CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS SHOP
Decal? Meglio in stile lawsuit!
Decal? Meglio in stile lawsuit!
di [user #22654] - pubblicato il

Perché costruirsi una chitarra in stile Stratocaster con le proprie mani per poi piazzarci sopra il logo Fender? Abbiamo messo sudore e immaginazione nel nostro ultimo assemblato, e merita di avere un'identità propria. Se non si vuole tradire l'estetica originale, una soluzione è... il lawsuit creativo!
Sempre più chitarristi scelgono di costruire o farsi costruire una chitarra. Tra questi, molti scelgono un progetto classico, Stratocaster e Telecaster in primis per ovvie ragioni sí di "iconicitá", ma anche di semplicità nella realizzazione. I motivi che spingono a realizzare uno strumento classico invece che acquistarlo sono molteplici: alcuni lo fanno per divertimento o esercizio, altri sperando (spesso ingenuamente) di spuntare un prezzo stracciato per lo strumento dei propri sogni, altri ancora consapevoli che uno disposto ad acquistare (e magari rivendere) un clone si trova sempre, altri ancora - tra cui io - perché l'oggetto del desiderio, così come lo si desidera, non è presente nei cataloghi dei grandi marchi.

Decal? Meglio in stile lawsuit!

C'è una questione con cui chiunque decida di costruire un modello classco deve confrontarsi: la scelta della decal.
Alcuni optano per un anonimo spazio vuoto sulla paletta, altri per una decal personalizzata, altri ancora per una firma fatta a mano. Tuttavia, è cosa nota, il marchio e il suo logo fanno parte dell'icona: cosa sono dei Ray-Ban senza scritta? Cosa sono un paio di Levi's senza linguettina rossa? E così molti decidono di applicare una decal farlocca recante il logo tanto amato. ​Questa è, secondo​ me, una pratica​ piuttosto​ odiosa per vari motivi​, tralasciando​ eventuali​ implicazioni​ "legali".
In primis, una chitarra​ con logo Fender potrebbe​ finire per essere venduta, pur in buona​ fede, per Fender orignale o potrebbe essere scambiata per tale da un acquirente​ poco attento​ o ignorante​. Poi, una chitarra,​ assemblata o artigianale che sia, è costata il lavoro​ di qualcuno​, che sia un artigiano​ o il proprietario​ stesso, e mi pare ​corretto​ dar merito del lavoro svolto a chi lo ha fatto. Infine, non è un granché bello attribuire ad altri un lavoro che non hanno svolto: se qualcuno realizzasse una borsa simile alle mie non mi piacerebbe utilizzasse il mio nome! Allo stesso tempo comprendo benissimo chi non tollera un logo diverso da quello storico su una determinata chitarra, tanto più se si è scelto di realizzare lo strumento ex novo proprio perché questo non è più disponibile sul mercato essendo un oggetto raro, vecchio o di nicchia. È una questione prettamente estetica, ma di grande importanza.

Decal? Meglio in stile lawsuit!

Personalmente, ho pensato per un po' di costruirmi una Fender Musicmaster. In giro non se ne trova una riedizione degna di questo nome (ma gli originali sono ancora abbordabili, fortunatamente) ed è uno degli trumenti più squisiti che sia mai passato sotto le mie mani. Pensa e ri-pensa, non mi andava proprio l'idea di metterci - nel caso - un logo che non fosse il classico Fender d'epoca ma, allo stesso tempo, non lo ritenevo giusto. E così, dopo un po' di prove, sono giunto a una conclusione: mi pare che creare un logo simile sia la scelta più giusta o almeno un buon compromesso. È quello che facevano le lawsuit giapponesi degli anni '70 e '80, ma questa volta noi lo facciamo "senza scopi di lucro" e senza danneggiare nessuno.
Tokai o Greco mi paiono esempi calzanti.

Decal? Meglio in stile lawsuit!

