HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Storia di una Stratocaster fai-da-te
Storia di una Stratocaster fai-da-te
di [user #46170] - pubblicato il

Quando si comincia ad assemblare una propria chitarra elettrica, non sempre si ha un'idea esatta di come apparirà alla fine, ma il più delle volte sarà una bella sorpresa, per l'esperienza accumulata quanto per la consapevolezza nei confronti dello strumento e di chi ne costruisce per lavoro.
Eh sì: prima o poi, quasi sempre la GAS bussa alla porta, e quest'estate purtoppo (ma più per fortuna) la porta in questione era la mia.
Piccolo preambolo: suono la chitarra da otto anni e il mio parco strumenti è sempre stato quello che è, almeno finora (poi ci arriviamo). Si può definire il giusto parco chitarre per uno strimpellatore da appartamento: la mia prima chitarra, una Ibanez GRX, tostapane da battaglia, una Cort TS250 che vuole imitare - e lo fa anche discretamente bene - una Les Paul e una Cort L300V, acustica molto rispettabile che si rifà alle Martin. Insomma, niente di che, però il tutto tenuto in maniera maniacale.

Tornando alla GAS: tutto comincia in un pomeriggio estivo, il classico pomeriggio in cui si molesta il vicino con un giretto di blues in sottofondo e qualche solo improvvisato.
La base in questione era Little Wing, nella versione di Stevie Ray Vaughan. Chiaramente non è nelle corde di una imitazione di un Les Paul. Fattibile sì, ma ci manca un qualcosa.
Scatta la molla: mi manca un suono!
Qui inizia la storia, quindi mettetevi il signore prima citato in sottofondo e buona lettura.



Nel giro di trenta secondi sul mio browser sono aperte una dozzina di schede di mercatini dell'usato, negozi vicino alla mia zona e videorecensioni, tutte riguardanti una sola cosa: la Stratocaster.
G&L, Fender messicane, Fender giapponesi, Squier Classic Vibe, Squier JV, gente che vende chitarre del 2003 convinta siano pezzi vintage e chi più ne ha più ne metta.
Mi impongo un budget di 700-800 euro e inizia la ricerca. Titubante per il nuovo (c'è chi elogia le messicane, ma c'è anche chi conferma la discontinuità con cui escono chitarre buone dalla casa) e titubante per l'usato (non si sa mai sia appartenuta a una persona che ogni cambio stagione faceva fare un bel 960° al truss rod, magari mi rapiscono per gli organi, magari disturbo e così via), finisco per buttare gli occhi su un sito americano chiamato Warmoth.
Prezzi buoni, buone recensioni, ma su un ordine di 400 euro ce ne volevano altri 200 tra spedizione e dogana, di conseguenza bocciato.
Faccio la follia e commissiono più o meno allo stesso prezzo un body e un manico a un sito italiano di cui su internet non si ha il benché minimo feedback: Gianand.com.

"Tanto che ce vole a fasse 'na chitarra!? È come i lego"

Passa un mese e mi arrivano i tanto sognati pezzi: corpo in tre pezzi di alder con delle belle venature (cosa che avevo chiesto tramite facebook a un ragazzo gentilissimo e molto disponibile, Andrea), manico in acero e tastiera in palissandro con tasti jumbo.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Tutto perfetto: il manico calza a meraviglia e in più mi vengono regalati un plettro e un capotasto, tiè!  E qui faccio i complimenti e lascio un feedback positivo a Gianand.
Nel contempo mi arrivano le meccaniche, il battipenna eccetera da un altro sito di ricambi per chitarra. Per i pickup decido di guardarmi ancora in giro.

"Mo' ce se diverte"

Inizio montando il tutto per sentirla cantare e perché, francamente, non aspettavo altro da un mese.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Tutto perfetto, si strimpella da dio, però bisogna smontare il tutto e cominciare a tingere.
Per le vernici avevo optato per qualcosa di veloce e semplice ('na parola) che perdonasse gli errori di un caciarone come il sottoscritto: tinta fatta con le aniline e lucidatura con la gommalacca. Per il manico ci affidiamo al Tru-oil.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

In questi giorni mi faccio un'idea su quali pickup prendere e li trovo online: Lollar Vintage Blackface, usati, perché ormai siamo poveri. Dalla Russia invece mi arrivano dei cap PIO.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Dopo una boccata d'aria tossica, che non ce lo facciamo un bell'aerosol con lo stagno?

