HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Il ritorno di Shergold Guitars
Il ritorno di Shergold Guitars
di [user #29] - pubblicato il

Il fascino anni '70 delle chitarre Shergold torna a far parlare. La fabbrica riapre i battenti ma, più di un'operazione votata a repliche fedeli, si parla di reinterpretazione dei classici in chiave moderna e con prezzi allettanti. La notizia è dell'ultim'ora, la Masquerader è la prima arrivata e già compaiono i primi clip ufficiali per ascoltarla.
In realtà si tratta di un ritorno annunciato: poco più di un anno fa Brian Cleary, manager di Barnes&Mullins (uno dei più importanti distributori di strumenti musicali del Regno Unito) annunciò di aver raggiunto un accordo con i figli di Jack Golder per l'utilizzo del marchio Shergold che sarebbe tornato quindi a breve su una nuova linea di strumenti di puro design inglese.
Non mi dilungo su cosa abbia rappresentato la figura di Jack Golder nello sviluppo dello strumento elettrico made in UK (per chi fosse interessato posso segnalare l'articolo che scrissi tanto tempo fa a questo indirizzo), basti pensare però che per molti è l'equivalente oltremanica di Leo Fender.

Per il rilancio del marchio è stato scomodato nientemeno che James Patrick Eggle (tanto per fare paragoni, viene accostato a Paul Reed Smith) e, dopo una gestazione di diversi mesi costellata da rinvii, prototipi scartati e rimandati indietro, eccetera, la nuova linea composta da tre chitarre (con altri modelli e bassi a seguire) ha visto ufficialmente la luce il 3 Gennaio 2017.

Il ritorno di Shergold Guitars

Premetto subito che gli strumenti sono fisicamente costruiti nella fabbrica Faith a West Java, Indonesia, stabilimento che già da i natali all'apprezzata gamma di acustiche mid-price che porta lo stesso nome. Lo stabilimento - specifica l'azienda - segue i più rigorosi standard in termini di qualità di lavoro e di rispetto delle maestranze e usa legnami certificati (notizia che nei giorni del terremoto CITES fa sempre bene apprendere).



La Masquerader prende il nome dalla sua progenitrice che tanto ha contato per i fan dei Joy Division. Le linee del body (finalmente in mogano avendo abbandonato l'orrendo obeche) sono quelle, ma le analogie si fermano lì, avendo Brian Cleary specificato che non si sarebbe trattata di una operazione revival: i manici avvitati sono di solido palissandro (grazie CITES) con sfiziosi inlay in argento. L'hardware è Wilkinson di ispirazione Telecaster, i pickup sono Seymour Duncan USA, le meccaniche sono staggered autobloccanti e i battipenna sono in vera bachelite.
I tre modelli (P90+HB, SSH e SSS) hanno un prezzo che parte da circa 800 sterline. La gamma di colori è limitata ma rispecchia fedelmente quelle che erano le opzioni delle vecchie chitarre Shergold (manca però un bel natural).
Per chi fosse interessato, il sito ufficiale è a questo link.
chitarre elettriche masquerader shergold
Link utili
La doubleneck Shergold su Accordo
Sito Shergold Guitars
Altro da leggere
Pubblicità
S2 Studio: torna la 3-pickup PRS a prezzo...
KX500FF: 7-corde multiscala da Cort...
Fender sfodera lo spirito retrò con le...
Schecter nel 2018 tra retrò e super-Strat...
Pubblicità
Commenti
di Rothko61 [user #32606] - commento del 07/01/2017 ore 09:37:08
Quant'è difficile disegnare una bella paletta... :-(
Rispondi
di Pietro [user #44778] - commento del 07/01/2017 ore 09:49:26
800£ è un prezzo alto,le vedo già male nel mercato attuale inflazionato al massimo.
Rispondi
di team72filo [user #20000] - commento del 07/01/2017 ore 11:21:1
Grazie Matteo dell'info(che già mi anticipasti tempo fà),da fan dei Joy Division non posso che salutare la notizia positivamente
Rispondi
di Repsol [user #30201] - commento del 08/01/2017 ore 08:42:15
Non conoscevo queste chitarre...grazie dell'articolo.
Tempo fa mi ero appassionato delle Burns e dopo aver posseduto una Hank Marvin del '64 ho capito quanto certe chitarre possono trasmettere la loro storia. Qui in Usa, le Shergold sono introvabili...
Speriamo che la nuova produzione riesca a rilanciare il marchio, e che sia possibile trovarle in qualche negozio per vederle e magari provarle.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Formula B Super Plexi V2: british per tutti
di aleZ
Slash diventa ambasciatore con una nuova Les Paul
BIAS Delay e Modulation: pieno controllo digitale
Gibson Modern Flying V avvistata al CES 2018
Schecter nel 2018 tra retrò e super-Strat
I più commentati
Slash diventa ambasciatore con una nuova Les Paul
Gibson Modern Flying V avvistata al CES 2018
Formula B Super Plexi V2: british per tutti
di aleZ
Schecter nel 2018 tra retrò e super-Strat
Fender sfodera lo spirito retrò con le American Original
I vostri articoli
Ibanez Elastomer: plettri in gomma?
Duesenberg Starplayer Special
Jim Reed PRS-style: da brutto anatroccolo a chitarra laboratorio
Fender 51 Nocaster Pickup Set: per me il migliore
PAF originali e repliche moderne: quale pickup scegliere?
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964