CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
Il tuo primo trattamento acustico fai da te
di [user #45705] - pubblicato il

In questo articolo spiegheremo perchè trattare acusticamente il nostro home recording studio e daremo qualche consiglio per realizzare un trattamento acustico "fai da te" contenendo le spese.

A cosa serve il trattamento acustico dello studio
Uno dei problemi che più affliggono chi mixa o produce nel suo home studio è l'acustica non perfetta delle stanze, la maggior parte delle volte molto piccole. Senza addentrarci nella teoria dell'acustica delle stanze, che richiederebbe qualche anno di studio,  possiamo riassumere i problemi principali:
  • il posizionamento non corretto dei monitor
  • le riflessioni derivanti dalle pareti
  • le basse frequenze fuori controllo
Per prima cosa bisognerebbe cercare di posizionare i monitor dello studio in modo corretto: i 2 monitor e la testa dell'ascoltatore devono creare un triangolo equilatero, come nella figura qui sotto e il tweeter del monitor deve essere alla stessa altezza dell'orecchio dell'ascoltatore e rivolto verso di esso.

Il tuo primo trattamento acustico fai da te

Come potete vedere nella figura qui sotto il suono ci arriverà direttamente (frecce verdi) dai monitor e dalle riflessioni create dalle pareti (frecce rosse). Questo suono riflesso arriva in ritardo rispetto al primo e crea un effetto di somma e cancellazione di fase che non ci permette di capire esattamente cosa succede nel nostro mix.

Il tuo primo trattamento acustico fai da te

Con dei pannelli fonoassorbenti posizionati nei punti di riflessione possiamo fermare il suono che arriva dalle pareti in modo da poter udire solo il suono diretto dei monitor. Le stesse riflessioni arrivano anche dai soffitto, per cui bisogna applicare dei pannelli fonoassorbenti anche sul soffitto nell'area tra i monitor dello studio e l'ascoltatore.

Il tuo primo trattamento acustico fai da te

Per quanto riguarda le basse frequenze il discorso è più complesso: il problema è la riproduzione delle frequenze medio basse e basse nelle stanze di piccole dimensioni. Si possono calcolare precisamente le frequenze problematiche oppure applicare dei bass assorber standard in punti strategici della stanza per minimizzare i problemi.

Trattamento acustico DIY

Premettendo che questo metodo non sostituisce il lavoro di ingegneri acustici professionisti e dei kit più performanti che si trovano in commercio, possiamo cominciare a costruire un trattamento acustico di base per iniziare a trattare la nostra stanza, con una spesa abbordabile. I risultati con qualche piccolo accorgimento possono essere ottimi!

Di cosa abbiamo bisogno:
  • Assi di legno di spessore 5 cm x 2cm (lunghezza e numero variabile in funzione di quanti pannelli costruire)
  • Pannelli di lana di roccia (Rockwool, densità 40 Kg mc)
  • Tessuto-non-tessuto (TNT)
  • Stoffa per coprire il pannello
  • Chiodi, viti e staffe per il fissaggio
Tutto il materiale è facilmente reperibile in qualsiasi grande magazino di fai da te.
Bisogna costruire una cornice dentro la quale inserire il pannello di lana di roccia; la lana di roccia è venduta in pannelli rigidi, di solito di misura 60cm per 100cm e 5cm di spessore, quindi possiamo sfruttare le sue misure senza doverla tagliare.

ATTENZIONE: usate dei guanti in materiale plastico, una mascherina e degli occhiali per maneggiare la lana di roccia perchè le polveri di questo materiale sono irritanti!

Una volta costruita la struttura e adagiata all'interno la lana di roccia, dobbiamo avvolgerla nel tessuto-non-tessuto che ci permette di contenere le polveri irritanti ed è acusticamente trasparente. Usate un doppio strato di TNT per chiudere bene la lana all'interno della struttura.
A questo punto basta ricoprire la cornice con un tessuto di nostra scelta per una sola questione estetica e fissarla al muro nei punti di maggiore riflessione.
Per creare invece dei bass absorber efficaci possiamo sfruttare i pacchi di lana di roccia, che di solito contengono 10 lastre e appoggiarli sulla parete alle nostre spalle e negli angoli frontali dietro i monitor.
Possiamo appoggiare 8 di questi pacchi sulla parete posteriore e racchiuderli in una cornice di legno e TNT come abbiamo fatto per i pannelli fonoassoebenti e posizionarne 2 per ogni angolo frontale (uno sopra l'altro) per un totale di 12 pacchi di lana di roccia.