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Finiti tutti questi lavoretti ecco il risultato finale, però parziale.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Ora ho una chitarra mia , come volevo io, con la certezza che nessuno abbia fatto fare una ventina di giri al truss rod. Maddeché?
Dopo qualche mese mi trovo, in un video di un canale YouTube abbastanza noto, una Stratocaster bianco vintage e ne vengo rapito.
"E che famo? Non la riverniciamo? Tanto, che ce vo'?"
Le risposte a questa domanda erano due, togliendo la remota possibilità di rimanermene con le mani in mano:
1- mano al dindarolo e si fa riverniciare da uno coi contromeloni
2- famo il Tonio Cartonio (o Giovanni Muciaccia) della situazione e ce la facciamo da noi. La mia testa e il mio cuore, non volendo rovinare la chitarra e non volendo rischiare di combinare un pasticcio, mi portano a scegliere la... Due. Sempre in seno alla filosofia del: "Tanto, che ce vo'?"

Non avendo a disposizione compressore tantomeno i fondi per acquistarne uno, acquisto delle bombolette alla nitro da un sito inglese specializzato, fatte proprio per le nostre amate asce.
Via di carteggiatura, maschera, guanti e ganci e si ricomincia a improvvisarci liutai.

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Finisco il tutto in qualche giorno, tra primer, colore e trasparente, le plastiche immerse nel caffè per ingiallirle, rimonta tutto e risalda tutto.
Guardo la mia creatura e...

Storia di una Stratocaster fai-da-te

... toh, è venuta anche bene!
Amore a prima vista, a primo tatto, e mi ritrovo una chitarra che non darei via nemmeno per una Fiesta Red del '61.
Tornando indietro, comprerei mai una chitarra nuova di pacca o usata? No.
Con questo articolo non voglio screditare queste due opzioni, non tutti hanno il tempo e la voglia di cimentarsi in un lavoro del genere, tantomeno voglio sminuire il lavoro dei liutai (dal quale andrò per effettuare il plek in ogni caso) che saranno inorriditi dal lavoro spartano che ho compiuto, ma anzi apprezzo e al contempo invidio sinceramente il loro lavoro. Perché tutto sommato i legni erano già tagliati, il risultato finale è sì bello, ma non sarà mai a livello professionale. Io sono un pasticcione, non un liutaio.

Tirando le somme però ho passato del buon tempo, per un attimo mi sono sentito Leo Fender, ho trovato una cura per i cattivi umori ma, più importante, finalmente mi ritrovo la tanto desiderata Strat e il suo suono unico. E ora, cari colleghi, posso tornare a molestare il vicino sulle note di "Little Wing".

Storia di una Stratocaster fai-da-te

Il lavoro è costato in tutto sui 900 euro. Circa 380 per i legni, 250 per i pezzettini e pezzettelli, 200 i pickup e 45 le vernici.

Pezzettini e pezzettelli:
- potenziometri da 250k, due logaritmici e un lineare
- condensatore paper in oil da 0,1 microfarad
- 5-way switch con il relativo tappino bianco finito nel lavello durante lavori di ingiallimento delle plastiche (RIP)
- meccaniche gotoh modello che se percuoti non fanno né "ding" ne "DIIIING", però risuonano bene
- fili in stile vintage clothed 22AWG
- battipenna tre strati cinese che costa poco.

