HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero
La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero
di [user #46004] - pubblicato il

Corrado Rustici non ha certo bisogno di presentazioni, ha prodotto alcuni tra i più importanti nomi del pop italiano quali Elisa, Francesco de Gregori, Ligabue, Negramaro, Francesco Renga solo per citarne alcuni. Una delle sue collaborazioni più longeve e fortunate, che ha dato alla luce successi su successi, però è indubbiamente quella con Zucchero “Sugar” Fornaciari. Ci addentriamo in alcune gemme chitarristiche del lavoro di Rustici alla chitarra con Zucchero, concentrandoci - per questa volta - sulla parte ritmica.
Dal 1985 Rustici è entrato a far parte della scuderia del cantante reggiano inizialmente come chitarrista, produttore e arrangiatore insieme agli altri componenti della band (chiamata Randy Jackson Band), poi a partire dal 1987 con un cambio di line-up rimane il solo produttore e arrangiatore (continuando a ricoprire il ruolo di chitarrista) di ogni album prodotto fino al 1992, e poi insieme a Zucchero fino al 2001, anno che vede il termine del lungo sodalizio tra i due. Noi, in questo speciale articolato in tre lezioni (festeggiando inoltre i suoi 60 anni), ci dedicheremo esclusivamente al Rustici chitarrista, tralasciando in questa sede l'enorme e stupendo lavoro che ha svolto come arrangiatore e produttore. In questa prima lezione affronteremo alcune trascrizioni di chitarre ritmiche adottate vari generi musicali.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Nei primi album, Rustici utilizza spesso ritmiche funky ad accordi oppure a note singole (spesso in palm muting) utilizzando usando un suono estremamente pulito, e la precisione nella divisione ritmica è sempre disarmante. Non mancano anche alcune ritmiche reggae e rock. Dall'album “Oro, Incenso e Birra” del 1989 fino a “Spirito Divino” del 1995, pur non tradendo la matrice funky blues, la chitarra tende a diventare maggiormente pop e rock (a volte ai limiti dell'hard rock) e la trama sonora chitarristica s'infittisce con sovraincisioni varie. Inoltre entra in gioco maggiormente la chitarra acustica con ritmiche pop in strumming o con fraseggi blues. Infine negli ultimi 2 album (“Bluesugar” del 1998 e “Shake” del 2001), l'elettronica prende il sopravvento rispetto alla chitarra che diventa decisamente meno protagonista, anche se si distingue dai lavori precedenti per la maggior quantità di effetti utilizzati nel sound. Corrado Rustici, pur variando la mole e l'utilizzo del lavoro chitarristico nel corso degli anni è sempre riuscito, con i suoi riff e ritmiche d'accompagnamento, a restare perfettamente al servizio della canzone e della voce di Zucchero senza però scadere mai nel banale, facendo largo uso della propria fantasia ed esperienza, così evitando sistematicamente accompagnamenti anonimi che a volte purtroppo s'incontrano in molte produzioni mainstream. Ricordiamo che le diteggiature presenti sono assolutamente modificabili a discrezione del lettore. Inoltre consigliamo sempre di ascoltare i brani da cui sono tratti i vari esempi per facilitare la lettura che in alcuni casi potrebbe risultare ostica e far proprie tutte le sfumature di dinamica e d'intenzione che sulla carta (in questo caso digitale) non si possono scrivere.
Iniziamo con delle ritmiche funky, sempre molto presenti nei primi tre album: “Zucchero & The Randy Jackson Band” del 1985, “Rispetto” del 1986 e “Blue's” del 1987. 

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Dal primo album menzionato, vi offriamo questo potente intro funky a note singole del brano “Ti farò morire”. L'intro sfocia in uno scoppiettante ritmo funky su un solo accordo (Dm) che accompagna la strofa. Tempo 131 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Questa è l'introduzione della title track “Rispetto”,  un intelligente disegno ritmico in C dorico che vede l'alternanza tra i e IV7 (Cm, F7)Tempo 120 bpm