Non si rischia di imbrogliare nessuno sprovveduto, si mette ben in vista l'originalità della realizzazione, si dà librero sfogo alla fantasia - e credetemi, ce ne vuole per trovare un risultato davvero soddisfacente - e non si lascia quell'odioso spazio vuoto sulla paletta né lo si riempie con uno scarabocchio a caso. Basta trovare il font giusto e il giusto tema, e sono salve sia la coscienza sia la linea.

Ecco, io dopo un po' di tribolazioni son giunto alla conclusione che la mia Musicmaster si chiamerà - quando e se si chiamerà - "Funker Radiocaster": Funker (operatore radiofonico, ma soprattutto rende bene con quel font) e Radiocaster (perché una chitarra bruttina - ah ah - in Tele non si può mica sbattere). Il nome giusto per una chitarra che in uno studio, tra microfoni, cuffie e cavetteria varia, attaccata a un Champ e senza bisogno di mettersi in mostra, sarebbe proprio a casa sua. Sono soddisfatto. Mi pare un buon modo per salvare capra e cavolo senza scadere troppo nel banale e senza tradire il gusto per il filologicamente corretto.

Spero di vederne di più di "Fucker", "Bender", "Tender", etc. Meno, decisamente meno, di "F(ake)ender"!

Decal? Meglio in stile lawsuit!
chitarre elettriche fai da te gli articoli dei lettori
ABBIAMO BISOGNO DI TE!

Dal 1997 ACCORDO mette gratuitamente a disposizione di chi fa musica contenuti di qualità altissima. Competenze e lavoro per produrli comportano costi che la pubblicità fatica a coprire, soprattutto in questo periodo difficile. Per questo ti chiediamo una donazione, anche piccola, per aiutarci a mantenere la qualità che i musicisti italiani si aspettano da ACCORDO.

DONA ADESSO!
In vendita su Shop
 
Soundsation SJJJ-30BK Cavo adattatore a Y 3.5mm Jack maschio STEREO - 2x6.3mm Jack maschio MONO
di Music Island
 € 5,00 
 
CROSON 301800 GLOCKENSPIEL METALLOFONO 10 PIASTRE
di Borsari Strumenti Musicali
 € 59,00 
 
Vintage VSA575TS Tobacco Sunburst Semiacustica
di Music Island
 € 349,00 
 
UFIP - BIONIC CHINA 19
di Music Works
 € 272,60 
 
Jackson Kelly USATO cod. 12921
di Lenzotti
 € 299,00 
 
SEYMOUR DUNCAN P90 VINTAGE NECK
di Boxguitar.com
 € 110,00 
 
RAW VINTAGE RV-60 STRAT NECK
di Boxguitar.com
 € 94,00 
 
PELLE REMO EMPEROR 8 TRASPARENTE
di Centro della Musica
 € 13,00 
Mostra commenti     31
Altro da leggere
Surfy Industries Surfybear: Riverbero a molle nel 21esimo secolo
La Jackson Kelly si veste di Green Crackle con Brandon Ellis
Goldie: tre gold foil per la Music Man di St Vincent
Gold Glory: la spartana goldtop di Jared James Nichols
Gibson celebra 60 anni di SG 1961
Gibson, Epiphone e il ritorno in USA
Gli annunci dei lettori
Visualizza l'annuncio
Schecter Sun Valley Super Shredder FR S
Seguici anche su:
Altro da leggere
Vuoi fare l’influencer? Spiacente: YouTube non paga
Lo streaming funziona, se sai cosa vendi
Non farti fregare: impara a leggere i numeri dei social
Le telecamere di The Scene al Grand Ole Opry
Il rock è reazionario
A Sanremo ha vinto il rock: e giù tutti a indignarsi
Una foto svela per errore la prima Silver Sky SE?
Steve Vai infortunato per “un accordo bizzarro"
Shure stravince al Music & Sound
La collezione di Tommy Emmanuel in vendita per beneficenza
Spotify: il brevetto “ascolta” il tuo stato d'animo
Bruce Springsteen: Jeep ritira lo spot pubblicitario dopo la notizia d...
Chick Corea è morto
USA: fermate chitarre false per quasi 160mila dollari
Gli sviluppi delle accuse di molestie sessuali a Marilyn Manson




Licenza Creative Commons - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964