Cosa non rifarei:
- i pot logaritmici li cambierei per quelli lineari
- i "tuner" anche detti "cosetti che girano per accordare" li ho montati abbastanza di corsa e con pochi materiali a disposizione, quindi una boccola non è entrata perfettamente dritta e di conseguenza una meccanica non è perfettamente in linea
- prenderei cavi esclusivamente neri e bianchi, senza dover fare una palette colori come nel mio caso e senza necessariamente prenderli abbastanza lunghi da coprire il tragitto da casa mia alla bottega del liutaio.
chitarre elettriche fai da te gianand gli articoli dei lettori stratocaster
Link utili
Gianand
Altro da leggere
Pubblicità
Fender Stratocaster FSR '60 Japan...
La folle chitarra a 17 corde di Jared Dines...
Boutique Guitar Showcase: il meglio della...
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton...
Pubblicità
Commenti
di Repsol [user #30201] - commento del 22/01/2017 ore 08:05:59
Bravo, bell'articolo e bella chitarra..ma come saprai certamente anche tu, non è finita qui ;-)
Quella chitarra è destinata a cambiare, tante e tante volte..fino a quando tu non avrai capito cosa veramente stai cercando.
Ed è giusto così, gli strumenti si cuciscono addosso, si cambiano e si trasformano a seconda delle proprie esigenze...buon viaggio
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 12:10:25
Grazie mille Repsol! Credo proprio sarà un bel viaggetto :) magari tra qualche anno me la ritrovo con un bel relic e un accenno della vecchia finitura che spunta da esso!
Rispondi
di nanniatzeni [user #24809] - commento del 22/01/2017 ore 08:28:32
Io l'avrei lasciata marrone,era già perfetta!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 12:29:36
Il marrone sotto é rimasto, la vernice é nitro.. Magari un giorno mi fa un bel relic due strati in stile custom shop :'D
Rispondi
di tormaks [user #26740] - commento del 22/01/2017 ore 08:52:45
Quoto Repsol! Come minimo accorcerai la cablatura e sono sicuro che per quella meccanica non ci dormi la notte ,ancora, non vedo lunghissima vita al battipenna cosi come e' ......quella non l'fai messa nel caffè?
Complimenti per la chitarra e l'articolo.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 12:04:41
I cavi son da portare dal parrucchiere già :)), il battipenna é stato lasciato di proposito così, fa contrasto e mi piace molto! Le meccaniche sono oneste e vanno bene, forse prenderò delle selette in ottone in futuro
Un saluto!
Rispondi
di MM [user #34535] - commento del 22/01/2017 ore 10:01:53
Bravo, per mio gusto come l'hai fatta al secondo giro è molto bella. Ma non era male nemmeno marrone.
Se permetti manca solo una cosa, indispensabile, uno straccio di logo tuo sulla paletta.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 12:00:42
Il logo è in lavorazione, diciamolo così.. Non voglio un clone fender e il resto delle decal sono abbastanza pacchiane purtroppo :/
Rispondi
di ndrecchia [user #43094] - commento del 22/01/2017 ore 10:02:00
questo si registra al sito pochi giorni fa, scrive un solo articolo e linka un sito commerciale con la scusa di presentare il proprio lavoro. Che casualità...
Rispondi
di tylerdurden385 [user #30720] - commento del 22/01/2017 ore 10:37:41
Alla fin fine ha nominato almeno altri 4 brand e comunque da qualche parte la roba bisogna comprarla. Tra l'altro non è la prima volta che si nomina il sito in questione, che è pure italiano, perciò non ci vedo niente di male.
Rispondi
di Tanocaster [user #28785] - commento del 22/01/2017 ore 11:10:25
Combloddo!!1!1
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 11:52:14
Ti assicuro che "questo" non trae alcun profitto dal sito in questione. Semplicemente "questo" ha pensato che chi come me vuole cimentarsi nel fare un proprio strumento non abbia 200 euro o più da dare via in sdoganamento.. non avendo il sito in questione (come già detto) il benché minimo feedback mi sembrava corretto citare chi ha compiuto un buon lavoro ad un prezzo onesto.
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 22/01/2017 ore 11:55:40
E hai fatto bene, a me sei stato molto utile :)
Rispondi
di bluesfever [user #461] - commento del 22/01/2017 ore 18:13:2
Ma perchè non ne discutete davanti a un bel bicchiere di vino?
Rispondi
di luciomark [user #41297] - commento del 22/01/2017 ore 11:04:33
Io avendo 900, 1000 euro da spendere per una Stratocaster, beh, siffredi! correrei subito in negozio a comprarmene una "vera", con tanto di logo " Fender Stratocaster American Standard", cosa assolutamente fondamentale! XD. Almeno io la penso cossiga! Poi...ognuno e' libero di fare come siffredi gli pare...
Anche a me piace molto trafficare con manici e body, etc...ma i pezzi che uso io fanno parte di chitarre economicissime cinesi, non metterei mai mano personalmente su pezzi cosi' costosi, essi' che sono 38 anni che suonicchio la chitarra.-
Bellissima la Stratocaster (quella col palettone alla Jimi o alla Ritchie). Siffredi!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 11:57:
Ciao Luciomark, ti assicuro che prima di ordinare il tutto sono stato molto titubante, specialmente contando che c'erano un paio di jv del 63 e che tutto sommato avrei pagato e suonato il momento dopo.. Però a risultato finito e chitarra in mano non vedo cosa possa invidiare ad una chitarra del genere :)
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 22/01/2017 ore 11:59:58
Probabilmente con 900-1000 euro farei lo stesso... Anzi no, metterei da parte un centone extra e me la farei fare da uno dei bravi artigiani amici accordiani! Jack, Mehari... Un compromesso si trova :)

