CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?
Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?
di [user #19758] - pubblicato il

Che sia una cicatrice guadagnata sul campo o un piccolo difetto congenito che ci permette di riconoscere la nostra chitarra tra mille altre, fino a che punto l'imperfezione è sinonimo di unicità?
Sono un felice possessore di quattro splendide ragazze. In ordine dalla più anziana, mi fanno compagnia una Ibanez JEM 77FP del 1998, una Gibson Les Paul Custom Ebony del 2001, una Ibanez JEM 7VWH del 2007 e una Fender Jimi Hendrix Stratocaster del 2015.
Ebbene, nessuna di queste bellezze è perfetta esteticamente.

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Quando le acquistai (la 77FP e la Les Paul Custom sono state acquisite da precedenti proprietari) non mi concentrai particolarmente sulla perfezione estetica, sulla qualità delle finiture o altre caratteristiche meramente esteriori. Mi interessavano la risonanza dei legni, il feeling con il manico e la qualità timbrica. La voce è tutto!
La mia amata Les Paul, per esempio, ha un difetto del filetto inferiore (più spesso del normale) che ha portato a un micro solco della vernice lungo tutto il profilo. Per me è un segno di unicità, e il suono è davvero grandioso.
La Fender Jimi Hendrix mostra una verniciatura non perfettamente omogenea. È estremamente sottile ma anche in questo caso, dopo averne provate sei (quattro bianche e due nere), è l’unica che mi ha rubato il cuore!

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Spesso mi confronto con chitarristi fanatici (o meglio maniaci) della perfezione fine a se stessa: mai un graffio, mai un segreto, mai una sbavatura.
Ora, so di parlare a un pubblico costituito al 99% da musicisti: molti di voi saranno professionisti, o quasi. Meglio di me comprenderete l’importanza di quando detto poche righe sopra.
Uno strumento musicale deve, in primo luogo, appagare le nostre orecchie (e la nostra anima). L'estetica, purtroppo, il più delle volte è fine a se stessa.

Quando l'imperfezione diventa sinonimo di unicità?

Personalmente non amo gli esemplari malconci e non mi convincono quelli che oggi chiamano, commercialmente, “relic” di fabbrica: li trovo privi di senso. Ma anche certe chitarre troppo imbustate e dall’aria fighetta non mi attraggono: sono corpi da suonare, non soprammobili!

Credo che uno strumento debba emozionarci, anche con la sola forza della propria vocalità. Le finiture sono importanti solo quel tanto che basta per renderlo appetibile agli occhi al momento del primo incontro. Poi, una volta imbracciato, tutto cambia: entrano in gioco infinite costanti, le quali devono essere prese in seria considerazione per condurci alla costruzione di una "relazione musicale" stabile e duratura.
Voi cosa ne pensate?
chitarre elettriche gli articoli dei lettori
Mostra commenti     28
Altro da leggere
Torna la rara Supro Tri Tone
Matt Bellamy acquisisce Manson Guitar Works
Da ESP LTD una sgargiante serie 400 per il 2019
Lo Sugar Chakra di Phil Collen ora in vendita
Cool Gear Monday: Snakehead, il primo prototipo Telecaster
Vince Pastano: "il suono è la chiave di tutto"
Seguici anche su:
News
E' morto Andre Matos, storico vocalist degli Angra
Il prototipo Ibanez di Herman Li all’asta per una buona causa
Game Of Thrones suona Fender
George Gruhn sul mercato delle chitarre di oggi e di ieri
Dinah Gretsch festeggia i 40 anni nell'industria musicale
Mick Jagger sarà operato al cuore
Sono italiani gli autori del nuovo videoclip degli Stray Cats
Kleisma: la musica che nasce dal web
Un Doodle armonizza melodie sullo stile di Bach
Gibson: nominato il nuovo Director of Brand Experience
Eko festeggia 60 anni il 13 e 14 aprile
T-Rex fallisce ma promette riscatto
Spunta online il prototipo Gibson Jimi Hendrix mai giunto in produzion...
In vendita il rarissimo DS1 Golden Edition: ne esistono solo sei
Namm 2019: una giornata tipo alla fiera più grande del mondo




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964