’ora stimato Bigsby Vibrato, disegnò quel synchronized Tremolo che ebbe la sua buona fortuna per moltissimi anni prima di essere spesso rimpiazzato da più diabolici marchingegni.

La Stratocaster

La cronologia riassuntiva che riportiamo a parte (ndr: cronologia inclusa nel libro) mette in luce i mutamenti che nel tempo la Stratocaster ha subìto. Nel ventennio Settanta/Ottanta lo strumento, pur avendo mantenuto la struttura di base, per molti aspetti non era più lo stesso. Prova ne fu il proliferare di ditte costruttrici di parti di ricambio le quali offrivano, accanto ai miglioramenti che l’esperienza e la tecnologia dell’epoca permettevano, componenti aventi le caratteristiche degli originali: dai manici-tastiera monoblocco in acero a “V” ai pickup con magneti ad altezze irregolari, avvolti col medesimo filo dei modelli anni '50, lo stesso isolante e lo stesso modo di adagiare le spire. Non ultima l’offerta di corpi in leggero frassino verniciati alla nitro. Nel periodo CBS furono, infatti, offerti strumenti alquanto pesanti, certo più luccicanti ma come spogliati di quell’alone di unicità che faceva dimenticare difetti e approssimazioni molto spesso presenti nei modelli vintage meno fortunati.

La Stratocaster

Non considerando l’immancabile fascino esteriore che circonda gli esemplari davvero “vissuti e suonati” per molte primavere, è da riconoscere che il confronto tra il contatto fisico con un modello anni Settanta e quello che si ha con un esemplare pre-CBS mette in luce un’avvertibile diversità. Il feel al manico del primo è alquanto diverso da quello offerto dal secondo, più di quanto i due millimetri in aggiunta di spessore potrebbero lasciar supporre. Il corpo del primo poi è più bulky (massiccio, voluminoso), anche se le misure sembrano rimaste invariate, e meno si avverte l’abbraccio del contour body. Per non parlare del suono, come ghiacciato negli esemplari CBS, con componenti metalliche, parente vicino dell’originale ma privo del calore e della pienezza del suono di quest’ultimo.

La Stratocaster

Chiudiamo qui elogiando la svolta qualitativa intrapresa sotto la presidenza Schultz e tutto quello che di fantastico è venuto fuori dal Custom Shop. Ci sentiamo di dire che gli esemplari maniacalmente lavorati in questo straordinario laboratorio avrebbero sicuramente commosso Leo, malgrado la poca popolarità dei prezzi. A lui offriamo il grande conforto che le asce prodotte durante il suo periodo, malgrado alcuni difetti, hanno cambiato il mondo della musica e sono state la scelta obbligata di tanti grandi chitarristi che hanno affidato loro il compito di graffiare o commuovere.

La storia di Leo Fender e della sua più grande avventura è appassionante e ricca di risvolti. Puoi trovarla per intero leggendo il libro "Fender", di Maurizio Piccoli. Il libro è ora in offerta limitata sullo Store di Accordo, scoprilo a questo indirizzo.

La Stratocaster
chitarre elettriche fender libri maurizio piccoli stratocaster
Mostra commenti     18
Altro da leggere
La Epiphone Coronet diventa americana
Gibson Les Paul R0 BOTB
Solismo jazz attraverso l'armonia: il metodo Garrison Fewell
Malmsteen racconta la storia della Strat per le telecamere Fender
Acero, palissandro e versatilità a tutto tondo: Yamaha Pacifica Standard Plus in video
Le Fender AM Pro II diventano Thinline in serie limitata
Articoli più letti
Seguici anche su:
Scrivono i lettori
Gibson Les Paul R0 BOTB
Serve davvero cambiare qualcosa?
70 watt non ti bastano? Arriva a 100 watt!
Manuale di sopravvivenza digitale
Hotone Omni AC: quel plus per la chitarra acustica
Charvel Pro-Mod DK24 HSH 2PT CM Mahogany Natural
Pedaliere digitali con pedali analogici: perché no?!
Sonicake Matribox: non solo un giochino per chi inizia
Ambrosi-Amps: storia di un super-solid-state mai nato
Il sarcofago maledetto (e valvolare) di Dave Jones




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964