Con 900 euro, purtroppo, ormai si prende una messicana nuova in negozio... Quindi comprendo bene la scelta di volersi divertire a farsela da se con componenti scelti e di qualità :)
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 12:23:4
Capisco quel purtroppo, 900 euro son tanti per una messicana, figuriamoci 1100/1200 per una american standard costruita da messicani in America ;)) purtroppo, per come la vedo io, ci possono essere messicane che suonano da custom shop e american standard (ormai professional) che suonano da cinesi, girare per negozi e provare questa convinzione al negoziante l'ho reputato imbarazzante, senza contare che per la stessa convinzione sarei probabilmente uscito dal negozio per visitarne un'altro ripetendo il loop diverse volte. Stesso discorso dai privati. Sarò bacato io, ma entrare per provare soltanto in un negozio è una cosa che mi fa sentire in colpa.
Buona giornata!
Rispondi
di aleck [user #22654] - commento del 22/01/2017 ore 12:47:27
Devi salire ancora... Le American Standard non esistono più e le nuove American Professional in negozio viaggiano per i 1400!

Comunque è vero, la chitarra che suona si trova e se la trovi non c'3 da farsela scappare! Però non è detto che la si trovi :) anche io, potendo, preferisco l'acquisto in negozio, però devo dire che con Fender è sempre più difficile: le chitarre "da urlo" che valgano la spesa non è detto che capitino anche girando 3 o 4 negozi, al contrario la possibilità di prendere una chitarra so-so è piuttosto alta. Per 900-1000 euro pretendo altri standard :) Qualche anno fa partii per prendere una Fender ma dopo un paio di mesi di ricerche e prove finii per prendere una Gibson: l'unica Stratocaster che mi piaceva, che valeva la spesa extra rispetto a una banalissima Classic Vibe, in negozio la vendevano a un prezzo fuori dal mondo "perché mica suona come quelle degli altri negozi"...

Poi il negozio è ovviamente una scelta rispettabilissima :) volevo dire solo che comprendo chi si avventura per altre vie... Cercare la giusta Fender può essere frustrante certe volte!

Buona giornata e buona musica anche a te!! :)
Rispondi
di lollofunky [user #15563] - commento del 22/01/2017 ore 13:27:47
bell'articolo bella chitarra, io presto mi cimentero' (con l'aiuto del babbo) nella costruzione di una cabronita...meglio assemblaggio :)
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 13:46:10
Auguri per la tua prossima chitarra allora! Se dovessi acquistare meccaniche tipo goto ti consiglio di cambiare le viti che vengono con il pacco, essendo l'hard ash un legno Molto più duro dell'ontano(alder).
Saluti Giraffa
Rispondi
di luciomark [user #41297] - commento del 22/01/2017 ore 13:29:38
Io la pagai 500 euro, una Messicana! Ed era anche mollto bella, una black, simile alla blackie di Clapton ed infatti ora mi pento di averla permutata dopo un anno. Ma sono contento perche' la permutai con una Inabez artcore da Jazz, permutata pure lei e pure di lei pentito, XD, ma forse non troppo, perche' alla fine l 'ho permutata con una Ibanez acustica Jumbo serie Sage e questa non ci penso proprio a permutarla visto che e' l' acustica che suono di piu' e che prendo piu' spesso in mano!
Beh, forse per il prezzo delle precedenti non conveniva, ma nessuno fa niente per niente; risultato permute a scalare: Strato Mexico, euro 500--->Semiacustica Ibanez AF75 euro 350---->Jumbo Ibanez Sgt130 euro 130!
Vero che la strato e soprattutto la semiacustica saliranno di prezzo nel tempo (infatti sono saliti) ma il fatto e' che erano strumenti che non prendevo quasi mai in mano, mentre la Sgt la suono ogni giorno o quasi...
Per la cronaca, qui su Accordo, c'e' anche un articolo di qualche anno fa sulla Jumbo SGT130 di cui parlo.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 13:55:16
Eh eh 500 euro adesso ti danno le meccaniche :S poi a mio avviso, il vintage vero non esisterà più, negli anni 60 nessuno sapeva che mantenendo una strato sarebbe diventato proprietario di un patrimonio.. Stessa cosa noi, però il metodo di produzione è cambiato e gli artisti o hanno delle custom shop o per l'appunto degli strumenti che risalgono alla prima metà del 60 (SRV, Sayce, Mayer e così discorrendo).. Nessuno usa delle standard recenti, al massimo delle signature, ma siamo sopra i 1500 e comunque sempre prodotte in serie :/.. Aspetto soltanto di vedere un balzo di prezzo per gli strumenti con tastiera in palissandro
Rispondi
di Jumpy [user #1050] - commento del 22/01/2017 ore 13:58:31
Il fascino, l'appagamento e la soddisfazione di costruirsi da soli il proprio strumento deve essere qualcosa di impagabile.
Anche se da alcuni dettagli e dalla qualità globale del lavoro, ho il sentore che il tocco del liutaio in qualche passaggio più delicato ci sia stato (meccaniche non perfettamente allineate capitano a volte anche a strumenti di negozio :P ), andrebbe portato in conto anche questo.