Il tuo primo trattamento acustico fai da te

Cliccando qui  potrete vedere un buon tutorial in inglese sulla autocostruzione di pannelli acustici da cui potete prendere spunto per creare i vostri.
Buon lavoro!
 
mixing recording tecniche di registrazione
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
RCF ART315A MK4 CASSA AMPLIFICATA DA LIVE 400W RMS 15 ART- 315-A MK4
di Borsari Strumenti Musicali
 € 390,00 
 
Dunlop 6574 Cream of Carnauba
di Music Island
 € 10,00 
 
XVive W1 Wave Phaser ( Spedizione inclusa )
di Gas Music Store
 € 69,00 
 
Music Man Petrucci Majesty BFR Ball Family Reserve Bali Blue Burst. Limited Edition (95 pezzi) Firmata a Mano da John!
di Dream Music Studio
 € 4.599,00 
Visualizza il prodotto
Quik Lok Rksi202-1 Cavo Per Strumenti Jack Stereo - Jack Stereo
di Music Delivery
 € 6,00 
 
Jackson Ampworks Newcastle 30
di Daniele Guido Cabibbe
 € 2.000,00 
 
Ernie Ball 4276 Fretboard Conditioner
di Centro della Musica
 € 3,00 
 
LENCO Giradischi LBT-188
di Personla Sound
 € 249,00 
Nascondi commenti     3
Loggati per commentare

di Pietro utente non più registrato
commento del 16/01/2017 ore 09:51:50
Ottima soluzione,dato che il materiale "gia pronto", costa un botto.
Rispondi
di ENZ0 [user #37364]
commento del 16/01/2017 ore 23:52:13
Divertenti questo tipo di articoli!
Io ho ottenuto ottimi risultati con una tenda molto pesante (presa all'ikea) tipo quelle usate nei cinema, un tappeto e un pannello rivestito in gomma eva!
Mia moglie aveva messo il veto a una specie di bass trap che mi ero costruito e che volevo perfezionare!
Ovviamente senza la pretesa di un risultato pro!
Rispondi
di simonec78 [user #13803]
commento del 04/02/2017 ore 17:01:53
Oltre a tutto questo anche una libreria con i libri di diverse misure crea delle trap per diversi grandezze di frequenza. Tanto vale usarla.
Rispondi
Altro da leggere
In studio con Quaini: i preamplificatori
Computer non riconosce il Torpedo Captor 8
Sono passati 20 anni
Carl Verheyen: “Home studio e digitale? Non saranno mai un 10”
Tre scorciatoie per incattivire le tue chitarre metal
Come suona la mia stanza?
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Slash Signature November Burst NAMM 2020
Visualizza l'annuncio
Gibson Les Paul Custom Shop Custom Authentic Historic 68 VOS
Visualizza l'annuncio
Fender Stratocaster Custom Shop David Gilmour RELIC - THE BLACK STRAT
Seguici anche su:
Altro da leggere
Morto Phil Spector, inventore del Wall Of Sound
JHS vende il primo Centaur mai prodotto
Il NAMM non si fa, ma i costruttori ci sono tutti
Canzoni sbagliate!
Morto Alexi Laiho: fondatore dei Children of Bodom
Brand da tenere d’occhio nel 2021
No: questo non è lo schema del chip Covid-19
Sotto l'albero del chitarrista: una guida disinteressata
Il Natale del Baby Boomer
Un plettro da 4,5 miliardi di anni
Ti annoi? Satchel ti insegna i versi degli animali sulla chitarra
L’Octavia di Band Of Gypsys battuto per 70mila dollari
Guitar Man: Joe Bonamassa in un documentario
I 5 acquirenti che non vorresti mai trovare
Lo sapevi che...? La nuova rubrica Instagram di Accordo.it




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964