CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Gibson Les Paul Traditional 2013 Caramel Burst
Gibson Les Paul Traditional 2013 Caramel Burst
di [user #41610] - pubblicato il

Al cuore non si comanda, e quando si incontra la chitarra perfetta si sa e basta. Per un patito della Les Paul con in mente i grandi del rock e nessuna voglia di cedere a compromessi dettati da mercato ed evoluzione stilistica, una Traditional è quasi una scelta obbligata.
Esistono i colpi di fulmine? Io dico proprio di sì. Nel mio caso, questo si concretizza e mi colpisce al cuore il giorno 7 settembre 2013.
 
Come accade spesso, arrivano un po' di Gibson da fotografare e caricare on line. Ne apro quattro, cinque... apro l'ennesima custodia e resto senza parole: quella Traditional mi aveva letteralmente rapito! Il profumo che veniva dalla custodia, quella colorazione così dolce, tenue, ambrata... come potevo lasciarla lì? Metto due accordi, da spenta, richiudo la custodia, la metto in macchina e la porto via con me.
Ora, a distanza di quasi tre anni, posso condividere le mie impressioni su questo strumento, che ormai conosco abbastanza a fondo essendo il mio strumento principale.
 
Gibson Les Paul Traditional 2013 Caramel Burst
 
Dopo aver "assaggiato" le forme Les Paul a fine anni '90 con la mia prima Epiphone, circa un decennio dopo riesco a prendere la mia prima vera Gibson: una Les Paul Studio Faded Worn Cherry, uno strumento spartano e molto essenziale (lo conoscerete sicuramente). Mi ci trovavo piuttosto bene, e le cicatrici di mille prove e diversi live l’avevano ormai resa "mia": naturalmente sapevo che quello era, necessariamente, il primo passo nel mondo Gibson, e che prima o poi avrei dovuto aggiornarla.
Scartate a priori la Studio (dissimile dalla mia in sostanza, all’epoca, solo per le finiture e la custodia), le varie serie intermedie che ogni tanto Gibson propone sotto i 2mila euro (non avevano tanto senso), la Standard, che non mi è mai piaciuta (se è Standard perché dovete trasformarla nel laboratorio di sperimentazioni?!), e anche la Custom per una questione soprattutto di prezzo (e di richlite), sapevo che prima o poi avrei preso una Traditional.
Il perché è scritto nel nome, nelle finiture, nella scelta dei pickup, nel profilo del manico, perché è la chitarra più vicina a quella resa immortale da Jimmy Page. Almeno, quella che posso permettermi: la R8 resta una chimera.
 
Nel 2013 (nell’ambito dei festeggiamenti per Lester Polfus) la Traditional fu ridisegnata per avvicinarla ancora di più a quello che era lo strumento delle origini: quindi corpo in mogano massello senza camere tonali o buchi di alleggerimento, top in acero, elettronica tradizionalissima, meccaniche vintage, tastiera in palissandro e manico con una sezione molto generosa (una mazza da baseball). La scelta dei pickup, una coppia di '57, la rende un pelo più moderna e ancor più versatile. Sono tutti elementi che hanno concorso a farmela scegliere senza pensarci un attimo.
L'esemplare in mio possesso è in colorazione Caramel burst, una livrea che non avevo mai e non ho più rivisto su alcuna Gibson: è davvero difficile rendere giustizia al colore attraverso una foto... per comodità potremmo definirlo molto vicino al caramello.
Il top in acero è fiammato ma in modo molto garbato e gentile: non essendo un amante del barocco, dell’eccesso e della ridondanza di fiammature, aceri occhiolinati, spalted o altro, è davvero una benedizione. Il corpo in mogano è lasciato in colorazione natural, cosa che mi piace tantissimo e che mi lascia apprezzare le belle venature del legno.
 