Però... però... a cercare in rete trovo delle Mexico anche a 650 e con circa 900 prendo una Lonestar... suoneranno "da cinesi"? E' da sentire :)
Sono del parere che, puntata una chitarra, si va in negozio e si prova, mi sembra il minimo visto che si parla giù di una certa somma da spendere.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 14:54:4
Guarda il tocco del liutaio è e rimane il tocco del liutaio :) d'altronde di listino una simil strato non costa 900 euro! Questo perché gli errori che un principiante può commettere, li hanno commessi anche loro a care spese. Per il discorso negozio: È e rimane un mio limite, mi sento a disagio! Sarà che per provare un wah il negoziante lo teneva in mano senza farmi sentire il range.. Risultato : ho un wah da 110 euro che non mi soddisfa
Dall'altro lato della medaglia, a Padova ho acquistato una chitarra in un botteghino, proprietario super disponibile e un personaggio interessante, mi fa provare tutto quello che voglio e persino si unisce a me.. Due appassionati insomma. Risultato: pago volentieri quei 60/70 euro in più rispetto al listino, altri 60 di custodia e 12 di corde, ritorno li ogni volta che posso e mi regala una mezz'ora di chiacchiere. Fossi rimasto a Padova probabilmente avrei considerato l'acquisto di uno strumento nuovo :)
Sarà compito del venditore rendere piacevole e addolcire una spesa, che spesse volte, corrisponde a mezzo o ad uno stipendio intero.
Buona giornata!
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 22/01/2017 ore 23:01:26
A Milano le strato mex le trovi a quel prezzo nei migliori negozi e le puoi pure provare. Nuove. Con 900 euro trovi usato perfetto made in USA se non nuovo in negozio. 900 euro di materiali sono troppi per giocare a fare il liutaio , per me.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 23:20:43
Se fosse stato un gioco sarebbe venuto fuori un giocattolino.. I legni sono stati fatti su commissione, di conseguenza sui fori, sulle misure, il lavoro è stato riservato a gente esperta. Ma facciamo due conti.. Quanto mi costa la scritta sulla paletta? 900 euro con dei pickup prodotti in serie, non hand wired, probabilmente il body sotto qualche millimetro di vernice (POLI) sarebbe sembrato un puzzle,
Il tremolo a 6 pivot fender messicano è famoso per non tenere l'accordatura, i capacitori sono ceramici , i pot puntati al risparmio.. E così via.. Questo per dire che se uno vuole il nome sulla paletta, con il medesimo budget ha uno strumento non in linea con il valore della componentistica al suo interno.. La chitarra dell'articolo dal punto di vista prettamente economico non ha valore sul mercato dell'usato, nessuno lo comprerebbe, manco io! Ma suvvia, se volevo giocare compravo un kit da guitar fetish :) !!
PS: ho visitato il tuo soundcloud e complimenti per la mano!

Giraffa
Rispondi
di JoeManganese [user #43736] - commento del 23/01/2017 ore 03:51:05
Se uno - come te - ha le idee chiare, è competente e pure capace manualmente ben oltre la media (ben oltre..) allora ha senso. Per tutti gli altri la vedo grigia. Già scegliere il materiale..
Rispondi
di zabu [user #2321] - commento del 22/01/2017 ore 16:31:07
Complimenti, sembra veramente un lavoro professionale! La verniciatura (che e' forse una delle parti più difficili) ti e' riuscita veramente bene. Una curiosità: nell'articolo non c'è menzione della rettifica dei tasti. Non hai avuto necessita' di farla? Anche il capotasto l'hai installato direttamente senza dover limare le sedi?

