CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?
Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?
di [user #19758] - pubblicato il

Che sia una cicatrice guadagnata sul campo o un piccolo difetto congenito che ci permette di riconoscere la nostra chitarra tra mille altre, fino a che punto l'imperfezione è sinonimo di unicità?
Sono un felice possessore di quattro splendide ragazze. In ordine dalla più anziana, mi fanno compagnia una Ibanez JEM 77FP del 1998, una Gibson Les Paul Custom Ebony del 2001, una Ibanez JEM 7VWH del 2007 e una Fender Jimi Hendrix Stratocaster del 2015.
Ebbene, nessuna di queste bellezze è perfetta esteticamente.

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Quando le acquistai (la 77FP e la Les Paul Custom sono state acquisite da precedenti proprietari) non mi concentrai particolarmente sulla perfezione estetica, sulla qualità delle finiture o altre caratteristiche meramente esteriori. Mi interessavano la risonanza dei legni, il feeling con il manico e la qualità timbrica. La voce è tutto!
La mia amata Les Paul, per esempio, ha un difetto del filetto inferiore (più spesso del normale) che ha portato a un micro solco della vernice lungo tutto il profilo. Per me è un segno di unicità, e il suono è davvero grandioso.
La Fender Jimi Hendrix mostra una verniciatura non perfettamente omogenea. È estremamente sottile ma anche in questo caso, dopo averne provate sei (quattro bianche e due nere), è l’unica che mi ha rubato il cuore!

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Spesso mi confronto con chitarristi fanatici (o meglio maniaci) della perfezione fine a se stessa: mai un graffio, mai un segreto, mai una sbavatura.
Ora, so di parlare a un pubblico costituito al 99% da musicisti: molti di voi saranno professionisti, o quasi. Meglio di me comprenderete l’importanza di quando detto poche righe sopra.
Uno strumento musicale deve, in primo luogo, appagare le nostre orecchie (e la nostra anima). L'estetica, purtroppo, il più delle volte è fine a se stessa.

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Personalmente non amo gli esemplari malconci e non mi convincono quelli che oggi chiamano, commercialmente, “relic” di fabbrica: li trovo privi di senso. Ma anche certe chitarre troppo imbustate e dall’aria fighetta non mi attraggono: sono corpi da suonare, non soprammobili!

Credo che uno strumento debba emozionarci, anche con la sola forza della propria vocalità. Le finiture sono importanti solo quel tanto che basta per renderlo appetibile agli occhi al momento del primo incontro. Poi, una volta imbracciato, tutto cambia: entrano in gioco infinite costanti, le quali devono essere prese in seria considerazione per condurci alla costruzione di una "relazione musicale" stabile e duratura.
Voi cosa ne pensate?
chitarre elettriche gli articoli dei lettori
Mostra commenti     28
Altro da leggere
SL4X: in prova la Jackson da corsa per la fascia media
La Les Paul richiede più manutenzione?
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Doheny V12: gli humbucker tripli della offset G&L
Supro replica la Dual Tone di David Bowie
DC Pro è la prima Epiphone del 2019
Seguici anche su:
News
La Strat interamente fatta di pastelli colorati
Guarda John Mayer presentare GarageBand per Apple nel 2004
Ascolta New Horizons: il nuovo singolo di Brian May
I temi chitarristici più caldi del 2018
Impara a suonare e a tenere il palco con Carlos Santana
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964