HOME | CHITARRA | DIDATTICA | ONSTAGE | RECnMIX | RITMI | PEOPLE | NEWS         EVENTI | STORE | ANNUNCI | AGENDA
Se tutti suonassero l'ukulele...
Se tutti suonassero l'ukulele...
di [user #43307] - pubblicato il

Lo si imbraccia per gioco, ci si innamora per tradizione. Piccolo soprano o grosso baritono, ecco perché l'ukulele è il vero strumento della pace.
Tutti l'hanno visto almeno una volta e probabilmente qualche curioso avrà anche provato a suonarlo, perché diciamolo, l'ukulele ha il suo fascino, ma spesso, purtroppo, viene un po' sottovalutato. È infatti vero che, se la maggior parte delle persone che strimpella l'ukulele (sì, strimpella è il termine esatto) lo fa quasi per gioco perché suonare questo strumento può essere molto divertente, alle Hawaii, considerato da molti il suo Paese natale, l'ukulele è molto rispettato e vi è una lunga tradizione di costruttori e suonatori professionisti di questo meraviglioso strumento.

La costruzione di un ukulele è molto simile a quella di una chitarra, si utilizzano vari tipi di legni per lo più pregiati, ognuno dei quali offre timbriche sonore molto differenti, per tanto anche i prezzi possono variare dalle poche centinaia di euro a diverse migliaia.
Prima di scegliere se acquistare o meno un ukulele è necessario avere già in mente l'uso che se ne vorrà fare: lo userò come strumento di accompagnamento o come strumento solista? Lo userò per strimpellarlo una volta ogni tanto oppure ho intenzione di mettermi a studiarlo seriamente?
Esistono inoltre vari tipi di ukulele: soprano, concerto, tenore e baritono, che si differenziano per dimensione e sonorità. Proprio come accennato prima, anche l'ukulele può trasformarsi magicamente in uno strumento solista, così come una chitarra acustica non è soltanto uno strumento ritmico.



Fra i tanti mi vengono in mente due ragazze che vi inviterei ad ascoltare, nel caso in cui non le conosceste già: Honoka & Azita, che ormai da alcuni anni spopolano su YouTube proponendo arrangiamenti di canzoni famose come "Misirlou" di Dick Dale, e addirittura un medley con alcune canzoni della Disney, oltre a loro brani inediti.
C'è inoltre un altro ragazzo che vi inviterei ad ascoltare: Jake Shimabukuro, che personalmente considero il Tommy Emmanuel dell'ukulele.



Con questo articolo vorrei far capire, a chiunque lo leggesse e a chiunque abbia intenzione di avvicinarsi a questo fantastico oggetto, che l'ukulele non è un gioco, ma un vero e proprio strumento, e in quanto tale va rispettato e apprezzato per il suo suono dolce e rilassante.

Chi mi conosce sa che sono un chitarrista, suono quasi tutti i generi e amo molto la chitarra elettrica particolarmente per quanto riguarda il blues, anche se ultimamente mi sto avvicinando sempre più all'acustica, e sarà proprio questa mia passione per gli strumenti acustici che mi ha convinto qualche giorno fa ad acquistare un ukulele. Ebbene sì, non ho potuto resistere.
Si tratta del Kala KA-CEM-E (elettrificato), costruito in mogano esotico, uno dei miei legni preferiti. Fa il suo dovere, non doveva essere il mio strumento principale perché, come già detto, sono un chitarrista: volevo soltanto un ukulele che non fosse né troppo economico né ultra professionale, e Kala a mio avviso è il marchio perfetto a cui rivolgersi per chi volesse avvicinarsi al mondo dell'ukulele. Realizza strumenti per tutte le fascie di prezzo, dando così a tutti la possibilità di scegliere quello che fa al caso loro.
Suonandolo, mi sono reso conto di quanto sia incredibile ciò che si può fare con sole quattro corde.

Se tutti suonassero l'ukulele...

Spero di non avervi annoiato nella lettura di questo articolo e vorrei chiudere con una frase che disse Jake Shimabukuro, al quale ho accennato prima, durante una conferenza per il TED Talks: "Se tutti suonassero l'ukulele, il mondo sarebbe un posto più allegro".
Qui sotto allego una cover da me fatta di "Somewhere over the rainbow" ispirandomi alla versione di Jake Shimabukuro, spero apprezzerete.