Sul discorso dell'assemblato contro l'acquisto di un prodotto industriale se ne e' discusso tantissimo. Io ritengo che il bello dell'autocostruzione sia la soddisfazione nel creare qualcosa di personale e questo sicuramente non ha prezzo. Per quel che riguarda gli altri aspetti (convenienza, scarsa qualità dei prodotti Fender etc.) sono poco convinto.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 16:42:54
Il lavoro alla sede del capotasto era già stato fatto a quanto pare, per il capotasto stesso idem, le sedi delle corde erano già state fatte e essendo uno che predilige una action piuttosto elevata, mi ci sono trovato bene e l'ho lasciata invariato. Il merito della verniciatura credo vada ad alcuni accorgimenti e alla qualità della vernice.. Magari è solo la fortuna del principiante :))
Rispondi
di zabu [user #2321] - commento del 22/01/2017 ore 16:54:53
Se suoni con un'action alta effettivamente non hai avuto bisogno di fare un lavoro di fino sui tasti. Complimenti ancora e buone suonate!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 17:59:5
Per i tasti e il capotasto mi affiderò comunque ad una mano esperta,o meglio , alla fresatrice di plek... Non appena il portafogli si riprenderà da questa (brutta, per lui) esperienza.
Rispondi
di luciomark [user #41297] - commento del 22/01/2017 ore 20:55:2
Comunque avevo dimenticato di farti i complimenti, che e' doveroso farteli, anche perche' sei davvero delizioso e per niente "uno che se la tira", ne' condivido l' appellativo con cui forse troppo precipitosamente qualcuno ti ha appellato prima, cioe' "questo" XD. Poi volevo correggere il prezzo della mia acustica, permuta finale di cui parlavo prima che era di 180 euro, non 130, come ho sbagliato a scrivere.. Infine, da quel che mi dite, davvero mi pento di aver dato via la mia Classic '50 Mexico black, anche perche' son sicuro che il negoziante abbia realizzato due volte l' affare...
Comunque io l' avevo pagata in 5 mesi, 100 euro al mese, eheheh...il vantaggio di frequentare un negozio da trent' anni!
Ma niente di male, tanto se un giorno desiderero' una vera Strato, la cerchero' ad Alberto! Che ne ha tante e che sicuramente me la regalera', tanto lui ...che se ne fa?!? Ahahah! :-D
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 22:07:44
Ti ringrazio tanto, molto gentile! Se ti dovesse arrivare l'ispirazione per prendere una strat, posso solo che consigliarti di buttare un occhio sulle vecchie squier JV 82-84 , su carta valgono più delle mexico e gira voce che siano stati utilizzati pezzi che la fender riservava qualche anno prima alle standard.. Da qui "JV = japan vintage" :) c'è un canale youtube (JVstratocaster) con alcuni video demo che ti fanno spalancare la bocca! Alla prossima e grazie ancora!
Rispondi
di luciomark [user #41297] - commento del 23/01/2017 ore 19:16:23
Grazie a te per la segnalazione del canale! Ci vado subito. XD
Rispondi
di JFP73 [user #29480] - commento del 22/01/2017 ore 23:07:15
Io, non avendo manualità, me la sono fatta fare. È un'esperienza unica
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 22/01/2017 ore 23:27:32
Ti assicuro che di manualità non ne serve poi chissà quanta :) che chitarra ti sei fatto fare?
Rispondi
di JFP73 [user #29480] - commento del 23/01/2017 ore 08:01:1
Tele in frassino e tastiera in acero col p90 al manico
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 14:32:3
I p90 hanno un suono fantastico sopratutto al manico.. Cosa che volevo valutare di mettere nella Cort! Saluti
Rispondi
di Benedetto [user #41804] - commento del 23/01/2017 ore 05:36:05
Ho capito che hai speso 9 piotte, te sei intossicato di vernice e robaccia varia e alla fine ti ritrovi una chitarra alla "volemose bene"!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 23/01/2017 ore 05:38:56
Veramente volevo lasciar intendere il contrario :)
Rispondi
di BBSlow [user #41324] - commento del 23/01/2017 ore 09:44:54
Per prima cosa ti faccio i complimenti per il lavoro, perché chiunque si metta a realizzare una chitarra è meritevole di elogi, quale che sia il risultato. In questo caso, poi, sembra anche venuta bene, quindi complimenti doppi.
Mantengo, tuttavia, delle perplessità. Il costo dell'operazione, alla fine, è pari a quello di una buona Strato usata, e se ne trovano diverse anche a meno. Considerando che manca anche il passaggio dal liutaio (che non sarà gratis), alla fine spendi una cifra non proprio irrilevante per uno strumento che ti da un sacco di soddisfazione personale (più che giustificata), ma che dal punto di vista strettamente tecnico-musicale, per quel poco che ne capisco io, non offre un "di più" rispetto a una chitarra di serie.