Gibson Les Paul Traditional 2013 Caramel Burst
 
Quali sono dunque le sensazioni che trasmette la chitarra?
Il peso, innanzitutto: la "chiattona" si attesta intorno ai cinque chili (forse s’è leggermente asciugata in questi tre anni), e c’è da dire che si sentono tutti sulle spalle, ma è un sacrificio che si fa volentieri perché mai come in questo caso il peso le conferisce una sostanza e un suono che raramente ho ritrovato in altri strumenti del genere.
Da spenta ha un volume importante: si sente tranquillamente da una stanza all’altra e non è esattamente lo strumento che potete suonare di notte pensando di non dare fastidio a chi cerca di riposare. La chitarra vibra tutta, dal ponte alla paletta, e la senti in pancia.
Il manico è importante, grosso, riempie il palmo della mano e per me, che ho la mano abbastanza piccola, è assolutamente perfetto: non stanca mai, non risulta difficile da gestire, è molto scorrevole (la verniciatura è fatta davvero a regola d’arte) anche nei peggiori momenti di calura (e quaggiù, credetemi, fa davvero caldo). La tastiera è assolutamente priva di imperfezioni, i tasti ben posati e rifilati, il palissandro è bello compatto e "morbido" (ogni volta che cambio le corde provvedo a dare una bella sgrassata e nutrita con olio a base di limone). Le meccaniche fanno piuttosto bene il loro lavoro: a parte i ben noti problemi con il Sol (neanche così eccessivi), ho notato un miglioramento della tenuta da quando, dopo qualche mese, ho provveduto a sostituire il Tune-o-matic con un ponte roller. Sia chiaro, nulla di esoterico, ma insieme a un'incordatura fatta bene mi sembra abbia contribuito a migliorare per l'appunto la tenuta dell’accordatura, l'intonazione più precisa dello strumento e conferito un maggior sustain, oltre ad aver reso l'angolo fra il ponte e il tailpiece un po' più morbido.
Uno strumento costoso è tale anche perché risponde bene alle regolazioni che si cercano di apportare: il truss rod funziona bene e mi ha permesso una regolazione dell'action davvero confortevole e come piace a me.
Le finiture, nel complesso, sono quelle che ci si aspetterebbero da uno strumento di circa 2mila euro: il binding è messo bene sia sul corpo sia sulla tastiera, la verniciatura è davvero stesa bene in ogni punto e non vedo difetti.
 
Attaccata all'ampli, la mia Traditional è qualcosa di semplicemente incredibile. Tutto il peso, l’assenza di buchi vari, camere tonali o vasche (come nella tremenda Standard di qualche tempo fa) restituiscono ancor di più le sensazioni che suscita lo strumento unplugged: sustain pressoché infinito, suono enorme, pienezza e pulizia estrema. L’elettronica è affidata, come dicevo più su, a una coppia di pickup ’57 classic, che per l’occasione furono ridisegnati (a quanto pare) sul modello dei PAF dei tardi anni ’50. I potenziometri sono da 300, mentre due condensatori Orange drop completano il quadro, che è assolutamente tradizionale: niente scheda, niente plug in. Avendone la possibilità, feci costruire da un amico una plastica trasparente del vano elettronica, così da poterci guardare dentro ogni volta che ne avessi voglia. È bello vedere il cuore del tuo strumento!
 
Gibson Les Paul Traditional 2013 Caramel Burst
 
Dal momento che io suono prevalentemente in distorto, anche piuttosto estremo, è in questo ambito che questo strumento restituisce le migliori sensazioni: la chitarra è aggressiva, micidiale, affilata come un rasoio quando suona il '57 al ponte, pesante come un pachiderma quando accendo quello al manico, perfetto per muoversi in territori stoner.
Non ho molto altro da aggiungere, è la Les Paul perfetta, definitiva e che ricomprerei anche ora: se avete modo di trovarne una, non pensateci due minuti.
 
La prima sera che l’ho portata in sala ne ho ammaccato il binding nella zona vicino l’attacco della tracolla. Non ho dormito per tre notti ma adesso, ogni volta che sfioro quella botta, la sento sempre più mia.
chitarre elettriche gibson gli articoli dei lettori les paul traditional
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Sterling by Music Man Cutlass HSS Stealth Black
di Le Note delle Stelle
 € 409,00 
 
PRS SE STANDARD 24 CHITARRA ELETTRICA SOLID BODY TOBACCO SUNBURST STD-24 TR3-WB
di Borsari Strumenti Musicali
 € 579,00 
 
Fender Squier Classic Vibe '70s Stratocaster, Laurel Fingerboard, Black
di Centro della Musica
 € 379,00 
 
gibson les paul deluxe 1972
di Scolopendra
 € 3.600,00 
 
Greg Bennett AV3 TBL
di Generalsound SRL
 € 299,63 
 
SQUIER - Classic Vibe 60s Custom Telecaster LF 3-Color Sunburst 0374040500
di Music Works
 € 385,00 
Visualizza il prodotto
Fender Usa Custom Shop Eric Clapton Stratocaster Black + custodia rigida
di Penne Music
 € 3.399,00 
 
Eko Tero Relic Olimpyc White
di SLIDE
 € 290,00 
Mostra commenti     68
Altro da leggere
Una pentatonica per suonare Lidio
In studio con Quaini: i preamplificatori
Fender sempre più hair metal: torna la Strat HH
G2: l’inatteso progetto firmato Gibson e Gene Simmons
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Un design originale e premiato per il basso elettrico
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Visualizza l'annuncio
Gibson USA Les Paul Joe Perry Signature 19961997
Seguici anche su:
Altro da leggere
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it
L’evoluzione inaspettata della mia pedalboard




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964