CHITARRA DIDATTICA ONSTAGE RECnMIX RITMI NEWS
Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour
Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour
di [user #116] - pubblicato il

La prima tappa dell’Ibanez tour è stata spettacolare. Per festeggiare i trent'anni della più disinibita e colorata chitarra del rock, Ibanez ha organizzato un tour con i quattro endorser italiani più in vista: Marco Sfogli, Gianni Rojatti, Ralph Salati e Andy Martongelli.
La prima tappa, lo scorso 22 giugno alla Blueshouse di Milano, ha portato sul palco fiumi di note, energia, tecnica e potenza sonora. Lo spettacolo offerto dai musicisti coinvolti ha confezionato un scenario sonoro ampio e variegato, a tratti estremo, ma che fotografa alla perfezione la filosofia musicale della RG: una chitarra nata come strumento che ha spronato la ricerca e l’evoluzione di forme espressive, tecniche musicali nuove nel linguaggio rock più moderno.
Così è stato l’altra sera sul palco della BluesHouse dove Martongelli, Sfogli, Rojatti (nel duplice ruolo di performer e presentatore) e Salati hanno offerto scorci di musica chitarristica moderna, coraggiosa e ricercata. Musica che sulle basi solide di una tradizione recente (quella dello shred degli anni ’80 e ’90 su cui tutti paiono formati) si apre su contaminazioni, sperimentazioni e nuovi registri espressivi.

Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour

La serata - come poi succederà per ogni altra tappa del tour - oltre ai quattro chitarristi titolari sfoggia anche due ospiti d’eccezione, che saranno diversi in ogni città: Daniele Gregolin e Cesareo di Elio & Le Storie Tese sono gli special guest di questa prima tappa milanese. 
La prima parte dello spettacolo è affidata alle esibizioni singole dei sei musicisti.
Ralph Salati apre le danze e stordisce con la violenza del suo set: ricercatissimo nella costruzione e nell’incastro ritmico e armonico degli arrangiamenti, brutale nella potenza dell’esecuzione e nella proiezione tecnica.

Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour

Andy Martongelli sale sul palco ed è heavy metal. Il suo show furioso conquista per l’energia e la ferocia di un impatto direttissimo e senza fronzoli trascinato da un chitarrismo appassionato e sanguigno, capace di deflagrazioni tecniche mozzafiato. Sale sul palco il primo ospite, Daniele Gregolin e ubriaca il pubblico con improvvisazioni tra jazz, manouche, fusion suonate con tecnica e gusto. Poi Cesareo regala una medley di pezzi di Elio & Le Storie Tese ben bilanciata tra grandi classici e chicche del repertorio. Tecnica, controllo, suono, classe. Un maestro.

Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour

Marco Sfogli ammalia per il controllo melodico, la briosità ritmica e la padronanza tecnica disarmante. Nella sua proposta il meglio del chitarrismo shred americano (Satriani e Petrucci a braccetto con Timmons) sono sublimati in una pronuncia melodica italianissima che conquista. Gianni Rojatti gioca con i generi musicali e il suo set è un’esplosione bizzarra e stralunata di contaminazioni: elettronica, shred estremo, reggae, blues... Virtuosimo, fantasia e un pizzico di sense of humor e follia.
Qualche minuto per riassestare il palco e per permettere alla sezione ritmica composta da Roberto Gualdi alla batteria e Giorgio Terenziani di prendere posto e parte la jam session. Forse anche per compensare la richiesta di concentrazione sollecitata al pubblico nella prima parte dello show - doverosa vista la complessità della proposta musicale - i musicisti optano per un fine scaletta di puro e semplice rock’n’roll. Divertimento scatenato con classici di Police, AC/DC e Led Zeppelin su cui, ovviamente, i musicisti (accompagnati da giovani cantanti appena diplomati al NAM di Milano) fanno scintille.

Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour

Ma prima che inizi la festa della jam Rojatti, Salati, Martongelli e Sfogli eseguono un emozionante tributo, suonando a quattro chitarre "Liberty", il brano epico che apre il disco strumentale più significativo per il chitarrismo moderno e shred, Passion & Warfare di Steve Vai. Disco manifesto del suono e dell'estetica Ibanez. È un momento emozionante, intenso e vibrante che vale, da solo, il biglietto della serata.
L’Ibanez RG Tour debutta con premesse a dir poco ottime per la prosecuzione del tour. A rendere ancor più speciale la serata c’è poi la sconfinata esposizione di Ibanez RG, un mix tra i più nuovi modelli del catalogo, pezzi da collezione e esemplari mozzafiato di modding fluorescente. Uno showcase irresistibile frutto della sinergia tra Ibanez Italia, Fago e Migi e l’Unofficial Ibanez Italian Club.

Irriverente, estrema, colorata: in scena la musica dell'Ibanez RG Tour

Per restare aggiornati sulle prossime date, godersi i retroscena di questo tour e restare immersi nel mondo pirotecnico e colorato delle RG, la raccomandazione è ovviamente quella di continuare a bazzicare sul Blog ufficiale dell'Ibanez RG Tour.
andrea martongelli cesareo concerti daniele gregolin eventi gianni rojatti giorgio terenziani ibanez Ibanez RG Tour marco sfogli ralph salati rg rg tour roberto gualdi
Link utili
Il Blog dell'Ibanez RG Tour
Sito Ibanez
Sito Mogar Music
Ibanez Italian Club
Mostra commenti     2
Altro da leggere
Marco Sfogli: Modern Sweep
Diario Di Bordo 1 – Guatemala City
Paul Gilbert: studenti senza espressività
Cesareo: bisogna ascoltarsi
"Green 88"
Intervista a Steve Vai: da Flex-Able a Passion And Warfare
Le mani furiose di Andy Martongelli
Ibanez RG Tour 30Th Anniversary: Sfogli, Rojatti, Salati e Martongelli
Non basta suonare bene
Segui l'Ibanez RG Tour dietro le quinte
Il "Duo del male" in tour con Ibanez
Telesavalas, la principessina rosa della plettrata
Maniaci Ibanez
Seguici anche su:
News
Billy Gibbons suona Rudolph La Renna con il capitano Kirk
SHG Music Show Milano 2018 apre i battenti
Paganini Rockstar
Roy Clark: il chitarrista intrattenitore
Come suona la chitarra in una camera anecoica
Chi ha inventato davvero il tapping
Come suona la mia stanza?
Certificato CITES: quando serve e come ottenerlo
Country Music Hall of Fame: il cerchio non sarà interrotto
Ryman Auditorium: la chiesa americana della musica live
La chitarra sparafulmini degli ArcAttack
Chris Shiflett vende tutto: "ho troppe chitarre!"
La storia del delay
La truffa delle chitarre online a prezzi bassissimi
Ecco perché finirai per acquistare il solito overdrive




Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964