Poi, oh, ognuno agisce come crede, io spendo soldi in modi che tante persone considererebbero infantili o inutili, chi si fa una chitarra almeno fa una cosa buona. :)
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 23/01/2017 ore 12:37:51
Grazie per i complimenti :) è stato un capriccio dispendioso ma molto gratificante! Oltretutto quando uno acquista una chitarra, non la fa lo stesso la puntata dal liutaio?
Rispondi
di lospilung [user #18940] - commento del 23/01/2017 ore 10:56:56
Complimenti gran bel lavoro!! pero' visto quanto si fatica per riverniciare quasi quasi ordinavo altri pezzi...se uno mette in conto che comunque sulle Fender quasi sicuramente e' da ricomprare il ponte o, per lo meno il blocco di contrasto, con altro notevole salasso del portafoglio,magari i pu non ci convincono etc etc..direi che 900€ non sono pochi ma nemmeno un esagerazione
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 23/01/2017 ore 12:32:31
Ben detto! Qualcuno ha capito che in ogni caso anche su uno strumento nuovo ci sono delle spese che prima o poi, per necessità o per gas, si affrontano.
Buona giornata!
Rispondi
di tigerwalk [user #26344] - commento del 23/01/2017 ore 12:48:59
Ben fatto, mi sto cimentando proprio in questo momento con la stessa situazione. Ho ordinato manico e corpo da un fornitore italiano, l'hardware sempre da un altro fornitore italiano, l'elettronica da un noto sito tedesco e i pickups sono di un ottimo artigiano italiano. La vernice nitro l'ho presa da un sito italiano per forniture di carrozzeria. Ho visto che ci piacciono gli stessi colori. Anche la mia ha manico in acero e tastiera in palissandro ed il colore del body sarà identico al tuo.
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 23/01/2017 ore 12:51:20
Facci vedere come viene poi:)! Vedrai alla fine come ti invoglia a suonare avere uno strumento diy!
Rispondi
di screamyoudaddy [user #37308] - commento del 23/01/2017 ore 15:44:54
Bel lavoro, ricorda la mia strato "blonde" anni 80. Ma davvero costano tanto le fender adesso? Fortuna che la mia la presi in lire xD
Ti consiglio di provare i TBX per i toni (messi per entrambi) e il treeble bleed per il pot volume in modo che non rubi gli alti rollato indietro ;)
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 11:51:26
Eh si! Sono salite di prezzo e vediamo ora che influenza avrà Donaldo Tromba sui prezzi delle americane! :))
Rispondi
di gianmariagrasso [user #41217] - commento del 23/01/2017 ore 18:43:40
Complimenti, la verniciatura alla nitro è venuta decisamente bene! Io ho fatto più o meno lo stesso con una telecaster e non me ne sono pentito per nulla..Aggiungo che leggere della boccola storta mi ha fatto sorridere e sentire meno solo dato che ho avuto lo stesso identico problema !
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 11:49:2
Ah ah le boccole! Mi sono odiato per essere stato frettoloso!
Rispondi
di fla72 [user #29005] - commento del 24/01/2017 ore 11:04:27
...mi sento di dover mettere al corrente gli Accordiani che i siti citati, sopratutto per i legni, sono quanto di più costosi si possano trovare sulla Terra! ...altro che Warmoth! ...nel corso del tempo su accordo.it sono stati citati ed anche recensiti parecchi siti, bastava andare un pò indietro per trovare materiale ottimo a prezzi onesti!...anche una semplice ricerca con GOOGLE avrebbe portato a professionisti sia italiani che europei più economici!
...anche io sono sempre preso da GAS per assemblarmi la chitarra che sarà la definitiva..(ehh!)..ed è tempo che raccolgo info per questo motivo ( ..sarà che sono mancino e quindi da comperare c'è veramente poco se non ti accontenti o hai il portafogli di gomma!).
Complimenti pr il lavoro ... per quello che hai speso fattela piacere...costa come una "Custom Shop" usata!
..ma un biglietto per New Jork e comperare una Fender lì no?!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 11:48:26
Ciao fla72! Mi permetto di dissentire.. I prezzi delle custom shop navigano dai 700 ai x euro in più rispetto a quanto ho pagato io.. Mentre per i legni ho preferito non fidarmi dei vari allparts per alcune recensioni negative lette per l'appunto su Google
Rispondi
di gibsonmaniac [user #21617] - commento del 24/01/2017 ore 14:11:32
Se trovassi una Custom Shop USA usata in condizioni buone fammelo sapere perche' a meno di 1800 euro io non ne ho mai viste, per quello che riguarda Warmoth per curiosita' ho fatto una verifica: un body ed un manico gia' con tasti e capotasto da verniciare costano piu' o meno lo stesso di quello che li ha pagati il nostro amico, la differenza e' che se vuoi acquistare da Warmoth devi aggiungere spese di spedizione e tasse di importazioni.
Va bene essere critici ma esserlo a tutti i costi con informazioni errate e senza ragione non lo capisco.