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La super hit “Con le Mani”, tratta da “Blue's” si muove tra I7 bIII IV in E (E, G, A, il I grado diventa maggiore per dare al brano una sonorità più vicina al blues, tipica progressione del genere). La chitarra si muove inizialmente ad accordi e successivamente in maniera melodica, utilizzando una ritmica che gioca molto con le pause in battere e relative note suonate in levare e l'uso sapiente delle note stoppate. Tempo 120 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Un'altra ritmica funky esplosiva proviene dal brano “Pippo” (sempre da “Blue's), in D misolidio (I7 bVII IV e I7 IV). Come per gli esempi precedenti, anche in questo bano si alternano note in battere seguite da pause e note in levare. Tempo 110 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Una ritmica super efficace la si trova nella super hit “Diavolo in Me” da “OI&B”. 
In questo caso armonicamente si passa da I7 a IV (E7, A). Notate il disegno ritmico delle 2 chitarre sovraincise.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra di sinistra utilizza accordi inizianti in battere mentre quella di destra note singole in levare e successivamente un fraseggio ad ottave. Tempo 125 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Il primo Zucchero oltre ad essere principalmente funky, si colora sporadicamente di brani dal sapore reggae. Di seguito un esempio sintomatico tratto da “Tra Uomo e Donna” (presente nell'album “Rispetto”). Tempo 140 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Ecco un altro esempio reggae tratto da “Bambino Io, Bambino Tu (Legenda)” dall'album “Blue's”. Come nell'esempio precedente utilizziamo il palm muting e prestiamo attenzione nel rendere le note tra loro indipendenti utilizzando la tecnica dello staccato.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Ora addentriamoci brevemente nel Rustici “Hendrix Style”, predominante nel brano “Madre Dolcissima” tratto da “OI&B”. Gli ornamenti cambiano in continuazione, e così vale per le note suonate a vuoto rispetto a quelle premute.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La trascrizione è un compendio di vari momenti presenti nel corso del brano, e consigliamo l'uso del pollice della mano sinistra per premere le note sulla sesta corda. L'accordatura è un semitono sotto. Tempo 69 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Passiamo a 4 riff orientati decisamente verso l'hard rock
Il primo è tratto da “Il Mare (Impetuoso al tramonto...) da “OI&B”. Tempo 90 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Il secondo, tratto da O.L.S.M.M presente in “Spirito Divino”  è suonato in palm muting e con una distorsione piuttosto pesante. Tempo 103 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

X Colpa di Chi?” (sempre da “Spirito Divino”) presenta un riff azzeccatissimo in bilico tra hard rock e dance, le note devono essere suonate con la giusta intenzione, e ricordatevi di eseguire i bending di ¼ di tono dove sono segnati che rendono più vivo il nostro playing. Tempo 120 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Il quarto e ultimo esempio è il riff di impronta zeppeliniana di “Porca l'Oca”, dall'album “Shake”. 
Tempo 83 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Un riff maggiormente orientato verso il blues rock invece è quello tratto da “Il Pelo Nell'Uovo” dall'album “Miserere” del 1992. Tempo 98 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Rustici spesso utilizza nelle ballad accordi arpeggiati suonati in clean. Da un punto di vista didattico è preferibile utilizzare sempre una costante pennata alternata (che aiuterà molto l'incremento della nostra tecnica della mano destra e faciliterà un'esecuzione ritmicamente precisa), ma finché le note sono suonate a tempo anche una pennata “non matematica” funzionerà lo stesso.
Iniziamo quindi dal bellissimo arpeggio che sostiene il brano “A Wonderful World”. L'intro prevede nella versione studio due chitarre che suonano in maniera omoritmica la stessa sequenza di note ma ad una distanza di ottava. In particolare, la chitarra presente nel canale sinistro è suonata un'ottava più alta rispetto alla chitarra del canale destro. La diteggiatura utilizzata per questa chitarra è stata pensata non prevedendo un capotasto mobile, ma se trovate difficoltà posizionate il capotasto al XII tasto e suderete molto meno! Tempo 115 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La traccia “Il Volo” da “Spirito Divino” inizia con un arpeggio in F#7, che con un pizzico di delay risulterà davvero evocativo. Attenzione a lasciar risuonare le note e a suonare le note usando dinamica (prestate ascolto all'originale). Tempo 76 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Anche poche note a volte possono dare alla luce un riff efficace, e il breve ma delizioso arpeggio blueseggiante tratto dall'intro di “Alleluja” (sempre da “Spirito Divino”) ne è la conferma. L'esempio è in E7
Tempo 120 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Concludiamo questa carrellata di esempi sulla chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero proponendovi l'arpeggio iniziale tratto da “Puro Amore” (presente nell'abum “Bluesugar”). Notate l'uso sapiente delle corde a vuoto lasciate risuonare. Il E basso iniziale dura per le prime due battute. Tempo 77 bpm.

La chitarra ritmica di Corrado Rustici con Zucchero

Studiate sia “sopra” al brano originale che individualmente a metronomo per essere più consci del lavoro che state svolgendo. Curate sempre il suono e rendete credibile il vostro playing, non suonate solo le note giuste ma curate anche l'intenzione con cui queste vengono prodotte. Fate musica.
Buon lavoro e ci vediamo molto presto con esempi tratti dal lavoro di Rustici solista con Zucchero.