gli articoli dei lettori ukulele
Link utili

Altro da leggere
Pubblicità
Quattro suoni che non possono mancare nella...
Fender Mustang GT 100: prova su strada...
Il silenzio in pedaliera...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto...
Pubblicità
Commenti
di Jeremy's Garden [user #8003] - commento del 21/08/2017 ore 12:14:46
Effettivamente, anche io l'ukulele l'ho comprato un po' per gioco, un po' per curiosità e devo dire che si tratta di uno strumento che, anche se all'apparenza può sembrare un "giocattolo", ha molti lati nascosti e, soprattutto, molto molto divertente da suonare. Non volendo spendere una cifra esagerata per uno strumento che non sapevo nemmeno suonare, ho comprato un entry level ukulele soprano. Dopo sette minuti riuscivo già a strimpellare una canzone. Ho pensato: questo "chitarrino" ha delle potenzialità!! ;-)
E' proprio vero: lo si strimpella, non lo si suona.. Sarà perchè nell'altra camera ho una Les Paul ed ho sempre un po' di riverenza e rispetto nel suonarla, sarà perchè l'ukulele è comodo vicino al divano, però lo si strimpella che è una meraviglia.. E, devo dire, aiuta molto nello sciogliere la mano per lo strumming!
L'anno scorso ho avuto la fortuna di andare in tre isole delle Hawaii e a Maui sono entrato in un laboratorio di un liutaio che costruiva e vendeva ukulele: ne ho provato uno soprano in koa.. era fantastico, peccato per i 1.100 dollaroni richiesti.
Per concludere, uno strumento che, a mio avviso, dovrebbe essere insegnato anche nelle scuole medie.. tralasciando i famosi flauti dolci!! :-)
Rispondi
di SamLouis [user #43307] - commento del 21/08/2017 ore 12:20:16
Esattamente! Ho sempre detto che fin che nelle scuole si insegnera musica con il flauto di plastica, ci saranno sempre meno ragazzi che si appassioneranno seriamente a uno strumento. Esistono moltissimi altri strumenti altrettanto economici ma molto più divertenti da suonare, oltre che più interessanti per un ragazzino delle scuole medie, come appunto l'ukulele!
Rispondi
di adriphoenix [user #11414] - commento del 21/08/2017 ore 15:13:25
È uno strumento affascinante, ma le sue origini non sono hawaiane nonostante in queste isole sia diventato lo strumento nazionale per eccellenza, bensì portoghese (braguinha o cavaquinho) arrivato fin nel pacifico attraverso coloni portoghesi nel 19 secolo approdarono alle isole Hawaii e poi qui sviluppato nelle fogge che oggi conosciamo.
Rispondi
di SamLouis [user #43307] - commento del 21/08/2017 ore 15:24:16
Grazie per il commento, un po' di storia fa sempre bene!
Ho scritto infatti che le Hawaii sono "considerate da molti il suo paese natale" e non che lo siano effettivamente.
Non sapevo fossero portoghesi comunque, grazie!
Rispondi
di black poodle [user #1259] - commento del 21/08/2017 ore 20:11:25
Anche io me ne sono innamorato. Nonostante ami il suono del soprano, dopo averne avuti due sono passato al concert. Ho trovato la dimensione giusta per riuscire a strimpellarlo e anche per avventurarmi in qualche arpeggio o parte solistica semplice. Ogni tanto provo a studiare qualche tutorial sulle tecniche hawaiane ma alla fine lo suono come una chitarra perché ci eseguo le stesse canzoni. Nelle ultime due estati mi ha accompagnato in vacanza senza farmi rimpiangere di non avere una chitarra. Il mio ukulele è in legno di koa solido ed il suo suono è estivo, anche d'inverno... e mette allegria!
Rispondi
di SamLouis [user #43307] - commento del 21/08/2017 ore 21:20:10
Bellissimo il legno di koa! Ne parlano bene in molti come sonorità. Esteticamente mi piace molto, ma non ho mai avuto modo di provarlo.
Rispondi
di black poodle [user #1259] - commento del 24/08/2017 ore 09:12:31
Sul mio diario ho scritto un post sul mio ukulele
Rispondi
di SamLouis [user #43307] - commento del 28/08/2017 ore 12:35:56
Grazie per avermelo detto, lo leggerò senz'altro!
Rispondi
Commenta
Loggati per commentare





I più letti della settimana
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
Migliora i tuoi accompagnamenti: Mamma Mia
Zorglonde tra sinusoidi e onde quadre per un vintage versatile
I più commentati
La Boutique di Osvaldo: una nuova webserie da Accordo
La Duelsonic è un nuovo concetto di chitarra stereo
I migliori assolo di Corrado Rustici con Zucchero
St. Vincent in edizione speciale per Masseduction
Perché il fuzz genera un'ottava superiore?
I vostri articoli
Quattro suoni che non possono mancare nella tua pedaliera
di aleZ
Fender Mustang GT 100: prova su strada
Il silenzio in pedaliera
Se tutti suonassero l'ukulele...
Amplifcatori: più potenza non serve quanto credi
Licenza Creative Commons - Chi siamo - Privacy - Accordo.it Srl - P.IVA 04265970964