Rispondi
di MM [user #34535] - commento del 25/01/2017 ore 12:26:50
Stavo per scrivere la stessa cosa che ha scritto gibsonmaniac qui sopra.
Non diamo informazioni errate, che poi la gente ci crede.
Il fornitore utilizzato dall'autore dell'articolo ha prezzi più che onesti.
Poi che in italia ci sia qualcuno che faccia anche un po' meno può essere, ma poi il prodotto sarebbe da confrontare bene... per esprimersi a favore di uno o dell'altro.
Ma dire che "sono quanto di più costosi si possano trovare sulla Terra" mi sembra assolutamente non vero.
Rispondi
di fla72 [user #29005] - commento del 24/01/2017 ore 13:53:57
Ciao a te!
....non intendo fare critiche sulla tua scelta...ma per farsi fare body e manici, chitarre intere custom ecc. ci sono professionisti tipo chitarrecomponemti.it o .guitarbuild.co.uk , tanto per fare due esempi, che costruiscono opere d' arte con legni di prima scelta a prezzi decisamente più bassi del Sito che citi te.
Io , come ho detto, da mancino nutro anni di ricerche ed esperimenti!
Con questo non voglio screditare le tue scelte, solo mi chiedo, perché hai scelto un costruttore senza recensioni , a prezzi alti per di più, quando i soliti noti , non quelli che ti ho scritto ma brand internazionali , ti avrebbero garantito qualità sicura a prezzi pressoché uguali?.. comunque ormai è andata...e scegliere è un diritto inalienabile.. quindi..Buona musica a te!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 14:09:10
Ad esempio, mea culpa, non conoscevo il sito che hai appena linkato, anche se i manici da quel che vedo partono da 300 STERLINE :) però ci tenevo che il manico e il body fossero realizzati dalla stessa persona, non volendo lavorare sul socket del manico!
Rispondi
di fla72 [user #29005] - commento del 24/01/2017 ore 14:12:18
..ma ci mancherebbe..se sei soddisfatto sono solo contento per te! Un saluto ! Rock 'n roll!
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 24/01/2017 ore 14:26:14
Un saluto anche a te! :)
Rispondi
di guitarhero81 [user #7159] - commento del 25/01/2017 ore 14:08:17
il risultato da quanto vedo è molto buono! ovviamente il tuo sfizio è stato abbastanza costoso secondo me. con un 900€ come già detto sopra ti prendi una buona stato USA usata. Anch'io mi sono lasciato tentare spesso da Gianand che fa prodotti di ottima qualità però non è economico. Avevo anche guardato corpi e manici su amazon provenienti dalla cina a prezzo più basso una 30€ per il manico e altrettanti per il corpo anche se poi a conti fatti conviene comprare una harley benton e fare un upgrade la.
Rispondi
di superloco [user #24204] - commento del 08/02/2017 ore 11:49:04
bravo, bene ma come suona ? ci metti un video...
Rispondi
di GiraffaSonica [user #46170] - commento del 21/03/2017 ore 21:31:09
Un po' in ritardo, ma ho fatto un piccolo demo : vai al link

Rispondi
di superloco [user #24204] - commento del 22/03/2017 ore 08:46:14
non male.... leggermente metallica ma forse è dovuto alla ripresa microfonica
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton torna in vendita
Come riparare un potenziometro rumoroso
Il Russian Big Muff è tornato
Guild M240E, concert pronta a tutto
Boutique Guitar Showcase: il meglio della liuteria si raduna in Italia
I più commentati
Il rimpiazzo della Blackie di Eric Clapton torna in vendita
Sonarworks Headphone Calibration software: siete pronti a mixare in cuffia?
Guild M240E, concert pronta a tutto
Microfonare la chitarra: scegliere il microfono e come posizionarlo
Come riparare un potenziometro rumoroso
I vostri articoli
Fender Stratocaster FSR '60 Japan
Un'acustica made in Texas: Jamie Kinscherff High Noon
Quattro effetti per rubare il lavoro al tuo tastierista
di aleZ
DiMarzio Chopper S
Le chitarre di Keith Richards al No Filter Tour 2017
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964