corrado rustici lezioni zucchero
Link utili
Il sito di Corrado Rustici
Altro da leggere
Pubblicità
Luca Colombo: Pentatoniche da Misolidio...
Studiamo i modi: Lidio con le triadi...
Le Pillole del Guru - "Questo non è un buon maestro!"...
Studiamo il Misolidio...
Pubblicità
Cesareo: uscire dalla stanzetta...
Giacomo Castellano: hybrid picking, arpeggi e tante sestine...
Giacomo Castellano: un riff tra Hendrix e Vai...
Accordi con la sesta...
Corde fini, cervello grosso...
Federico Poggipollini: ottavi in Nero...
Federico Poggipollini: come suonare gli arpeggi...
Coccolate gli accordi e la ritmica...
Suonare e registrare gli ottavi...
Commenti
di Dr.69Tantra [user #5954] - commento del 15/05/2017 ore 14:57:22
che goduria di lezione
non vedo l'ora di vedere/sentire e provare le altre
mitico corrado

ps:non dimentichiamo che il suo ultimo lavoro solista lascia a bocca aperta
chitarra oltre ogni imaginazione e chitarrista illuminato
Rispondi
di rockit [user #11557] - commento del 15/05/2017 ore 15:01:3
Che figata di articolo. Accuratissimo e con trascrizioni di parti assolutamente memorabili.
Rispondi
di Aquarius utente non più registrato - commento del 15/05/2017 ore 15:19:59
Ottimo ed abbondante :)))) Bellissima lezione, con molte chicche.
Rispondi
di e.n.r.i. [user #46044] - commento del 15/05/2017 ore 16:26:32
Miiiiii Piaceeee!!!!!
Che bella scusa per riascoltare Blue's. L'assolo di "Solo una sana e consapevole libidine..." è proprio una libidine!
Rispondi
di swing [user #1906] - commento del 15/05/2017 ore 16:33:23
Rustici è immenso. Oltre alle ritmiche eccelse ha suonato assoli impareggiabili, bisognerebbe fare un anno di lezioni per coprire le sue parti di chitarra, parlando solamente degli album di zucchero.
Rispondi
di Pietro [user #44778] - commento del 15/05/2017 ore 16:45:41
Corrado è fantastico,basta ascoltare i suoi lavori da solista,prima con i Nova,poi "Deconstruction of a postmodern musician" e infine l'ultimo "Aham",roba sublime!
Rispondi
di elguitarron [user #8109] - commento del 16/05/2017 ore 10:47:36
..per non parlare di "The Heartist"!
Rispondi
di Pietro [user #44778] - commento del 16/05/2017 ore 11:32:0
Giusto,mi era rimasto nella penna :-)
Rispondi
di gianz [user #34918] - commento del 15/05/2017 ore 16:49:58
ottimo!
Rispondi
di maccarons [user #20216] - commento del 15/05/2017 ore 18:25:16
Cioè, ma cosa non è questo articolo?
Chapeau!!!
Rispondi
di martipie [user #20731] - commento del 15/05/2017 ore 23:37:09
Grandissimo Rustici ! La produzione di Serendipity della PFM è un capolavoro.
Rispondi
di mmas [user #15948] - commento del 16/05/2017 ore 08:08:08
Bellissimo articolo complimenti!
Rispondi
di Merkava [user #12559] - commento del 16/05/2017 ore 09:48:25
ב"ה
Anche Prendere o lasciare di De Gregori e' un discone, per la produzione e le chitarre
Rispondi
di elguitarron [user #8109] - commento del 16/05/2017 ore 10:50:54
Tutto quello che ha toccato è diventato oro...per dirne uno, "Pipes and Flowers" di Elisa ha degli arrangiamenti fantastici.
Rispondi
di Criss79 [user #38354] - commento del 16/05/2017 ore 12:17:05
Che articolo, adoro Rustici, adoro Zucchero e adoro quegli album!!
Da piccolo (anni '80) associavo il suono della chitarra elettrica esclusivamente al solo di Madre Dolcissima... che artista!
Rispondi
di gerlop [user #44005] - commento del 19/05/2017 ore 21:54:06
Rustici è un grande musicista dalle conoscenze tecniche e musicali sicuramente non comuni. Però devo essere critico e forse impopolare. Lo ascoltai dal vivo e, mi dispiace dirlo, mi deluse un po'. Fece un bel po' di errori e imprecisioni durante le esecuzioni. Certo, su questo si potrebbe discutere per il fatto che, essendo esseri umani, chiunque può sbagliare, vuoi per stress, vuoi per fattori personali particolari...non sempre si può essere al top. Però, per chi ha le orecchie "dure" e non se ne fosse accorto, riascolti il filmato e mi dica sinceramente se non ci sono errori molto evidenti nella sua esecuzione solista. Non è comunque l'unico concerto in cui "sgarra" e in rete ce ne sono. Personalmente divido i musicisti, soprattutto i professionisti, in tre categorie, quelli live da palco, quelli da studio di registrazione e quelli adatti ad ambedue le cose. Per fare i live non è semplice, gli errori (anche per l'emozione di fronte a migliaia di persone) sono dietro l'angolo. In studio, manco a dirlo, ci sono altre difficoltà che non affronto ma, comunque, è sicuramente più agevole: se sbagli correggi! In pratica voglio semplicemente dire che Rustici lo definisco più come un musicista da studio che da palco. Infatti, se lo ascolto sui cd mi piace moltissimo e mi emoziona per ciò che ascolto ma, dal vivo, alle mie orecchie perde moltissimo. Rimane comunque, e lo ribadisco, un bravissimo musicista.
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
Brian Maillard a Bologna, sul palco dell'Ibanez RG 30th Anniversary Tour
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964